Corno d’Africa, alle radici del conflitto permanente

Il 21 settembre un gruppo di uomini armati attaccano il lussuoso centro commerciale Westgate a Nairobi, in Kenya, sparando ad almeno 68 persone e ferendone quasi 200; l’attentato viene rivendicato dall’organizzazione al-Shabaab. Nella notte tra il 2 e il 3 ottobre 366 migranti (bilancio destinato a rimanere provvisorio), per lo più somali ed eritrei, muoiono annegati a largo di Lampedusa. Pochi giorni dopo due raid delle forze speciali statunitensi ai abbattono in simultanea su Libia e Somaliail primo porta alla cattura del qaidista Abu Anas al-Libi, il secondo si conclude invece senza successo. Per trovare un filo conduttore fra tre eventi apparentemente slegati bisogna risalire al luogo da cui traggono origine: il Corno d’Africa.

L’arco di tensione

Tracciamo un’ideale linea di congiunzione tra i fattori alla base dell’instabilità regionale. L’arco di tensione inizia in Somalia. Il Paese manca di un’autorità statuale dal 1991, da quando al rovesciamento dell’allora dittatore Mohamed Siad Barre ha fatto seguito una guerra civile tuttora in corso. Attualmente, il Paese è suddiviso in cinque entità statali più o meno autonome, che esercitano ciascuna un diverso grado di controllo del territorio vista l’impossibilità di ricondurlo interamente sotto un’unica autorità. Oggi la Somalia rappresenta una realtà meramente cartografica i cui confini sono risibili se paragonati alla ristrettezza degli spazi su cui il governo federale esercita una sovranità effettiva. Nella parte meridionale è in atto un processo di desertificazione, accelerato dai frequenti fenomeni di siccità. Nel 2011 quest’area è stata colpita dalla più grave carestia degli ultimi sessant’anni, tale da portare all’esodo di 14 milioni di persone. Le carestie vengono dichiarate con molta cautela e in Somalia non accadeva dal 1992.
Proprio a Sud è attiva la milizia islamista al-Shabaab. Il gruppo nacque nel 2006 come movimento giovanile estremista all’interno dell’Unione delle Corti Islamiche, prendendone dopo che l’Unione fu sconfitta dalle forze del Governo Federale di Transizione (GFT) somalo coadiuvate dal decisivo contributo dell’Etiopia. Dopo un’iniziale periodo di terrore, il controllo degli Shabaab sul territorio ha subito un forte ridimensionamento in seguito all’intervento dell’AMISOM missione dell’Unione africana per contrastare la milizia, nonché delle forze armate del Kenya e ancora dell’EtiopiaL’abbandono tattico di Mogadiscio, la perdita dell’importante località di Chisimaio e la frammentazione in più gruppi, molto diversi tra loro per ideologia e finalità d’azione, ha determinato un formale indebolimento della minaccia da loro rappresentata. Almeno fino allo scorso settembre, quando l’attacco al centro commerciale Westgate di Nairobi ha segnato l’avvio di una nuova fase nella lotta armata volta a colpire i Paesi coinvolti nel processo di stabilità della Somalia.

L’arco prosegue in Etiopia. Per oltre un ventennio la volontà di potenza di Addis Abeba ha avuto un nome e un cognome: Meles Zenawi, Presidente della Repubblica prima e primo ministro poi, detentore di un potere quasi assoluto dal 1991 fino al 21 agosto 2012, giorno della sua morte. Anni nei quali ha trasformato il Paese attraverso una mentalità orientata allo sviluppo (fedelmente il modello cinese) nonché l’inaugurazione di quel federalismo che oggi suddivide l’Etiopia in nove macroregioni a base etnica. Sotto la sua guida l’economia ha cominciato a crescere vertiginosamente; inoltre il sontuoso progetto di costruzione della diga idroelettrica Gibe 3 da lui promosso, al di là delle tensioni con l’Egitto in merito allo sfruttamento delle acque del Nilo dovrebbe permettere all’Etiopia di diventare il principale esportatore energetico del Corno d’Africa.
Tuttavia questo è solo un volto di Zenawi, quello più luminoso, che lui mostrava al mondo. Il defunto premier aveva la capacità di comprendere ciò che noi stranieri volevamo sentirci dire: parlava la nostra lingua. Accanto ai potenti si mostrava pacato, conciliante e disposto al dialogo con tutti. Lotta alla povertà e lotta al terrorismo erano il succo dei suoi discorsi. Ma sul versante interno il suo tono era molto diverso. Ha proseguito la censura del regime di Mengistu, coprendo perfino le notizie su carestie e siccità e macchiandosi di svariate violazioni di diritti umani e reprimendo ogni dissenso. Nel maggio del 2005, quando diversi leader del Cud (Coalition for Unity and Democracy), il principale partito di opposizione, sono stati arrestati insieme a diverse migliaia di giovani manifestanti scesi in piazza per protestare contro l’Eprdf (Ethiopian People’s Revolutionary Democratic Front), la coalizione di Zenawi, il premier rispose con una durissima repressione che lasiò sul campo 193 morti e oltre 700 feriti.
A un anno dalla sua scomparsa, l’Etiopia continua a muoversi lungo il solco tracciato dal defunto premier, ma in un Paese dove la fine di un sovrano è stata sempre accompagnata da eventi traumatici e aspri conflitti non sono esclusi futuri sconvolgimenti.

Incastonata tra Somalia, Etiopia ed Eritrea troviamo la repubblica di Gibuti (ex Somalia francese). La posizione strategica tra il Mar Rosso e l’Oceano Indiano di questa piccola nazione (23 mila chilometri quadrati per meno di un milione di abitanti) non poteva lasciare indifferenti le maggiori potenze globali, tanto che oggi nella repubblica sono presenti tutti i principali eserciti del mondo – a cominciare da quello americano che qui dispone anche di una base per droni – e nel suo porto transitano navi di tutte le potenze. Oggi il Paese è un vero e proprio laboratorio militare e marittimo internazionale. Secondo vari servizi di intelligence, qui risiedono diversi personaggi di spicco della pirateria attiva in tutto l’Oceano Indiano. Presenti anche alcuni leader dell’integralismo islamico di tutta l’Africa Orientale trovano rifugio.
La massiccia presenza militare straniera nel Golfo di Aden, indice dell’elevata importanza di questo quadrante, assicura al Paese (rectius: al regime guidato dal dittatore Ismail Omar Guelleh), il titolo di nazione più stabile del Corno d’Africa. In realtà parliamo di uno dei Paesi più poveri del continente, con una classe media quasi inesistente e che importa quasi tutti i beni di prima necessità che consuma, malgrado le cospicue rendite portuali e gli aiuti finanziari che la repubblica riceve annualmente dall’ex madrepatria e dagli Usa. Questa ambigua doppia veste di stabilità politica e povertà diffusa fa di Gibuti un paradosso che riassume tutte le contraddizioni dell’Africa del terzo millennio.

L’arco di tensione termina in Eritrea, Stato con un solo partito e con un governo retto da un presidente, Isaias Afewerki, che detiene il potere dal 1993, anno dell’indipendenza. L’Eritrea è un Paese dove i diritti umani sono sostanzialmente calpestati. tanto da essere paragonato ad una  prigione naturale, una sorta di Corea del Nord nel continente nero. Amnesty International descrive un Paese dove “l’arruolamento militare nazionale è rimasto obbligatorio e spesso esteso a tempo indeterminato“. il servizio militare – obbligatorio per gli adulti di età compresa tra i 18 ed i 50 anni – è implementato in maniera coercitiva e spinge ogni anno migliaia di giovani ad abbandonare il Paese. Ufficialmente, la leva è giustificata dalla costante minaccia di nuove operazioni belliche contro l’Etiopia; di fatto, assicura al regime un controllo sulla popolazione pressoché totale. Spesso il governo di Asmara impiega la leva obbligatoria per imprigionare gli oppositori o per garantirsi una forza lavoro a costo zero. Secondo stime ONU, nel Paese vi sono tra i 5.000 e i 10.000 prigionieri politici.
L’Eritrea vanta tristemente uno dei tassi di emigrazione in rapporto alla popolazione più elevati al mondo: dal 2000 ad oggi si stima che oltre 250 mila persone abbiano abbandonato il Paese su una popolazione di 6 milioni totali. Uno degli aspetti più raccapriccianti delle migrazioni dall’ex colonia italiana è che queste alimentano un business dalle proporzioni non indifferenti. Nel corso dei loro viaggi, i migranti in fuga dall’Eritrea (nonché dagli altri inferni del Corno d’Africa) vengono venduti; chi li porta da una frontiera all’altra, realizza il proprio profitto. Da lì in avanti tocca agli acquirenti guadagnare sulle loro vite, e così via. E in cima a questa filiera, per quanto riguarda le persone in fuga dall’Eritrea, troiamo Teklai Kifle “Manjus” e Kassate Ta’ame Akolom, rispettivamente generale e operativo dell’intelligence di Asmara, responsabili secondo gli ispettori Onu della tratta di esseri umani. La fuga non riguarda solo la gente comune: molti alti gradi delle gerarchie di potere hanno preferito seguire la stessa sorte, come i due alti ufficiali dell’Aviazione volati in Arabia Saudita su un aereo di lusso sottratto al presidente lo scorso anno, mentre tra i richiedenti asilo spiccano i nomi del ministro dell’Informazione, di un importante medico chirurgo nonché di gran parte della squadra nazionale di calcio.
Inoltre, tra tutti gli africani che decidono di emigrare gli eritrei sono i più perseguitati, anche all’estero. In primo luogo perché il regime impone una tassa (cd. “della diaspora”) del 2% sui redditi prodotti dai migranti. Si tratta di una imposta introdotta ufficialmente nel 1995 – ma che in realtà affonda le sue radici ancora prima – e che se non versata comporta l’impossibilità di rinnovare i documenti, compiere atti giuridici in Eritrea, inviare aiuti ai familiari, e perfino di rientrare in patria. Nata ufficialmente con l’intento di garantire risorse per la ricostruzione del Paese all’indomani della guerra, in concreto l’imposta assicura al regime un fiume di denaro quasi mai tracciabile che si teme venga usato per finanziare traffici d’armi nel Corno d’Africa. In secondo luogo, i familiari rimasti in patria dei migranti diventano oggetto di persecuzioni. Per questa ragione i superstiti della tragedia di Lampedusa hanno commentato la presenza dell’ambasciatore di Asmara nella cerimonia di commemorazione delle vittime svoltasi ad Agrigento come un “insulto alle vittime“.

* Articolo comparso originariamente su The Fielder

Meles Zenawi, dittatore spietato ma gradito all’Occidente

Da due mesi non dava notizie di sé. Un lungo silenzio interrotto lo scorso 21 agosto con questo annuncio: Meles Zenawi (qui la biografia), da 21 anni primo ministro e uomo forte dell’Etiopia, è morto presso l’ospedale St. Luc di Bruxelles in seguito a un lungo ricovero.
The Post Internazionale lo ricorda così:

Meles è rimasto al potere per 21 anni diventando un personaggio capace di ottenere miliardi di dollari in aiuti dai governi occidentali e allo stesso tempo ricevere numerose condanne da gruppi di monitoraggio dei diritti umani per le sue politiche oppressive nei confronti di stampa e gruppi di opposizione.

Ampiamente ammirato per avere portato sviluppo economico e allo stesso tempo mantenuto stabilità e sicurezza in un paese distrutto da divisioni interne. In patria, ha soppresso il dissenso e controllato capillarmente le attività politiche ed economiche con precisione autocratica. Nel 2005, la Bbc riportò che 193 oppositori vennero uccisi in seguito a proteste contro la rielezione di Meles.


Un diplomatico occidentale vicino a Meles ha dichiarato recentemente che in Etiopia “vige una dittatura che tiene il popolo al limite della povertà ma è riuscita ad affascinare gente del calibro di Tony Blair e Bill Clinton”.

In altre parole, pochi governanti hanno manifestato tante contraddizioni come lui. Zenawi è stato uno dei leader più lodati del Continente Nero (anche se non da gruppi sostenitori dei diritti umani) per la sua mentalità oritnetata allo sviluppo regionale. C’è chi lo ergeva a simbolo del “Rinascimento Africano” accanto a Nelson Mandela. La sua disponibilità a collaborare con gli Stati Uniti contro il terrorismo – che ha trovato la sua punta massima nell’offensiva contro le Corti Islamiche in Somalia nel 2006, sponsorizzata da Washington – lo aveva reso un alleato indispensabile in una regione turbolenta come il corno d’Africa. Il New York Times si interroga su come cambierà la strategia degli USA in quell’angolo di mondo ora che questo alleato non c’è più.
Celebrato dall’Occidente, Zenawi era allo stesso tempo un grande estimatore della Cina, come da lui stesso riconosciuto in un lungo discorso nel vertice dell’Unione Africana lo scorso gennaio.

Sul piano economico, tra il 2000 e il 2008 l’Etiopia ha registrato una crescita annuale media dell’8,8%: praticamente ai a livelli cinesi. Comunque la più alta in Africa tra le economie non legate all’esportazione di petrolio. Zenawi ha anche promosso l’apertura di cliniche in 1500 villaggi e il miglioramento della rete stradale del Paese. Con 4 miliardi di dollari di aiuti esteri all’anno (di cui un quinto solo dagli Satti Uniti) poteva permettersi questo ed altro. Da rimarcare i suoi accordi di collaborazione con Gibuti e Somaliland per assicurare all’Etiopia lo scalo nei porti dei rispettivi Paesi, a vent’anni dalla perdita di ogni sbocco sul mare in seguito all’indipendenza dell’Eritrea.
Allo stesso tempo, il suo governo è stato caratterizzato da un cinico divide et impera con cui ha escluso molti dei principali gruppi etnici del Paese dalla vita politica ed economica, negando gli aiuti umanitari a quelli ritenuti infedeli e “sovversivi”. Il miracolo economico non è stato a beneficio di tutti. La malnutrizione è ancora diffusa, e più volte il governo è stato accusato di corruzione e cattiva gestione degli aiuti esteri. Attualmente l’Etiopia è al 174° posto  secondo l’Indice di Sviluppo Umano, in una classifica di 187. Il suo programma di sviluppo mostra qualche luce e molte ombre, come i faraonici progetti per la costruzione di dighe e la svendita delle terre alle aziende estere nonostante le carenze alimentari sofferte dal Paese. Per quanto riguarda le libertà civili, va ricordato il progetto di legge (Charities and Societies Proclamation) con cui il governo si è riservato il diritto di regolare e sopprimere arbitrariamente tutte le organizzazioni civili, interne ed estere. Da segnalare infine lo scarso contrasto alla tratta degli esseri umani.

Anche Voice of America sottolinea l’impegno di Zenawi nel mantenere il Paese forte e rilevante nel panorama africano, il suo spirito di collaborazione verso gli Stati Uniti e l’impulso impartito alla crescita economica, ma allo stesso tempo rimprovera al defunto premier l’incapacità di promuovere tra le libertà e i diritti civili così come aveva fatto con lo sviluppo commerciale. E VoA lo sa bene: Zenawi ne aveva oscurato il segnale perché non gradiva le sue trasmissioni.

L’ambiguo equilibrio tra apertura all’estero e chiusura all’interno è sintetizzato da questo articolo del CPJ a firma di Mohamed Keita: Zenawi aveva la capacità di comprendere ciò che noi stranieri volevamo sentirci dire. In un certo senso, parlava la nostra lingua. Esprimendosi in inglese accanto ai potenti, si mostrava pacato, conciliante e disposto al dialogo con tutti. Lotta alla povertà e lotta al terrorismo erano il succo dei suoi discorsi. Per il mondo, Zenawi ostentava l’immagine di un intellettuale che ha sostenuto lo sviluppo e combattuto le politiche contro il cambiamento climatico. Ma sul versante interno, in una lingua che nessuno in Occidente sa comprendere, il suo tono era molto diverso. Con gli altri etiopi era maleducato, arrogante, minaccioso. Ha proseguito la censura del regime di Mengistu, coprendo perfino le notizie su carestie e siccità. Ha spietatamente represso ogni dissenso. Eskinder Nega è solo l’ultimo nome aggiunto nella lunga lista degli attivisti condannati. In uno dei suoi ultimi discorsi, Zenawi si è scagliato contro le critiche – reali o immaginarie – dei giornalisti indipendenti, accusati di essere “terroristi”.

Al momento, il posto di primo ministro è temporaneamente occupato dal suo vice Hailemariam Desalegnpiombato da un giorno all’altro sotto la luce dei riflettori. Hailemariam era stato nominato vice primo ministro e ministro degli esteri nel settembre 2010, subito dopo la quarta vittoria elettorale del Fronte Rivoluzionario Democratico dei Popoli. Poche settimane dopo il voto, il congresso del partito lo aveva promosso come vice presidente. Nonostante la sua rapida ascesa, è semisconosciuto all’estero. Il congresso del partito si riunirà alla fine di settembre e deciderà se rimarrà in carica fino alle elezioni per il 2015. Al momento, non tutti sono convinti che sotto il suo interregno l’Etiopia manterrà l’attuale stabilità.
Sul futuro politico del Paese, si veda questa lunga ed incisiva analisi sul Time.
Zenawi è stato l’antitesi della massima del presidente Obama, secondo cui “l’Africa non ha bisogno di uomini forti, ha bisogno di istituzioni forti“. In quanto uomo forte, la sua scomparsa lascia un vuoto di potere in un’istituzione debole. E lascerà l’Occidente senza un prezioso alleato. L’ennesimo perso da un anno e mezzo a questa parte, dopo Ben Alì, Mubarak ,Gheddafi e Saleh spazzati via dall’uragano della Primavera Araba. L’ennesimo dittatore “buono”, che reprimeva la sua gente ma piaceva ai nostri potenti.