Cina vs Usa, la (cyber)guerra fredda

In febbraio, in occasione del discorso sullo stato dell’unione, Barack Obama ha annunciato un nuovo impegno nazionale per difendere l’America dagli attacchi informatici, volti a rubare segreti aziendali o a sabotare le infrastrutture energetiche. Chiaro riferimento alla Cina, pur non espressamente menzionata dal presidente.
Per tirare in ballo Pechino, Obama ha aspettato l’ultima decade di marzo, in seguito alla pubblicazione di un controverso rapporto sulla sicurezza informatica del Paese.

Con il termine Cyber Warfareanche detta guerra cibernetica, si intende l’alterazione e/o la distruzione dell’informazione e dei sistemi di comunicazioni nemici, paralizzandone o comunque limitandone il regolare flusso di informazioni. Per approfondire si veda l’esauriente pagina di Wikipedia. Secondo questa analisi su Linkiesta:

Secondo la definizione di Daniela Pistoia, vice presidente del settore ricerca e progettazione sistemi avanzati di Elettronica spa, «con il termine Cyber Warfare ci si riferisce al complesso di attività difensive (cyber-security) e offensive (cyber-attack) condotte mediante l’uso combinato e distribuito di tecnologie elettroniche, informatiche e infrastrutture di telecomunicazione. Che prevedono l’intercettazione, la manipolazione o la distruzione dell’informazione e dei sistemi di comunicazione degli avversari».

Il Cyber Warfare non si sta limitando però a cambiare il campo di battaglia: sta letteralmente ridisegnando la geopolitica delle superpotenze. Ne è fermamente convinto il professor Sergio Luigi Germani, direttore del Centro studi “Gino Germani” e condirettore scientifico della conferenza: «I Paesi occidentali sono in forte ritardo su questo fronte» dice. «Un ritardo – prosegue – determinato da un deficit concettuale di fondo: restiamo ancorati alle categorie dell’era nucleare, ormai obsolete. Ma lamentiamo anche il ritardo da parte del mondo dell’università e della ricerca, mentre potenze orientali come Cina, Russia e India vantano in questo settore chiave un profondo pensiero strategico».
In Cina, Russia e India la cyberguerra si combatte anche in tempi di pace. Attraverso la guerra psicologica, la guerra della disinformazione, l’intelligence, il sabotaggio e lo spionaggio digitale.

«Mentre in Occidente, ad esempio, consideriamo Cyber Warfare come qualcosa di differente e separato dal Cyber Crime, in Russia le realtà si trovano a convivere e viaggiare di pari passo: molto spesso, infatti, le autorità dello stato si avvalgono della preziosa collaborazione di hacker “patriottici” per mettere a segno attacchi decisivi».

Secondo Limes, che Cina e Stati Uniti si spiino non dovrebbe suscitare clamore. Pechino spia gli americani per rubare segreti tecnologici e accusa gli Stati Uniti di violare i siti governativi:

La questione cibernetica è emersa lo scorso novembre, quando il New York Times ha reso noto che le e-mail di alcuni suoi giornalisti erano stati violate da hackercinesi.
L’attacco si è verificato dopo la pubblicazione di un inchiesta sulle sconfinate ricchezze dell’ex primo ministro Wen Jiabao. I cinesi probabilmente volevano scoprire quali informazioni fossero nelle mani del giornale e chi le aveva fornite.
In seguito, i quotidiani americani hanno diffuso i contenuti di un rapporto dell’azienda di sicurezza informatica Mandiant intitolato “Apt1: Exposing One of China’s Cyber Espionage Units”, secondo cui il governo cinese è il diretto responsabile della maggior parte degli attacchi cibernetici subiti dalle imprese americane.
In particolare, la advanced persistent threat n.1 (Apt1) cinese è l’unità 61398dell’Esercito popolare di liberazione (Pla), responsabile della difesa (e dell’offesa) informatica del paese. L’unità fa capo alla terza sezione del Pla General staff department, dedicata alla sigint (signal intelligence, la raccolta d’informazioni attraverso l’intercettazione e l’analisi dei segnali trasmessi tra persone o macchine).

A onor del vero, non tutti sono convinti che gli attacchi siano di provenienza cinese. Linkiesta: Continua a leggere