#2015, l’anno dei #migranti

La questione dei migranti ha animato il dibattito pubblico all’interno dell’Unione Europea per tutto il 2015. Più che altro, quella delle migrazioni si è dimostrata una crisi di cui abbiamo iniziato a capire la portata solo quest’anno: la continuità con cui i flussi si dirigono verso il nostro continente -oltre un milione di arrivi durante quest’anno, il quadruplo rispetto al 2014- hanno ormai elevato le ondate migratorie da mera emergenza a fenomeno strutturale. Fenomeno che interessa innanzitutto i Paesi di frontiera come Grecia e Italia, maggiormente esposti alle rotte dei migranti, ma che ha come meta ultima quelli nel Nord Europa come Germania e Svezia.

[Continua su L’Indro]

La #Germania ha risolto il problema #immigrazione (scaricandolo sull’#Europa)

Mentre le divergenze tra i Paesi membri sulle quote di distribuzione dei migranti sono ancora lungi dall’essere risolte, a fine agosto un nuovo fulmine giungeva a scuotere i cieli d’Europa: la Germania, per bocca della stessa cancelliera Angela Merkel, annunciava di voler sospendere il Trattato di Dublino per accogliere i profughi siriani illimitatamente.

[Continua su The Fielder]

#Germania e #StatiUniti, piccoli spionaggi tra amici

Sulla stampa nazionale e internazionale appaiono periodicamente fughe di notizie relative allo spionaggio tra Paesi amici. L’ultima risale a metà ottobre, quando si è pubblicamente appreso che i servizi segreti tedeschi, già sospettati di spionaggio a favore di Washington, avrebbero “sorvegliato” di propria iniziativa anche diversi altre nazioni come la Francia e gli stessi Stati Uniti. I servizi segreti di Berlino erano già stati accusati di aver ascoltato – per conto della NSA (National Security Agency) statunitense – responsabile del ministero degli Esteri e della presidenza francese e della Commissione europea. E’ solo l’ultimo capitolo di una storia emersa oltre un anno fa con la scoperta delle intercettazioni made in USA ai danni della cancelliera Angela Merkel.

[Continua su Il Falso quotidiano]

#Volkswagen spezza il mito dell’infallibilità tedesca

È ancora presto per circoscrivere le esatte proporzioni dello scandalo Volkswagen (o Dieselgate, come già ribattezzato dalla stampa italiana). Lungi dal diminuire, la questione tende invece ad allargarsi, con accuse che arrivano a toccare persino i vertici del Governo tedesco. La Cancelliera Angela Merkel si è difesa e ha prontamente smentito le voci che denunciavano un coinvolgimento del suo esecutivo, ma il clima rimane teso. Al di là dei risvolti economici e commerciali, il caso è diventato un tema politico, non soltanto tedesco ma continentale.
[Continua su L’Indro]

#Volkswagen: dietro c’è la guerra commerciale #Germania-#Usa?

Non passa giorno senza che lo scandalo Volkswagen produca nuove rivelazioni. Mercoledì si è dimesso Martin Winterkorn, Ceo della casa automobilistica tedesca. In tutto sono 11 milioni le auto coinvolte nella truffa, per la quale l’azienda rischia una multa da 18 miliardi di dollari e con il titolo in Borsa che ha già bruciato 24 miliardi di euro in due giorni. Ed è solo la punta dell’iceberg, poiché il caso delle emissioni diesel truccate potrebbe essere solo una pedina della più complessa partita geopolitica e geoeconomia tra Europa e Stati Uniti giocata sul tavolo del TTIP, il Trattato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti.
[Continua su L’Indro]

Germania e Stati Uniti, c’eravamo tanto amati (e spiati)

È successo tutto in pochi giorni. Mercoledì 2 luglio i procuratori federali di Berlino fanno irruzione in casa di un impiegato dei servizi segreti tedeschi, che viene arrestato con l’accusa di aver passato più di 200 documenti riservati alla Cia, incluse le informazioni di una commissione di indagine parlamentare che si era occupata del caso Snowden. Cinque giorni dopo, la polizia tedesca perquisisce abitazione e ufficio di Berlino di un uomo, che secondo i media locali è un funzionario militare tedesco che – anche lui – avrebbe passato informazioni segrete agli Stati Uniti. Il gran finale arriva giovedì 10, quando la Germania annuncia l’allontanamento di un funzionario della Cia da Berlino.

Tecnicamente non è stata un’espulsione – al dirigente è stato solo consigliato di rientrare in patria e secondo la Sueddeutsche Zeitung, l’uomo in questione, accreditato come diplomatico, avrebbe lasciato il Paese in data 18 luglio – ma le conseguenza sono le stesse: siamo di fronte alla più grave crisi fra Germania e Stati Uniti dallo scontro Schröder-Bush sull’invasione in Iraq, e le ragioni sono profonde di quello che si può immaginare. Continua a leggere

L’Europa pensa alla Germania, Berlino a sé stessa

Per avere un’idea del contesto in cui il recente voto in Germania si è svolto, basta leggere le prime righe di questo articolo su El Pais (via Presseurop):

L’anno politico europeo 2013-2014 si aprirà con le elezioni tedesche del 22 settembre prossimo e si concluderà con le elezioni del Parlamento europeo del 25 maggio 2014. In teoria, le prime dovrebbero passare in secondo piano dietro alle elezioni europee, ma a causa dei paradossi tipici della vita politica europea la situazione si è capovolta: la consultazione elettorale tedesca è ritenuta di importanza cruciale per il futuro dell’Europa, mentre quella europea sarà marginale.

Questa situazione riflette la profonda scissione sulla quale si regge l’Unione europea: se i beni, i servizi, i capitali e le persone circolano liberamente in un territorio vastissimo che si articola attorno a una moneta comune, la struttura politica continua a fare affidamento su una serie di entità nazionali estremamente frammentate, le cui dimensioni e competenze sono assai differenziate.

Mai prima d’ora le elezioni tedesche avevano suscitato tanto interesse nel continente. Analisi più approfondite seguiranno; per adesso limitiamoci ad alcune considerazioni di base.

Merkel ha fatto il vuoto

L’Europa sperava in un pareggio tra Angela Merkel e lo sfidante Peer Steinbrück, e invece la cancelliera uscente ha stravinto – anche qui, come domenica scorsa in Baviera, a spese di tutti gli altri, alleati compresi.
Il risultato era tutto sommato atteso; ora si cerca di capire con chi dividerà il potere Angela III. Con i liberali mestamente fuori dal Bundestag, si dice probabile una nuova Grosse Koalition con i socialdemocratici, o un’alleanza con i Verdi. La SPD è un partito del passato, così come il socialismo europeo. Ai Verdi manca l’intelligenza politica e lo slancio di un tempo; inoltre, l’avvio dell’Energiewende (la svolta energetica che prevede l’abbandono dell’energia nucleare) promosso dalla cancelliera ha sottratto ai Grünen il loro principale cavallo di battaglia. Oltre a cannibalizzare i suoi avversari, la cancelliera è stata abile nell’esautorare gli astri nascenti all’interno del suo stesso partito. Lasciando dietro di sé un grande vuoto in una CDU in cui non spiccano personalità carismatiche. Dunque, sarà in ogni caso Angela a dettare l’agenda e a gestirla: non c’è alternativa alla sua linea.
Frau Merkel scrive così la storia, conquistando il terzo mandato alle elezioni federali; un obiettivo che centrato solo due volte dalla nascita della Repubblica Federale, con Konrad Adenauer e con Helmult Kohl, entrambi cristiano democratici come la cancelliera. Ma con una differenza: loro, almeno, erano europeisti convinti.

L’Europa in ostaggio di Berlino 

Contrariamente a quanto la stampa europea (non senza ingenuità) si augurava, è improbabile che Berlino si impegni a ridare slancio alla costruzione dell’Europa politica. Dell’Europa, in campagna elettorale, non si è proprio parlato. Più in generale, si è parlato poco di temi concreti. L’ampio vantaggio che i sondaggi riservavano alla CDU ha consentito alla formazione ora al potere di tralasciare completamente i contenuti. Mentre l’Europa è ancora avvolta dalla crisi e il conflitto siriano infiamma ai suoi confini, in Germania si discute del divieto di fumare. Ma ai tedeschi va bene così.
Bruxelles è preoccupata. Non soltanto perché il voto tedesco è da un paio d’anni a questa parte la scusa per bloccare qualsiasi cosa. Il più grande timore della Commissione Europea è la crescente insistenza del cancelliere Angela Merkel sul ridimensionamento dei poteri dell’esecutivo UE a favore degli Stati nazionali. La stessa Merkel che aveva giustificato l’austerity imposta ai Paesi in difficoltà dicendo “abbiamo tutelato i nostri interessi nazionali”. Dissolvendo in cinque parole decenni di retorica europeista.
E pensare che l’intero processo di integrazione europea non è stato altro che l’estremo tentativo della Francia di imbrigliare la potenza tedesca, piegata dalla guerra ma subito capace di rialzarsi, e che perfino il tanto vituperato euro è stato il frutto della volontà dell’allora presidente francese, Francois Mitterand, di legare a Parigi – e, di riflesso, all’Europa – una Berlino che dopo la riunificazione pareva avviata a restaurare una propria politica di potenza al centro del continente.

La storia ha smentito tutti questi propositi: la campagna elettorale ha paralizzato il continente, e grazie alla moneta unica i tedeschi hanno vinto la guerra mondialeGood job, Europe.

I problemi della Germania che Angela Merkel vuole nascondere

Infine, che il modello teutonico sia perfetto e che i tedeschi siano un popolo felice e contento, sono solo una leggenda.
Quella che ha votato ieri è una Germania caratterizzata da profonde divisioni sociali: secondo uno studio dello dell’Istituto Forsa e la Fredrich-Ebert-Stiftung, del totale degli elettori chiamati alle urne in questa tornata, il 9% guadagna meno di mille euro al mese. Tra gli astenuti, lo stesso dato raggiunge il 20%. La conclusione è che quanto più basso è il reddito, maggiore si rivela l’astensione. Inoltre, tra chi si astiene sono più frequenti coloro che non hanno studiato o hanno solo una formazione secondaria professionale. Il 57% di coloro che si asterranno è disoccupato. E non sono le uniche magagne della Germania di oggi.
Il mercato del lavoro presenta molti lati oscuri: precarizzazione crescente, mancanza di salari minimi e scarsa mobilità sociale sono aspetti che il governo ha sempre cercato di nascondere.
A partire dal 2030 chi avrà lavorato per ben 35 anni con uno stipendio medio di 2.500 euro lordi, si vedrà riconosciuta una pensione di appena 688 euro al mese – esattamente alla soglia del minimo legale di sussistenza.
Le Landesbanken (banche territoriali) hanno 637 miliardi di crediti dubbi, colpa di rapporti torbidi con la politica, e il principale motivo per cui la Germania si è sempre opposta all’Unione bancaria, che implica una pesante cessione di potere decisionale a Bruxelles, sembra sia proprio lo stato di salute delle proprie banche.