#2015, il ritorno della #Russia

L’anno che sta per concludersi ha segnato il definitivo ritorno sulla scena internazionale di uno dei suoi storici interpreti: la Russia. Un ritorno avvenuto dapprima in uno dei suoi storici ruoli, ossia come antagonista dell’Occidente, per poi passare a quello di baluardo nella lotta al terrorismo. Il dato saliente è che, alla fine di settembre, la Russia ha iniziato a compiere attacchi aerei a sostegno del regime del dittatore siriano Bashar al Assad.

[Continua su L’Indro]

Il lungo inverno che attende l’Ucraina

In Ucraina (o almeno in quel che ne resta) il Blocco Poroshenko, costituito dal partito Solidarietà del presidente in carica e da Udar di Vitaly Klitschko ha preso il 22% dei voti, superato di tre decimi dal Fronte Popolare del premier Arseniy Yatseniuk, primo partito su base nazionale. Ottimo risultato di Samopomich del sindaco di Leopoli, Andriy Sadovy, che con il 10,99% è stato il terzo partito più votato. Restano fuori dalla Rada le frange nazionaliste ed estreme di Praviy Sektor e Svoboda. Fuori anche i comunisti, mentre il partito di Yulia Tymoshenko ha varcato di poco la soglia di sbarramento.

Unanime il coro della stampa europea nel salutare l’esito del voto positivamente: europeiste sono ora cinque delle sei formazioni elette nella Rada, il 40% complessivo del duo Poroshenko-Yatseniuk rafforza la leadership al potere e il crollo degli estremisti fa dell’Ucraina uno dei paesi europei con la minore componente ultranazionalista.

In realtà si tratta di una lettura miope e superficiale. Innanzitutto perché ha votato il 52,42% degli aventi diritto: poco per un Paese chiamato a decidere del proprio futuro. La disaffezione dei cittadini ucraini si può spiegare con la sfiducia verso una classe dirigente che dalla scorsa primavera non è stata capace di abbozzare una soluzione ai problemi economici e sociali che attanagliano il Paese. Il presidente e il premier non hanno sfondato, dato che il 22% ciascuno equivale, sul totale dell’elettorato, all’11%. Continua a leggere

Come la Cina sta guadagnando sulla crisi in Ucraina

Partiamo da un presupposto. Il futuro dell’Ucraina è nelle mani di tanti attori: USA, Russia e ricchi poteri privati, ma non del governo di Kiev. Ognuno ha fatto la sua parte per condurre il Paese sull’orlo del baratro e sarà solo attraverso l’incontro tra queste opposte volontà a salvarlo dall’abisso. Il vicepresidente statunitense Joe Biden, nel corso di una visita diplomatica, ha minacciato nuove sanzioni contro la Russia, ma alla fine un accordo sarà necessario. Non a caso al tavolo di Ginevra sedevano rappresentanti di Washington, Mosca e Bruxelles, con il governo ucraino a ratificare le decisioni assunte dagli altri.

C’è però un altro grande Paese che nella crisi ucraina è pienamente coinvolto, e dalla quale potrebbe ricavare lauti profitti – economici e geopolitici – a prescindere da quale sarà l’esito finale della contesa. Parliamo della Cina.

L’interesse cinese per l’Ucraina non è nuovo. Ufficialmente nel 2013 il volume del commercio bilaterale tra la Repubblica popolare cinese e l’ex repubblica sovietica è stato di 11,12 miliardi di dollari, oltre il 7,3 % in più rispetto al 2012, e in generale le multinazionali del Dragone nutrono forti interessi in quel di Kiev. Dal grano alle infrastrutture, i due Paesi hanno collaborato intensamente negli ultimi anni.  Continua a leggere

L’Ucraina attende ancora la sua rivoluzione

Il significato originale di Ucraina è “confinante, di frontiera”. La sua posizione in bilico tra l’est e l’ovest l’hanno infatti resa a un tempo culla e colonia della vicina Russia, passando per la dominazione polacca e qualche sporadica parentesi d’indipendenza. Ieri contesa tra gli Asburgo e i Romanov; oggi tra Bruxelles e da Mosca. Se è vero che che nel nome sia scritto il proprio destino, questo spiega come mai Kiev sia ciclicamente in preda di tensioni sia interne che esterne. Un vaso di Pandora che in questi giorni si è riversato a piazza Maidan, il cui nome per i media internazionali comincia a fare rima con quello delle più famose Tahrir e Taksim. Ma andiamo con ordine.

Il 28 novembre, al vertice sul Partenariato orientale di Vilnius, in Lituania, l’Ucraina avrebbe potuto compiere un passo storico verso l’integrazione europea con la sottoscrizione dell’Accordo di associazione, nelle cui clausole era prevista l’intesa per la creazione di un’area di libero scambio con Bruxelles. Ma all’ultimo il presidente Yanukovich ha rinunciato alla firma, cedendo alle pressioni (non troppo) diplomatiche di Mosca che vorrebbe includere l’ex repubblica sovietica nell’ambito dell’Unione Doganale Eurasiatica. 

Solo pochi giorni prima, la firma dell’Ucraina pareva cosa fatta. All’inizio di settembre Yanukovich si era rivolto ai suoi parlamentari per l’adozione delle leggi necessarie alla firma e alla ratifica dell’Accordo, e la Rada suprema si è messa subito all’opera. Ma nei primi di novembre, quando anche a Bruxelles circolava già ottimismo, è arrivata la svolta: dopo una visita a sorpresa di Yanukovich a Mosca (che ha alimentato molte polemiche) la situazione è mutata radicalmente.

Il presidente ucraino è così tornato sui suoi passi, abbandonando la decisione di compiere un avvicinamento strategico all’Ue proprio per sfuggire alla pressione russa. Ed oggi la stampa europea si divide a metà tra chi punta il dito contro Putin e i suoi ricatti energetici e chi invece addossa all’Europa la responsabilità di questo fallimento (l’ennesimo) in politica estera.

Russia e Ucraina, oltre al gas c’è di più

Il fatto è che, per Kiev, sottrarsi da Mosca è semplicemente impossibile. Al culmine di un duello durato mesi, l’Ucraina ha deciso di arrestare il proprio cammino verso l’Europa per non pregiudicare il complesso sistema di relazioni, politiche ed economiche, che la legano a Mosca. 

L’Ucraina è un Paese dalle tre anime: una parte ucrainofona centrata su Leopoli, erede dell’impronta storica polacca e asburgica; una più ampia regione di mezzo, attorno a Kiev, dove ucrainofoni e russofoni convivono ma non comunicano; infine una parte orientale, a cui va aggiunta la Crimea, russofona e socioeconomicamente legata a Mosca. La prima e la seconda aspirano all’Europa come via di fuga dai ricatti di Mosca; la terza invece comprende vecchie industrie e contadini, le cui relazioni con la Russia sarebbero chiaramente penalizzate dalle norme europee. Legami fortissimi, ereditati dal settantennio sovietico, sussistono infatti tra i due vicini in tutti i settori della produzione e del commercio. Ancora oggi la Russia è il primo mercato di sbocco delle merci ucraine.

Per la Russia, le motivazioni strategiche si sovrappongono a quelle storiche ed economiche. Ho già avuto modo di spiegare perché Mosca consideri l’Ucraina parte integrante della sua sfera di influenza e di sicurezza. Non dobbiamo dimenticare poi gli impulsi storico-culturali: qui sono nati il concetto di civiltà russa e la tradizione religiosa ortodossa. Sul piano economico, infine, Mosca e Kiev insieme formano un mercato da quasi 200 milioni di consumatori: si capisce perché i russi debbano per forza mantenere la propria influenza sull’Ucraina se intendono restare una potenza globale.

Putin ha esercitato forti pressioni al suo omologo ucraino affinché recedesse dall’intento. Partiamo dal gas. Il presidente russo non è nuovo ad usare l’oro blu come un’arma impropria: negli ultimi sei anni tra Ucraina e Russia si sono verificate sei “guerre del gas”, di cui l’ultima proprio nei giorni antecedenti all’incontro di Vilnius. Tra le due parti in causa, quella debole è ovviamente l’Ucraina. Kiev dal canto suo punta all’indipendenza energetica, ma stando ai piani del governo non la raggiungerà prima il 2020, quando cioè sarà troppo tardi per liberarsi dalla dipendenza dalle forniture russe. Inoltre, le relazioni energetiche tra i due Paesi sono tanto complesse quanto poco trasparenti e proprio per questo instabili. Quello che non si capisce è come mai gli eurocrati decidano di firmare certi accordi a ridosso dell’inverno anziché in primavera, quando ci sarebbe tutto il tempo.

In concreto l’offerta del Cremlino comprendeva: gas a buon mercato, offerto a 270 dollari per migliaia di metri cubi a fronte dei 400 attuali; finanziamenti per una quindicina di miliardi di dollari, ossigeno vitale per le asfittiche casse di Kiev; rimozione di tutti i problemi sanitari (creati ad hoc alcuni mesi fa) riguardanti le merci esportate in Russia. Dall’altro, in caso di rifiuto la Russia avrebbe preteso il pagamento dei debiti pregressi per le forniture di gas, oltre ad un ritocco del prezzo a 450 dollari. Un salasso economico che Kiev non avrebbe retto: lo Stato non ha soldi, e le trattative con il Fondo Monetario Internazionale per un programma di aiuti economici sono congelate da quasi due anni. In più, a livello informale, Putin deve aver minacciato di revocare il proprio appoggio a Yanukovich per le presidenziali ucraine del 2015.

In cambio l’Europa offriva 500 milioni di euro di risparmi doganali, 186 milioni per implementare le riforme (ad esempio l’indipendenza sostanziale, oltre che formale, della magistratura) e 610 milioni a riforme avvenute. Inoltre, l’adesione al mercato comune comportava il rischio che le merci europee inondassero l’Ucraina, penalizzandone la bilancia commerciale. Non stupiamoci che Kiev abbia scelto Mosca.

Che tuttavia non può considerarsi vincitrice al cento per cento. Certo, stavolta l’ha spuntata su Bruxelles. Ma esercitare così tante pressioni su un Paese vicino in nome dei propri interessi significa condannarlo all’instabilità permanente, mettendo in forse proprio quella sicurezza interna che i russi mirano ossessivamente a preservare.

L’Europa si è fermata a Vilnius

Quella che poteva essere un’occasione storica per Bruxelles si è invece trasformata in una delle sue pagine più nere. l’Europa ha giocato male la partita per diverse ragioni. Innanzitutto, è caduta vittima anche stavolta del suo peccato originale: quello di non marciare unita. Solo gli stati baltici e la Polonia hanno fatto di tutto affinché l’Ucraina abbracciasse l’Europa, mentre Parigi, Berlino, Roma e Madrid non hanno fatto alcunché. Nonostante la comunità di ucraini in Italia sia una delle più grandi d’Europa, la nostra politica estera è costantemente filorussa. Se Berlusconi è uno dei migliori amici di Putin, Romano Prodi ha sempre sostenuto che un’adesione dell’Ucraina all’Ue è “improbabile tanto quanto quella della Nuova Zelanda”. Stesso discorso per la Germania, le cui strette relazioni economiche con Mosca condizionano non poco l’intera politica della Ue nell’Europa dell’est. In concreto, Aleksander Kwasniewski e Pat Cox, ex Presidente polacco ed ex Presidente del Parlamento Europeo, a capo della delegazione europea incaricata delle trattative, non hanno mai avuto pieni poteri e non hanno più alcun peso politico in Europa, mentre l’Alto Rappresentante per gli Affari Esteri, Catherine Ashton, è stata – tanto per cambiare – poco più che una comparsa.

In secondo luogo, Bruxelles non ha offerto alcuna forma di protezione a Yanukovich dal suo amico-nemico Putin. Giustificando la sua decisione di non firmare l’accordo a Vilnius, il presidente ucraino ha affermato che “sfortunatamente l’Ucraina nell’ultima fase è rimasta sola ad affrontare i suoi gravi problemi economici e finanziari”, proponendo di dare inizio a dialoghi trilaterali tra Russia, Ucraina e Unione europea e sollecitando Bruxelles da un lato per aiutare l’Ucraina a alleggerire i termini di un possibile prestito da parte del Fondo monetario internazionale, e dall’altro affinché conceda un lauto un pacchetto di aiuti economici al suo Paese. Ma ipresidente della Commissione Ue, Josè Manuel Barroso, ha rifiutato i dialoghi trilaterali e ha risposto che Yanukovich deve piuttosto impegnarsi a firmare un accordo che invece rifiuta di sottoscrivere. Rifiutando l’Accordo di associazione con l’Ue il presidente ucraino voleva spuntare un’offerta migliore, ma ora si ritrova stretto tra le condizioni dettate dalla Russia e le manifestazioni di protesta.

In terzo luogo, l’Unione europea ha posto all’Ucraina una serie di spinose condizioni. Tra queste c’era quella imprescindibile della liberazione di Yulia Tymoshenko, che invece Yanukovich vorrebbe tenere in prigione a tempo indeterminato. Pur avendo inviato in questi mesi segnali positivi in direzione di Bruxelles – come la liberazione di Yuri Lutsenko, ex ministro degli Interni, finito in carcere dopo un altro processo sommario – sulla Tymoshenko si è invece mostrato irremovibile. Alla fine è stata la stessa ex leader della Rivoluzione Arancione a chiedere all’Europa di rinunciare alla sua scarcerazione pur di arrivare alla firma, ma non c’è stato verso. In ogni caso, la vicenda personale e giudiziaria dell’ex premier si tratta di uno specchio per le allodole. Ucraina e Unione Europea si parlano, ma non si capiscono, e le ragioni di dissidio tra le due parti abbracciano un più ampio ventaglio di temi.

Piazza Maidan, i perché di una protesta

A pagare il prezzo più alto delle convulsioni geopolitiche di Kiev è tuttavia il popolo ucraino, che si potrebbe dire cornuto (per il mancato avvicinamento all’Ue) e mazziato (dalla polizia, alle dirette dipendenze di Yanukovich). Le manifestazioni in corso a piazza Maidan sono forse l’aspetto più significativo della questione. Esse non vanno viste alla luce della solita e già menzionata contrapposizione tra filorussi e filo-occidentali, ma vanno piuttosto inquadrate nel contesto dei sommovimenti che nel corso del 2013 hanno interessato un po’ tutta l’Europa dell’est.

Per una volta il popolo ucraino è mosso da un fattore drammatico e per questo unificante: il generale risentimento nei confronti dell’attuale classe dirigente, definita come corrotta e incapace. Da quando è stato eletto nel 2010, il presidente Yanukovich ha deluso ogni aspettativa, compresa la speranza di ottenere qualche concessione e agevolazione da Mosca. Sotto il suo predecessore Yushenko (presidente dal 2005 e 2010), specialmente a Kiev, erano fiorite molte piccole e medie imprese. Con l’avvento di Yanucovich, invece, l’iniziativa privata è stata stroncata a colpi di burocrazia e tasse, mentre gli oligarchi che hanno sostenuto e finanziato il partito del presidente hanno ricevuto numerosi sgravi fiscali. Misure che hanno duramente colpito una classe media – per lo più europeista – che andava formandosi, privilegiando invece i proprietari degli obsoleti impianti di estrazione e lavorazione del carbone nel bacino del Don, tradizionalmente. La corruzione poi non è stata nemmeno minimamente combattuta, ma anzi tacitamente incoraggiata. C’è poi la vicenda personale del figlio del presidente, Oleksandr, che da signor nessuno è diventato uno degli uomini più ricchi del Paese. Tutte ragioni che hanno stancato gli ucraini, i quali vedono nell’Europa un’opportunità di cambiamento, al momento negata.

Oggi fioccano i paragoni tra le giornate di Piazza Maidan e la Rivoluzione Arancione di nove anni fa. Un paragone di superficie che tuttavia non ha alcuna aderenza con la realtà. Non avverrà un’altra rivoluzione: la Tymoshenko resta in carcere e gli altri leader non hanno il carisma e la capacità per ricreare quel che è avvenuto nel 2004. L’unica figura che riscuote un certo consenso è quella dell’ex pugile Vitaly Klitschko, pronto a candidarsi alle presidenziali del 2015, ma siamo ben lontani dai livelli di Yulia. La stessa ex primo ministro è ormai sostenuta solo da una cerchia molto stretta di irriducibili capitanati dalla figlia Evgenia. L’Ucraina è alla ricerca di nuovi eroi, o più semplicemente di un’alternativa ad un presente avaro di opportunità. E l’Europa – bella o brutta che vogliamo considerarla – lo era. Sta ora a Bruxelles mostrarsi all’altezza di quest’aspettativa.

* Articolo originariamente comparso su The Fielder

Putin in Italia: il grande gioco del South Stream e la “santa alleanza” con il Papa

Vladimir Putin giunge in visita in Italia nello stesso giorno in cui l’Europa critica Mosca per le pressioni sull’Ucraina. Kiev ha annunciato che non firmerà l’accordo di associazione proposto dall’UE in occasione del vertice del partenariato orientale di Vilnius del 28 e 29 novembre, la gente è scesa in strada a protestare e il governo ucraino ha risposto mettendo in atto una dura repressione, ma tutto questo sembra non interessarci.

Putin, a noi, un “favore” lo ha già fatto: il rilascio su cauzione di  Cristian D’Alessandro e di altri quattro attivisti di Greenpeace in prigione dal 20 settembre, quando la guardia costiera russa li ha arrestati dopo un blitz contro una piattaforma di Gazprom nell’Artico, a meno di una settimana dall’incontro di Trieste.

Il presidente russo non veniva in veste ufficiale in Italia da sette anni, e da tre mancava un incontro intergovernativo fra i due Paesi. Tuttavia le relazioni tra Roma e Mosca procedono a gonfie vele, considerato che il presente russo in Italia si intreccia sempre con l’energia: argomento rispetto al quale tutte le altre questioni (diritti umani compresi) passano in cavalleria.

Non a caso che l’unico progetto per cui il presidente russo si è sempre speso in prima persona: il gasdotto South Stream, conduttura che serve a Mosca per rifornire l’Europa scavalcando la litigiosa Ucraina e di cui il Belpaese è il punto terminale. Un gasdotto ormai senza rivali dopo il (definitivo?) tramonto dell’alternativa Nabucco, suo diretto concorrente sponsorizzato da Bruxelles.

Questo spiega come mai l’Italia sia (indirettamente) coinvolta nell’affare ucraino. Kiev punta all’indipendenza energetica, che tuttavia non raggiungerà prima il 2020, quando però sarà troppo tardi per liberarsi dalla dipendenza dal gas russo. Proprio sfruttando il ricatto del gas, di cui nei giorni scorsi si è sfiorata l’ennesima “guerra” (la quarta in sei anni), il governo russo ha convinto quello ucraino a desistere dal richiamo delle sirene europee. Del resto il mercato energetico ucraino è sempre un complesso risiko opacamente gestito secondo criteri non di mercato, ma politici e oligarchici, per cui ogni alla fine sarà sempre Mosca a spuntarla.

In ogni caso Linkiesta rivela perché, a conti fatti, il South Stream è un progetto quasi esclusivamente politico:

La situazione dei rapporti energetici tra Russia ed Europa, ma insieme la ragione ultima della visita di Putin in Italia, si potrebbero riassumere in una sola domanda: chi ha bisogno di South Stream? Il gasdotto, sviluppato da Eni (che ne detiene il 20%) Edf e Wintershall (con il 15% ciascuno) e Gazprom, sarà lungo 2.380 chilometri e dovrebbe arrivare a trasportare 62 miliardi di metri cubi di gas a partire dal 2015, transitando per Bulgaria e Balcani, e congiungendosi all’Italia. Eppure, i consumi di gas in Europa sono in caduta: siamo arrivati a 466 miliardi di metri cubi, mentre nel 2010 ne consumavamo 515 miliardi. In Italia, la domanda di gas è a livello del 2003. È inoltre in arrivo la seconda ondata del gas di scisto americano

commercialmente, i russi stanno giocando di potenza. Il mondo è già sazio di gas, e assorbire nuove quantità in arrivo da tutto il mondo sarà difficile. I russi con South Stream – e con la testarda intenzione di portarlo avanti – inviano un messaggio a tutti i paesi in procinto di completare “terminali di rigassificazione” per esportare, e il messaggio è “non fatelo”. Nella scelta tra diverse fonti di approvvigionamento, a partire da una certa quantità, un gas trasportato per tubo può essere più conveniente di quello trasportato per nave – che addirittura potrebbe servire solo da “complemento” per periodi di particolare intensità di domanda.

Va comunque rimarcato che gli interessi reciproci italo-russi non si limitano al gas. In Russia sono attive quasi 500 aziende italiane e i grandi conglomerati russi possiedono a vario titolo 91 società nel nostro Paese. In totale sono 28 gli accordi commerciali e le intese intergovernative firmati a Trieste nell’ambito del forum Italia-Russia e del concomitante vertice bilaterale, dove oltre all’energia spiccano anche finanza e industria.

Infine, è interessante notare che il presidente russo, oltre all’incontro con Enrico Letta, aveva in programma anche una visita a Papa Francesco in Vaticano. Limes nota come Cremlino e Santa Sede abbiano così l’opportunità di dialogare intorno a temi di politica internazionale con reciproco vantaggio, tanto che la rivista parla già di una “santa alleanza” tra Bergoglio e Putin, forgiata già da settembre quando una rappresaglia americana in Siria pareva imminente:

Guardando ai protagonisti dell’impresa, è difficile immaginare due profili più distinti e due stili più distanti sul piano delle psicologie personali e della sociologia politica: se Putin da un lato è inventore di un modello di populismo “freddo”, in formato baltico e siberiano, Bergoglio dall’altro ha importato in Vaticano lo stile caldo e sudamericano di un papa descamisado, che sin dall’inizio si è spogliato della mozzetta, con gesto appassionato e memore di Perón, che toglieva la giacca durante i comizi.

Eppure, proprio la lontananza biografica e geopolitica custodisce e costituisce, paradossalmente ma non troppo, il segreto e la spiegazione della loro intesa. Geograficamente Buenos Aires si colloca infatti agli antipodi di Mosca. Bergoglio arriva dunque da confini remoti e neutrali, a differenza di Wojtyla e Ratzinger, che rappresentavano frontiere prossime e antagoniste, benché con gradi assai diversi di coinvolgimento.

La Russia annette l’Ucraina

Nell’eterna partita geopolitica tra Europa e Russia, l’Ucraina rappresenta una pedina molto importante.

Venerdì 15 marzo  i

Dzerkalo Tyzhnya, il principale giornale ucraino, riportava un’indiscrezione (rilanciata dall’agenzia Interfax) secondo cui Kiev avrebbe accettato di aderire all’Unione Doganale Eurasiatica (che comprende Russia, Bielorussia e Kazakistan) come membro associato per due anni, prima di adottare lo status di partner a pieno titolo. Bloccando forse definitivamente l’ingresso di Kiev nella UE. Secondo La Voce Arancione:

L’inglobamento dell’Ucraina nell’Unione Doganale della Russia ha conseguenze catastrofiche per l’Unione Europea, poiché esso permetterà presto alla Russia di esercitare una fortissima pressione in ambito energetico nei confronti dell’UE, che oggi già dipende dalle forniture di gas russo per il 40% del suo fabbisogno continentale.

I colloqui (a porte chiuse) tra il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo ucraino Viktor Yanukovich si sono svolti nei primi di marzo nella villa privata dell’uomo forte del Cremlino, situata al di fuori di Mosca.
Putin considera l’accordo vantaggioso per tutti. “Se l’Ucraina entra nel’Unione doganale”, ha detto, “il suo PIL aumenterà tra l’1,5 e 6,5%, a seconda del grado di integrazione.” Ciò che ha coscienziosamente omesso di precisare è che l’ingresso nella CEE Eurasiatica precluderebbe l’analogo passo in quella Europea.
Nel vertice bilaterale Ucraina-UE di febbraio, infatti, il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso, aveva ribadito a Yanukovich che la UE e l’Unione Doganale post sovietica si escludono a vicenda. In altre parole, ora l’Ucraina deve scegliere.

Yanukovich ha dichiarato che il commercio dell’Ucraina con i Paesi dell’Unione Eurasiatica nel 2012 ammontava a 63 miliardi di dollari, mentre quello con i Paesi della UE era pari a 50 miliardi. Il suo Paese non può dunque fare a meno né dell’una né dell’altra. Da qui la necessità di avvicinarsi a ciascuna delle due sponde stando però attento a non alienarsi le simpatie dell’altra.

Ora come ora Kiev è saldamente nell’orbita di Mosca. Non soltanto per la forte influenza che l’Ucraina subisce da quest’ultima attraverso i ricatti sul gas: ad esempio, la Russia sarebbe pronta a rilevare il controllo dei gasdotti dell’Ucraina mediante la creazione di una joint venture per la gestione delle condutture ucraine gestito al 50% da Mosca e Kiev, ma di fatto controllato al Cremlino. Accordo contornato da un sontuoso sconto sulle forniture di oro blu.
A complicare le cose concorrono le ripetute difficoltà riscontrate nel dialogo con l’Europa. E per il crescente isolamento in cui le titubanze di Yanukovich hanno spinto il Paese nei suoi difficili esercizi di equilibrio tra Bruxelles e Mosca.

Un tempo Yanukovich era considerato un esponente filorusso. Invece ha più volte adottato la retorica europeista, dimostrandosi restio a consegnare il suo Paese nelle braccia di Putin. In concreto, però, ha fatto poco per avvicinare l’Ucraina a Bruxelles.
L’ultimo vertice bilaterale di fine febbraio a Bruxelles si è concluso con un nulla di fatto. Nessuno si aspettava che Kiev avanzasse una proposta di adesione, giudicata prematura; ma che le parti pervenissero ad un accordo di associazione (peraltro in discussione da mesi) per creare un’area di libero scambio, questo sì. Invece le due montagne hanno partorito un topolino: un accordo per un finanziamento di 610 milioni di euro nei prossimi due anni. Poca roba, se pensiamo al prestito che in questi giorni l’Ucraina tentando di rinegoziare con il Fondo Mondiale Internazionale per oltre 15 miliardi.
A dividere le parti c’è sempre l’affaire Tymohenko. L’Ue desidera l’ex premier libera, mentre l’Ucraina vuole mantenerla in galera, o quantomeno fuori dalla politica. Difficile che si giunga al compromesso, anche se l’ipotetica liberazione dell’ex ministro degli interni Yuri Lutsenko, in carcere da oltre un anno, potrebbe essere un gesto teso in questa direzione.

In definitiva Yanukovich vorrebbe avvicinarsi anche all’Europa, ma deve fare i conti la realtà. il presidente ucraino dice che il suo paese “non è abbastanza forte o ricco da poter trascurare tale cooperazione” con l’Unione Eurasiatica.
Tuttavia, secondo Stefano Grazioli su Limes:

Kiev non vuole finire nelle braccia di Mosca e nemmeno cedere a Bruxelles. La strategia di Yanukovich di navigare a vista rischia però nei prossimi mesi di dover mutare di fronte quantomeno all’ultimatum dell’Ue. Se non ci sarà la firma sull’Accordo di associazione, saliranno le probabilità che l’asse ucraino si sposti definitivamente verso la Russia.

Nell’eterna contesa con Bruxelles Mosca segnerebbe così un punto di importanza epocale.