Gheddafi fu ucciso da un agente segreto francese. Dov’è la notizia?

La non-notizia di oggi è che l’assassino di Gheddafi era un agente segreto straniero mischiato alle brigate rivoluzionarie. Indovinate di quale nazionalità…

Tra gli ambienti diplomatici occidentali nella capitale libica il commento ufficioso più diffuso è che, se davvero ci fu la mano di un sicario al servizio degli 007 stranieri, questa «quasi certamente era francese». Il ragionamento è noto. Fin dall’inizio del sostegno Nato alla rivoluzione, fortemente voluto dal governo di Nicolas Sarkozy, Gheddafi minacciò apertamente di rivelare i dettagli dei suoi rapporti con l’ex presidente francese, compresi i milioni di dollari versati per finanziare la sua candidatura e la campagna alle elezioni del 2007. «Sarkozy aveva tutti i motivi per cercare di far tacere il Colonnello e il più rapidamente possibile»

Secondo il Corriere, fu Assad a passare alla NATO il numero del telefono satellitare di Gheddafi agli 007 francesi. In cambio il presidente siriano avrebbe ottenuto che Parigi chiudesse un occhio sulla repressione contro la popolazione in rivolta, limitando così la pressione internazionale su Damasco.

Per capire perché questa rivelazione è un pò la scoperta dell’acqua calda dobbiamo fare un salto indietro a metà febbraio 2011. La narrativa ufficiale di quella che poi sarebbe degenerata nella guerra civile libica parla di una rivolta nata in Cirenaica, e presto estesa in tutto il Paese, in seguito alla brutale repressione di manifestazioni popolari spontanee.
A questa versione se ne affianca un’altra, più articolata e meno “vendibile” al grande pubblico. La repentina degenerazione della crisi libica dalle manifestazioni di piazza alla guerra civile ha da subito alimentato  i sospetti che si sia trattato di un colpo di Stato in fieri. Tale golpe, raccontava l’analista Karim Mezran sulle pagine di Limes un anno fa, sarebbe stato deciso pochi mesi prima  in un albergo di Parigi dai servizi segreti francesi con la complicità di Nuri al-Mismari, ministro del cerimoniale di Gheddafi. Le rivolte avrebbero poi costretto gli organizzatori ad accelerare il piano. Le defezioni dei militari e degli alti gradi del governo (su tutti: il ministro della Giustizia Mustafa Abdel Jalil e quello dell’Interno Abdel Fattah Yunis), stranamente rapide e a macchia di leopardo, la rapida genesi del CNT, la diffusione di cos’ì tante armi leggere in mano a così tanta gente, e soprattutto la frenetica attività diplomatica della Francia in favore dell’intervento armato troverebbero spiegazione proprio in questa imprevista accelerazione.
Qualcuno si è chiesto come mai la Francia ha premuto con tutte le sue forze per convincere le altre potenze della necessità di un intervento armato, poi consacrato dalla risoluzione 1973 del CdS? Oppure perché è stata la prima a riconoscere il CNT – sorto dal nulla da un giorno all’altro – come unico interlocutore in Libia? O come mai Parigi non ha neppure atteso l’avvio ufficiale della missione Unified Protector, inviando i propri caccia nei cieli libici con un giorno d’anticipo?
Sugli interessi francesi in Libia e sul piano messo in atto per strapparla all’Italia si veda questa analisi su Il Sussidiario.

A un anno di distanza i fati dimostrano che la Francia ha fatto male i calcoli. Se mai ce ne fosse bisogno, questo articolo sul blog di Alex Thurston spiega perché l’intervento NATO in Libia è stato un errore. E gli effetti collaterali provocati dal rovesciamento di Gheddafi sono sotto gli occhi. Innanzitutto l’insorgenza dei tuareg nel Nord del Mali, che avrebbe poi condotto alla dichiarazione d’indipendenza dell’Azawad e alla sua successiva caduta in mano ai qaidisti. Senza contare l’afflusso di profughi in Ciad, Tunisia, Egitto ed Europa (via Lampedusa) e un ruolo non secondario nella crisi alimentare che tuttora affligge la regione del Sahel.

Nel 1307 Filippo IV il Bello, re di Francia, espose una serie di accuse infamanti contro i cavalieri Templari – con cui era stato in affari e di cui era debitore – per azzerare i propri debiti e mettere le mani su gran parte del patrimonio dell’ordine. Sette secoli più tardi, la storia si è ripetuta nella figura di Nicolas Sarkozy, esecutore del suo ex amico e socio Muammar Gheddafi.
In tanti hanno bevuto la storiella dell’intervento umanitario. In realtà Sarkozy ha voluto la caduta di Gheddafi per strappare la Libia all’influenza italiana, guadagnando posizioni nel Nord Africa. L’eliminazione fisica dell’ex alleato era necessaria per evitare che quest’ultimo fosse tradotto davanti ad un tribunale internazionale per crimini di guerra, dove avrebbe meritato un posto d’onore ma all’interno del quale avrebbe rivelato alcuni segreti che, per il bene delle cancellerie occidentali, sarebbe stato meglio che restassero tali.

Mali, interventi militari in vista

La ribellione nel nord del Mali continua. A fine maggio le due forze occupanti dell’Azawad, ossia il MNLA e Ansar Dine  hanno annunciato un’alleanza  (il quotidiano Aray al Mostenir sostiene di avere il testo dell’accordo, qui in arabo), ma l’accordo pare essere già in via di rottura. Oltre al nervosismo causato dalla ribellione nel suo complesso, la notizia più importante (e inquietante) di questi giorni è la possibile alleanza tra Ansar Dine e AQIM, fatto che preoccupa non poco i Paesi vicini.

In particolare la Mauritania sembra pronta a reagire militarmente per impedire la nascita di uno Stato fondamentalista proprio al di fuori dei suoi confini. Truppe mauritane sarebbero già schierate lungo la frontiera con l’Azawad. Dal 2005 AQIM ha condotto periodici incursioni, rapimenti e attentati in territorio mauritano, ed è normale che Nouakchott tenti di prevenire analoghe azioni in futuro. Ma è anche possibile che la Mauritania stia considerando un’offensiva. Non sarebbe la prima volta: le forze mauritane si sono spinte all’interno del Mali già tre volte nell’arco di un biennio, nel settembre 2010 nella regione di in Timbuktu e poi nel giugno  (si veda anche qui ) nell’ ottobre 2011 nella foresta di Wagadou. E potrebbero esserci episodi ulteriori non resocontati.

Nel frattemnpo, anche l’ECOWAS medita un intervento militare per riportare l’ordine nell’Azawad. L’intenzione è quella di promuovere un pacchetto di sanzioni a cui seguirebbe l’invio di forze di sicurezza. Il piano strategico è già stato sottoposto all’attenzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Kadre Desire Ouedraogo, il presidente dell’ ECOWAS, ha detto che manca solo l’autorizzazione da parte delle Nazioni Unite. Non ci sarebbero aiuti esterni (leggi: occidentali), a parte l’invio di pianificatori militari da parte degli Stati Uniti per coordinare le operazioni sul campo.
L’organizzazione medita un analogo programma nella Guinea Bissau, teatro di un altro recente colpo di Stato.

Sul fronte interno, un rapporto di Human Rights Watch afferma che le diverse parti nel nord del Mali hanno commesso numerose violazioni dei diritti umani durante la ribellione, provocando la fuga di massa delle popolazioni. Di conseguenza, oltre ai venti di guerra gli Stati confinanti devono fare i conti anche col problema dei profughi. In Burkina Faso la situazione è drammatica, in considerazione del fatto che il fenomeno migratorio avviene in un periodo di pesante siccità. Ma è tutto il Sahel ad attraversare una crisi alimentare tra le più gravi e complicate degli ultimi decenni, secondo quanto riportato dal Programma Alimentare Mondiale. Nel frattempo le Nazioni Unite hanno più che quadruplicato il loro appello di finanziamenti per il reinsediamento dei rifugiati nel loro Paese d’origine.

Quello che i media non dicono sul Mali

Carta di Laura Canali per Limes 3/2011 "(Contro)Rivoluzioni in corso"

In Mali è accaduto tutto nel giro di due settimane: prima il colpo di Stato che ha deposto il presidente Amadou Toumani Touré, poi la ribellione dei Tuareg nel Nord, infine la proclamazione unilaterale dell’indipendenza dell’Azawad.
La sollevazione era iniziata già in gennaio, ma non vi è dubbio che nel volgere di pochi giorni sia stata agevolata dalla confusione scoppiata a Bamako a partire dal 22 marzo. E pensare che gli uomini di Sanogo avevano pensato bene di rovesciare il presidente perché accusato di inettitudine nella gestione della rivolta – qui un’analisi delle dinamiche che hanno portato dall’ammutinamento al colpo di Stato.
In pochi giorni il Movimento Nazionale per la Liberazione dell’Azawad (MNLA) ha raggiunto i propri obiettivi militari, ossia le città capoluogo di Kidal, Gao, Timbuktu, annunciando così la fine delle operazioni e poi la creazione di un proprio Stato. L’offerta di negoziati da parte di Sanogo ha tutta l’aria di una resa di fronte all’avanzata nemica. Ad ogni modo, la richiesta di riconoscimento del nuovo Stato è stata rifiutata da Parigi (che secondo una voce sarebbe dietro il golpe a Bamako) così come dall’Unione Africana e dal resto della comunità internazionale. Risposta ovvia. D’altra parte nessuno vuole creare un precedente che alimenti ulteriori spinte centrifughe da parte di ogni popolo, tribù o clan che rivendichi dei diritti sul territorio che abita – soprattutto in Africa, dove le nazioni sono state create con compasso e righello senza tenere conto degli areali di ciascuna etnia.

Benché al momento la vita a Bamako pare già essersi normalizzata, nel resto del Mali si segnalano già 200.000 persone in fuga, e lo scenario futuro si prospetta oscuro. L’Ecowas deciderà possibili sanzioni; il resto della comuità internazionale minaccia di sospendere i programmi di aiuto umanitario – proprio nel momento in cui il Sahel si trova nel bel mezzo di una crisi alimentare tanto grave quanto pericolosa. E si tratta solo della punta dell’iceberg dei problemi.
Il rischio principale è la possibile somalizzazione dell’Azawad e del Sahel in generale. È opportuno precisare che il MNLA è solo la maggiore fazione in cui i ribelli Tuareg sono raggruppati, ma non l’unica. In particolare, sulla scena c’è anche Ansar Dine (in arabo: “I sostenitori/difensori della fede”), che dichiara di voler imporre la shari’a in Mali e i cui rapporti con il MNLA pare fossero già incrinati prima del colpo di Stato a Bamako. Ansar Dine afferma di controllare un territorio a nordest del Paese, a riprova della spaccatura in corso. Un’approfondita analisi, tra le altre cose, delle relazioni tra i vari gruppi, si trova qui.
L’altro pericolo è che AQMI (al-Qa’ida nel Maghreb Islamico) approfitti della situazione per estendere la propria presenza nella regione. Secondo Le Monde, qa’idisti e Tuareg sarebbero divenuti avversari, ma non va dimenticato che sono pur sempre stati gli uni a trasformare gli altri da nomadi del deserto a mercenari e contrabbandieri.
Infine, c’è da chiedersi se lo Stato a cui i Tuareg aspirano si limiterà all’interno del Mali o se tenteranno di integrare anche i territori da essi popolati in Niger, Algeria, Mauritania, Burkina Faso e Libia.

Ciò che sta avvenendo nell’Azawad è frutto dell’effetto domino generato dalla caduta di Gheddafi in Libia. Mentre da noi Maroni parlava di fantomatiche invasioni di profughi che avrebbero invaso il Belpaese, sono gli Stati africani confinanti ad aver subito in pieno l’onda d’urto dei civili (e non solo) in fuga dalla Libia in fiamme: 900.000 persone, secondo stime ONU. E ciò in un periodo (giugno-novembre) coincidente con l’insorgere della crisi alimentare nel Sahel.
Tra le migliaia di persone che giunsero in Mali, vi era anche un considerevole numero di miliziani tuareg (dai 2.000 ai 4.000) che avevano combattuto dalla parte di Gheddafi, portando con sé buona parte della cornucopia di armi trafugate dagli arsenali sguarniti. Circostanza che ha dato nuovo impulso al movimento secessionista in Mali, ad appena due anni dalla fine dell’ultima rivolta.
Allora a guidare i ribelli era stato Ibrahim ag Bahanga, morto lo scorso 26 agosto al suo rientro in Mali dopo due anni di esilio in Libia, sospettato di pianificare una nuova sollevazione (ossia quella tuttora in corso). La figura di ag Bahanga e le dinamiche politiche dei Tuareg dopo la fine di Gheddafi sono ricostruite qui e qui.

Nota a margine. Al di là della voce riportata all’inizio, la Francia è la grande sconfitta dagli eventi in corso, poiché sta vedendo sfuggirsi di mano un’intera regione che considera di propria pertinenza. Era stata Parigi ad organizzare il (fallito) colpo di Stato da cui sarebbe scaturita la rivolta libica. Nei piani dell’Eliseo, rovesciare Gheddafi per rimpiazzarlo con un governo amico avrebbe consentito di ristabilire un controllo più diretto sulle ex colonie nel Sahara. Invece è accaduto esattamente il contrario.

Quattro colpi di Stato, quattro lezioni sulla democrazia (che non c’è) in Africa occidentale

Il colpo di Stato del 22 marzo nel Mali è stato il quarto avvenuto nell’Africa occidentale negli ultimi anni, dopo quelli in Mauritania (2008), Guinea (2008), e Niger (2010). Riflettiamo su questo punto, mettendo da parte la questione dei Tuareg e tutto ciò che le ruota intorno. Quattro casi, alcune analogie. Tutti i Paesi in questione, al momento del cambio di regime, stavano attraversando momenti di evidente crisi. E tutti erano in procinto di andare alle elezioni.

La storia della Mauritania, in seguito alla fine del sistema monopartitico nel 1978, include quattro colpi di mano in successione: 1978, 1984, 2005, e appunto 2008. Mentre i primi due installarono al potere dei regimi militari, il terzo venne motivato da crescenti tensioni domestiche sotto la dittatura del colonnello Maaouya Ould Sid’Ahmed Taya. Quest’ultimo tentò di stemperare la situazione attraverso una moderata tolleranza verso l’apertura alla democrazia. Nel 2007 furono organizzate delle libere elezioni. Ma all’interno della leadership militare serpeggiava la convinzione che un governo civile sarebbe stato politicamente debole di fronte alle minacce che incombevano all’orizzonte, segnatamente quella jihadista. Si giunse così al colpo di Stato nell’agosto del 2008. Il leader del golpe, il generale Mohamed Ould Abdel Aziz, era peraltro già stato un elemento chiave nel precedente colpo di mano del 2005. Nel 2009 la giunta militare ha indetto le elezioni presidenziali. Abdel Aziz si è presentato come candidato e ha vinto. È al potere ancora oggi, nonostante le accuse di corruzione, affarismo e familismo.

La Guinea ha avuto due colpi di Stato: nel 1984, alla morte di Sekou Toure, presidente in carica fin dall’indipendenza, e nel 2008, alla morte del presidente Lansana Conte, salito al potere proprio 24 anni prima. Il controllo venne assunto da una giunta militare presieduta dal capitano Moussa Dadis Camara, che aveva dapprima promesso nuove elezioni, in seguito alle quali avrebbe lasciato il potere, salvo poi rimangiarsi tutto. Nel settembre 2009 ha fatto reprimere nel sangue una manifestazione dell’opposizione. Tre mesi dopo una delle sue guardie gli ha sparato un colpo in testa. Il potere è passato al generale Sekouba Konate, che ha indetto nuove elezioni (in un doppio turno nei mesi di giugno e novembre del 2010) segnate da pesanti violenze e accuse di frode. Il vincitore Alpha Condé, a lungo leader dell’opposizione, è ancora presidente.

Anche il Niger ha avuto quattro golpe. Nel 1974, quando fu rovesciato il Hamani Diori, in carica dall’indipendenza. Nel 1996 quando salì al potere il colonnello Ibrahim Mainassara, dopo una serie di governi democratici ma instabili. Nel 1999, in seguito all’assassinio di Mainassara da parte delle sue guardie del corpo e che portò alle elezioni poi vinte da Mamadou Tandja. Infine l’ultimo nel febbraio 2010, guidato dal colonnello Salou Djibo, che cacciò Tandja dopo che questi aveva modificato la costituzione per rimanere in carica oltre la scadenza naturale del suo secondo mandato. L’episodio del 2010 mostra una significativa continuità con quello precedente del 1999: Djibo, che si considerava l’arbitro della democrazia nigerino, ha poi organizzato nuove elezioni in tempi relativamente brevi. Il voto si è tenuto nei mesi di gennaio e marzo del 2011 ed è stato vinto dall’allora leader dell’opposizione – e attuale presidente – Mahamadou Issoufou.

Il Mali, prima di quello del 22 marzo, ha avuto altri due rovesciamenti: 1968 e 1991. Il primo portò al potere Moussa Traoré, che aveva spodestato il primo presidente del Paese Modibo Keita e che avrebbe governato col pugno di ferro per oltre vent’anni. Il secondo avvenne per mano di un altro militare, Amadou Toumani Touré, il quale cedette il potere a un governo eletto l’anno successivo (guadagnandosi il soprannome di “soldato della democrazia”), e poi riuscì a farsi eleggere presidente nel 2002, ottenendo un secondo mandato nel 2007. E pensare che aveva promesso di non ripresentarsi alle presidenziali. Inoltre, il governo di Touré è stato segnato da incompetenza e corruzione. Sullo sfondo, nel Paese si sono susseguite tensioni religiose e intercomunitarie, nonché una diffusa criminalità urbana. E a Nord c’erano i Tuareg, i quali hanno collezionato una lunga serie di ribellioni nel corso degli ultimi cinquant’anni: tra il 1962 e il 1964, tra il 1990 e il 1995, e infine tra il 2007 e il 2009.
Alcuni membri del governo Touré sono stati anche accusati di aver tollerato l’ingovernabilità nel vasto Nordest desertico proprio per lucrare sui traffici illeciti che fioriscono nella regione. In ogni caso, l’incapacità di fronteggiare la nuova rivolta dei Tuareg in corso nella vasta area ha determinato il colpo di mano del 22 marzo.

Quattro esempi, quattro riflessioni.
Continua a leggere