#Bruxelles: terrorismo e pressapochismo

Da mesi si parla molto, sui media italiani e internazionali, di Molenbeek, il comune all’interno della municipalità di Bruxelles da cui provenivano gran parte dei giovani jihadisti che hanno seminato il terrore a Parigi prima e a Bruxelles poi. Dopo gli attentati nella capitale belga sono subito fioccate analisi sulle periferie europee con una forte presenza musulmana, ideali come base operativa per possibili attacchi terroristici nel cuore dell’Europa. Stati nello Stato, buchi neri della geografia urbana che i francesi chiamano “Zus”, Zone urbane sensibili – o banlieue – e gli inglesi “no-go zone”, dove i poliziotti non possono entrare senza creare tensioni. Continua a leggere

#Bruxelles: fallimento dell’#intelligence belga (ed europea)

Gli attentati di Bruxelles hanno dato prova di quanto siano profonde le crepe nel sistema di sicurezza del Belgio e, di riflesso, dell’Europa intera. Non solo Salah Abdeslam, l’uomo più ricercato dalle polizie continentali degli ultimi anni, è stato scovato solo dopo quattro mesi di lunghe e forsennate ricerche, nel suo quartiere d’origine e malgrado le Autorità pensavano fosse già fuggito in Siria, ma quanto avvenuto due giorni fa dimostra tutte le difficoltà delle nostre intelligence nel prevenire future azioni terroristiche. Specularmente, lo Stato Islamico (IS) ha dimostrato di possedere una capacità di azione immediata e tragicamente efficace in ogni parte del mondo, che tuttavia ha trovato proprio in Belgio un terreno fertile per la propria esecuzione. Dopo gli attentati di Parigi, gli esperti di antiterrorismo avevano indicato in almeno 30 o 40 i componenti della rete responsabile della catena di attentati, ma ora è evidente che questo calcolo andrà aggiornato. Com’è possibile che il Belgio sia diventato un covo jihadista nel cuore dell’Europa? E come si spiega l’incapacità dell’intelligence nel prevenirne l’ascesa?

[Continua su L’Indro]