Il ruolo di #Cuba nella #geopolitica di #Obama

Il Presidente americano Barack Obama è arrivato all’Avana, nel primo viaggio dal 1928 di un Presidente degli Stati Uniti in carica per sancire il disgelo, cominciato 15 mesi fa, dei rapporti diplomatici ed economici con Cuba. Obama, accompagnato dalla First Lady Michelle e dalle due figlie Malia e Sasha, è il primo inquilino della Casa Bianca a visitare il ‘regno’ dei Castro da quando Calvin Coolidge vi inaugurò il congresso Panamericano quasi nove decenni fa.

[Continua su L’Indro]

#USA: record decessi per overdose, ma il governo è complice

Un breve articolo di qualche giorno fa su Quartz segnala che negli Stati Uniti tra il 2000 e il 2014 sono morte per overdose quasi mezzo milione di persone. Secondo gli ultimi dati pubblicati dai Centri di Controllo e Prevenzione delle Malattie i decessi sarebbero per la precisione 499.446, di cui più di 47.000 persone nel solo 2014, con un incremento del 7% rispetto all’anno precedente e in ogni caso il numero più alto mai registrato.

[Continua su Il Falso quotidiano]

Fratelli #Koch: burattinai top secret della #politica americana

Più o meno tutti ci ricordiamo degli anziani fratelli miliardari di Una poltrona per due, che speculavano su tutto al punto da scambiare le vite di Eddie Murphy e Dan Aykroyd per una scommessa da un dollaro. Ebbene, questa coppia di fratelli esiste davvero e porta il nome di Charles e David Koch, due miliardari nel settore petrolchimico e tra i più grandi finanziatori del Partito Repubblicano – in particolare della sua ala più estrema – con tanto di agenzia d’intelligence al loro servizio per la sorveglianza di politici in vista delle prossime presidenziali.

[Continua su Il Falso quotidiano]

#Germania e #StatiUniti, piccoli spionaggi tra amici

Sulla stampa nazionale e internazionale appaiono periodicamente fughe di notizie relative allo spionaggio tra Paesi amici. L’ultima risale a metà ottobre, quando si è pubblicamente appreso che i servizi segreti tedeschi, già sospettati di spionaggio a favore di Washington, avrebbero “sorvegliato” di propria iniziativa anche diversi altre nazioni come la Francia e gli stessi Stati Uniti. I servizi segreti di Berlino erano già stati accusati di aver ascoltato – per conto della NSA (National Security Agency) statunitense – responsabile del ministero degli Esteri e della presidenza francese e della Commissione europea. E’ solo l’ultimo capitolo di una storia emersa oltre un anno fa con la scoperta delle intercettazioni made in USA ai danni della cancelliera Angela Merkel.

[Continua su Il Falso quotidiano]

#Canada: i liberali di #Trudeau vincono le elezioni

Il Canada volta pagina. I liberali di Justin Trudeau hanno vinto le elezioni federali battendo i conservatori del premier Stephen Harper, in carica dal 2006. Trudeau, figlio dello storico leader del partito Pierre Trudeau, diventa così il secondo premier più giovane (43 anni) nella storia del Canada dopo il conservatore Joe Clark, eletto a 39 anni, e il secondo anche tra i Paesi del G7, dopo Matteo Renzi (40 anni).

[Continua su L’Indro]

Il significato geopolitico della #TPP

Dopo dieci anni di negoziati, il Partenariato Trans Pacifico (Trans Pacific Partnership, TPP) è realtà. L’accordo di libero scambio -in tutto e per tutto simile al Trattato Transatlantico che gli Stati Uniti stanno negoziando con l’Europa- è stato raggiunto lo scorso 5 ottobre e riguarda 12 Paesi: Usa, Giappone, Australia, Nuova Zelanda, Canada, Messico, Perù, Cile, Vietnam, Singapore, Brunei e Malesia, che insieme contano 800 milioni di abitanti e rappresentano il 40% del commercio mondiale. Il documento sarà ora sottoposto alle ratifiche parlamentari, compresa quella (probabile, ma non scontata) del Congresso USA. Si tratta del principale successo dell’agenda economica del Presidente Barack Obama. Prende così forma la maggior area di libero scambio al mondo, dietro la quale si staglia il progetto di ‘contenimento’ della Cina, esclusa dal negoziato, che rappresenta la cifra strategica della politica estera della Casa Bianca.
[Continua su L’Indro]

#Volkswagen spezza il mito dell’infallibilità tedesca

È ancora presto per circoscrivere le esatte proporzioni dello scandalo Volkswagen (o Dieselgate, come già ribattezzato dalla stampa italiana). Lungi dal diminuire, la questione tende invece ad allargarsi, con accuse che arrivano a toccare persino i vertici del Governo tedesco. La Cancelliera Angela Merkel si è difesa e ha prontamente smentito le voci che denunciavano un coinvolgimento del suo esecutivo, ma il clima rimane teso. Al di là dei risvolti economici e commerciali, il caso è diventato un tema politico, non soltanto tedesco ma continentale.
[Continua su L’Indro]