La nuova Libia è una polveriera

Dopo l’assalto di Bengasi, costato la vita all’ambasciatore americano Chis Stevens, il governo libico ha deciso di prendere provvedimenti. Domenica 23 settembre Tripoli ha ordinato a tutti i gruppi armati non ancora affiliati all’esercito di posare le armi entro 48 ore.
Il giorno dopo l’esercito è già intervenuto per sgomberare una caserma occupata da una milizia. Questo venerdì il governo ha annunciato di aver disarmato una decina di milizie. Nello stesso giorno centinaia di libici manifestano per chiedere lo scioglimento delle milizie.

Facendo un salto indietro di due settimane, Cristiano Tinazzi, uno dei pochi corrispondenti italiani sul campo, racconta che l’attacco al consolato americano è solo l’ennesima dimostrazione dell‘instabilità in cui versa il Paese a un anno dalla fine della guerra:

La Libia è rimasta ‘sommersa’ nel panorama informativo, quasi oscurata, nonostante in questi mesi vi siano state crisi regionali (come quella avvenuta nel sud, con i continui scontri tra Toubou e Zwai), un turbolento movimento indipendentista in Cirenaica, la dissacrazione del cimitero di guerra inglese il 4 marzo scorso a Bengasi, una serie di attentati sempre in Cirenaica ad opera del gruppo ‘prigioniero sceicco Omar Abdel Rahman’ tra i quali l’attacco al convoglio dell’ambasciatore britannico l’11 giugno scorso.
Il 6 giugno era stato invece colpito il muro di cinta del consolato americano con un ordigno rudimentale e il 22 maggio un razzo aveva colpito la sede della Croce Rossa. Anche Tripoli non è esente da violenze. Il 19 agosto tre autobomba sono state fatte detonare nel centro della città: due morti e cinque feriti. Il 15 luglio viene rapito il presidente del Comitato olimpico libico, Ahmad Nabil al-Alam, rilasciato poi il 22 dello stesso mese.
In tutto questo periodo decine di persone sono state uccise, sequestrate o detenute in carceri ufficiali o clandestine. Anche molti ufficiali dell’esercito sono colpiti. Sempre a Tripoli il 19 giugno l’aeroporto internazionale era stato chiuso dopo che la milizia di Tarhuna aveva occupato lo scalo (dopo il rapimento e la probabile uccisione del suo leader, Abouajila Al-Habchi, da parte di milizie rivali), innescando uno scontro a fuoco con la milizia di Zintan e con quella dei ‘martiri di Suq al-Jumma’. Anche la tensione su linee di frizione tribali e cittadine in diverse zone del paese è rimasta alta. Sulle montagne, tra la tribù di Zintan e quella dei Mashaha, tra le milizie di Misurata e quelle di Bani Walid; nei pressi del bastione gheddafiano sono stati rapiti due giornalisti di Misurata lo scorso 7 luglio ed è stato sventato un attacco in massa dei misuratini all’ultimo momento. Il 24 agosto vicino Tarhuna è stato circondato un campo di addestramento di sospetti gheddafiani.
Per non parlare degli attacchi ad edifici religiosi (moschee, scuole e cimiteri) sufida parte di gruppi salafiti.

Da segnalare un’analisi dell’ISPI, di cui riporto questo interessante passaggio:

Sul fronte dell’islam radicale c’è chi ricorda la lunga tradizione della “jihad” in Cirenaica. È importante però non invertire il nesso di causa-effetto: l’islamismo radicale in Libia è stato alimentato soprattutto dall’oppressione del regime. Per buona parte dei libici, l’unico modo di dissentire da Gheddafi era quello di aderire o appoggiare Al Qaida. I libici sono stati per anni il secondo maggior gruppo, dopo i sauditi, a combattere sui fronti iracheno e afghano. Sono in particolare città come Derna, in Cirenaica, ad aver alimentato il fronte qaedista. Per esempio, proprio il numero due dell’organizzazione, Abu Yahya al-Libi, era appunto libico ed è stato ucciso da un attacco di droni americani a inizio giugno 2012. Abu Yahya al-Libi, cittadino libico nato nel 1963, era considerato dagli Stati Uniti l’uomo più importante dopo Ayman al-Zawahiri, che dalla morte di Osama bin Laden guida l’organizzazione terroristica. Al-Libi non è stato mai descritto come un grande combattente, ma piuttosto come un ottimo organizzatore e propagandista. Si dice che al-Libi abbia cominciato la sua carriera terroristica negli anni Novanta, quando si è trasferito in Afghanistan. Nel 2002 è stato arrestato dalle forze americane a Bagram, ma dopo soli 3 anni riuscì a fuggire facendo perdere le sue tracce.
Alcuni “allievi” di Abu Yahya al-Libi sono attivi in Libia anche oggi. Sufian bin Qumu, per esempio, che ha lavorato anche a contatto con Osama Bin Laden, prima di essere catturato dagli americani e detenuto a Guantanamo per sei anni, guida una milizia nella zona di Derna che sfoggia la bandiera nera di Al Qaeda ed è stata accusata di violenze. Qumu ha apertamente dichiarato che non intende deporre le armi finché in Libia non sarà instaurato un governo di tipo islamico-talebano. Sempre a Derna e in Cirenaica sono attive formazioni salafite, come il gruppo Ansar al-Sharia, che si rifiutano di riconoscere la legittimità dell’autorità centrale. Bisognerà indagare le responsabilità dell’attacco all’interno di questi gruppi.
Le avvisaglie di un atto simile c’erano tutte, anche se non di tale tragicità e rilevanza. Le elezioni di luglio, che hanno avuto un buon esito, hanno fatto probabilmente abbassare la guardia. I problemi, tuttavia, come avevamo evidenziato, rimanevano tutti. Il mese di agosto lo aveva chiaramente di-mostrato: attacchi di gruppi salafiti agli “eretici” sufi, con la distruzione di diversi santuari; altri attentati a istituzioni libiche addebitati, forse troppo frettolosamente, a ex-gheddafiani.

Le nuove Libie saranno due, tre o forse nessuna

Scontri tribali, instabilità politica e due tentativi di secessione, uno mascherato (Cirenaica) e un altro minacciato (tribù Toubou): in Libia sta succedendo tutto isieme. Come se su Tripoli si fosse abbattuta una tempesta perfetta.
Certamente i 12.000 soldati millantati dal membro del Congresso USA Cynthia Mc Kinney, dislocati a Malta e pronti ad entrare nel Paese per riportare l’ordine, erano una bufala; i numeri dei morti che giungono dal fronte al libico, al contrario, sono reali e preoccupanti.
Le notizie più drammatiche arrivano dal Sud, e precisamente dalle città di Sabha, Zwiya e Kufra, vicino al confine con il Ciad. Qui è in corso un aspro conflitto tra la tribù dei Toubou e quella degli Abu Seif, che in sei giorni di combattimenti ha lasciato sul campo 147 morti. L’accordo per il cessate-il-fuoco raggiunto il 28 marzo ha resistito lo spazio di una giornata; il 29 le milizie hanno ripreso le ostilità.
La situazione appare talmente grave che uno dei capi tribù si è spinto al punto di chiedere un intervento internazionale per fermare quella che lui definisce una “pulizia etnica del suo popolo, oltre che a minacciare la creazione di uno Stato indipendentese il CNT non riuscirà a porre fine ai massacri .
A questo punto le speranze che le animosità possano placarsi in tempo per le elezioni di giugno sono ridotte all’osso.

Una transizione positiva dipende dalla compresenza di alcuni fattori cruciali: una leadership forte e coesa, una società civile attiva e un senso di unità nazionale. Tutti ancora assenti nella nuova Libia, politicamente frammentata fin dall’inizio della rivolta, guidata da un CNT privo di un consenso ampio e infiammata dalle milizie che non hanno mai smesso di spararsi addosso. Lo scenario all’orizzonte è che la Quarta sponda si trasformi in un nuovo Iraq.
Pochi giorni fa l’ex primo ministro libico Mahmoud Jibril – di fatto destituito per volontà del Consiglio militare di Tripoli, che forte dei suoi 20.000 uomini è praticamente indipendente dal CNT – si è recato a Bruxelles per mettere in guardia i leader europei dall’abbandonare la Libia prima che il Paese si sia stabilizzato. Chiaro il messaggio sotteso (più caos per la Libia = più grane per l’Europa), ma altrettanto evidente è l’alzata di braccia del CNT, la cui leadership ormai è puramente formale e intorno al quale tutto sembra sgretolarsi.
In Cirenaica, cuore petrolifero e agricolo del Paese, i leader tribali e i miliziani della Cirenaica hanno eletto Ahmed Al-Zubair, discendente di, re Idris, islamista e conosciuto per essere il prigioniero politico rimasto più a lungo in carcere sotto Gheddafi, come nuovo governatore della provincia semiautonoma. Il CNT ha definito tale iniziativa un “invito alla frammentazione”, ma non si vede in che modo possa impedirla. La questione è sarà possibile arrivare ad una forma di equilibrata decentralizzazione senza alimentare le temute spinte autonomistiche.
Ci sono poi i berberi, che costituiscono il 10% della popolazione e più di una volta sono scesi in strada per chiedere maggiori tutele, manifestando il proprio rifiuto verso qualunque decisione governativa che non tenga conto delle loro esigenze.
Difficile dire se la nuova Libia sarà una, o due, o chissà. Di certo non sarà più così come l’abbiamo conosciuta quando alla sua guida c’era Gheddafi. Ma una Libia divisa è destinata a disintegrarsi in entità politicamente ed economicamente irrilevanti – con la sola, notevole eccezione della summenzionata Cirenaica, che oggi pare lontana da Tripoli più di quanto non lo fosse un anno fa, agli albori della rivoluzione.