USA vs Russia, la guerra silenziosa delle sanzioni

Parlando del processo di annessione della Crimea alla Russia, salta all’occhio lo stridente contrasto tra le opposte condotte dei due più alti attori in causa: all’attivismo di Putin si è infatti contrapposto la titubanza di Obama. In realtà, l’immobilismo della Casa Bianca di fronte alle rapide mosse del Cremlino e solo un mito.

Il primo passo è stato la cancellazione del G8 previsto a Sochi (al suo posto si terrà una riunione del G7 a Bruxelles), decisione a cui il Ministro degli Esteri russo Lavrov ha replicato: “Mosca “non e’ aggrappata al formato G8 perché tutti i principali problemi possono essere discussi in altre sedi internazionali, come il G20″. Dopo tutto, il summit degli 8 grandi non è che un consesso informale, dal quale non si può essere espulsi ma al massimo “non invitati”. Ma è solo l’inizio. Se i russi hanno fatto più “rumore” con lo schieramento di armi e soldati sul campo, l’Occidente si prepara a colpire in modo silente: attraverso la finanza.

Nella conferenza stampa finale all’Aia, dopo la due giorni del Forum sulla sicurezza nucleare, il Presidente USA Obama ha affermato di non temere Mosca, sempre più “isolata internazionalmente”. “Ho più paura di una bomba nucleare che colpisce Manhattan che della Russia”, ha detto Obama; che però ha avvertito: “Se la Russia non si ferma dopo l’annessione della Crimea, ci saranno nuove misure contro Mosca, con sanzioni settoriali che potrebbero colpire l’energia, la finanza e il commercio“. Nella giornata di martedì, 25 marzo, il Senato americano ha approvato con 78 voti a favore e 17 contrari una proposta di legge che prevede sanzioni contro la Russia e aiuti economici all’Ucraina. Molti repubblicani si erano opposti perché nella proposta era presente anche la riforma del Fondo monetario internazionale, che secondo l’amministrazione Obama dovrebbe servire anche a Kiev per ottenere più fondi, ma che tuttavia che non era contenuta nella proposta di legge già approvata dalla Camera.

Continua a leggere

Ora la Russia vuole anche la Transnistria

Le truppe russe hanno preso il controllo delle basi militari di BelbekFeodosia, le ultime rimaste sotto il controllo del governo ucraino in Crimea. Kiev ha già annunciato il ritiro delle sue truppe dalla penisola. Adesso che la Crimea è stata annessa dalla Russia, diventa fondamentale per il Cremlino collegarla alla sponda russa più vicina attraverso la costruzione di un tunnel o di un ponte nello stretto di Kerch, indispensabile per Mosca per legittimare ulteriormente la scelta secessionista del territorio. Inoltre, da diversi giorni si segnala un progressivo dislocamento di forse lungo il confine orientale dell’Ucraina, dove si trovano le province a maggioranza russa.

Le notizie più interessanti (rectius: inquietanti), tuttavia, arrivano da Ovest. Il rapido processo di annessione della Crimea alla Russia ha portato diversi esperti a chiedersi se questo possa creare un “precedente”, spingendo altri territori dello spazio post sovietico a separarsi dai rispettivi Stati per chiedere di passare sotto la sovranità russa. Proprio di recente il parlamento russo ha approvato una legge che prevede meccanismi più semplici per i casi di annessione di territori alla Russia. Martedì 18 marzo è arrivata la prima richiesta in tal senso è giunta dalla Transnistria, territorio della Moldavia che si è autoproclamato indipendente nel settembre 1990, e di cui ci siamo già occupati in più occasioni.

Circa il 30% della popolazione (mezzo milione di abitanti) del territorio è di etnia russa, come russa è anche la lingua madre della maggioranza assoluta. A Tiraspol, la capitale, è fortissimo il desiderio di tornare a far parte della Russia, che ha sempre sostenuto economicamente il piccolo Stato fin dalla separazione dalla Repubblica di Moldavia. Lo scorso dicembre, con una riforma costituzionale al vaglio del soviet supremo, la Transnistria ha dato avvio all’armonizzazazione del proprio corpus legislativo a quello di Mosca. Già in referendum del 2006 il 97% devotanti si espresse a favore del ricongiungimento con Mosca.

Continua a leggere

Così la Russia si è ripresa la Crimea

Alla fine la partita tra la Russia e il binomio Europa – Usa per l’influenza sull’Ucraina si è rivelata per quello che realmente era: un braccio di ferro tra le grandi potenze per il controllo del Mar Nero. Dalle manifestazioni di piazza di novembre, poi degenerate nei sanguinosi scontri di febbraio e culminati con la defenestrazione del presidente Yanukovich, siamo arrivati all’occupazione militare della Crimea da parte di Mosca, evento che ha scatenato le ire (e a breve anche le ritorsioni) delle cancellerie di Bruxelles e Washington. Con l’epicentro della crisi spostato dalla capitale ucraina alla sua penisola più a sud, per alcuni giorni si è parlato di una riedizione della Guerra Fredda, se non addirittura di una Terza guerra mondiale proprio nel centenario della Prima. La Russia ha infatti dimostrato le proprie capacità di effettuare operazioni militari veloci e coordinate oltre i suoi confini, come già avvenuto in occasione della guerra con la Georgia nel 2008.

Crimea, appunto. Più che una penisola, una quasi-isola, ponte fra Europa e Caucaso, protesa nel Mar Nero. E’ unita all’Ucraina attraverso l’istmo di Perekop, ma allo stesso tempo è vicinissima al territorio della Federazione russa, da cui la separa solo lo stretto di Kerch. In questi giorni si parla della possibile costruzione di un ponte che annulli tale distanza. Per gran parte della popolazione (il 58% è russofono), tra i due collegamenti con la terraferma sarebbe quest’ultimo quello naturale, e l’altro quello artificiale. Fu annessa dalla zarina Caterina II nel 1783 e divenne punto avanzato d’influenza su Balcani e Mediterraneo, cosa che è ancora oggi: qui ha sede la base navale di Sebastopoli, porta verso il Mediterraneo e i mari del Sud. Narra una leggenda che Nikita Krusciov, che nel 1954 decise di donarla a Kiev per commemorare i 300 anni del Trattato di Perislav (che formalizzava l’annessione dell’Ucraina all’impero zarista) compì tale gesto da ubriaco; oggi, invece, impressiona la lucidità con cui Vladimir Putin sta cercando di riprendersela. Ma come è avvenuta, in concreto, la campagna di Crimea?

Continua a leggere

Dare un senso alle provocazioni della Russia nello spazio postsovietico

Forse lo avevamo dimenticato, ma la caratteristica fondamentale della Russia è quella di sorgere sul territorio russo. Non è un gioco di parole. A forza di citare Mosca nel contesto del braccio di ferro diplomatico che contorna il conflitto siriano, abbiamo trascurato che gli interessi geopolitici dei russi si concentrano primariamente a ridosso del Mar Nero, nel Caucaso e in Asia centrale. In quelle aree che una volta facevano parte dell’Urss e che oggi, non a caso, chiamiamo spazio postsovietico.

Spazio ex sovietico sul quale la Russia non ha mai mancato di esercitare un’influenza, per non dire una prelazione. Risale ad un anno fa, all’indomani dell’annuncio da parte di Putin della sua candidatura alle presidenziali di marzo 2012, la prima menzione ufficiale del progetto di Unione eurasiatica. L’idea, ispirata al modello di’integrazione dell’Unione Europea e rivolta ai Paesi che furono parte dell’Urss (con le scontate eccezioni dei Paesi baltici, della Georgia e anche dell’Azerbaijan), affonda le sue radici in una serie di precedenti tentativi di integrazione della regione, tutti tesi alla riorganizzazione geostrategica dello spazio postsovietico all’indomani della dissoluzione.
Il primo passo in questa direzione è stato compiuto da Russia, Bielorussia e Kazakhstan, che nel 2010 hanno dato vita ad un’unione doganale che prevede l’adozione di una tariffa doganale unica e l’abolizione dei controlli doganali alle frontiere comuni. E’ a partire da questa prima forma di integrazione economica che, nel novembre 2011, i presidenti dei tre Paesi costitutivi hanno sottoscritto una dichiarazione in cui si prefiggono di realizzare l’Unione euroasiatica entro il 2015. A tal fine, nel gennaio 2012 è entrato in vigore – sempre fra i tre Stati fondatori – uno Spazio economico comune modellato sulla base di quello europeo, in cui merci, servizi, persone e capitali possano circolare liberamente. Dal 1991, quando la bandiera sovietica fu ammainata per l’ultima volta, si tratta del progetto più ambizioso volto a colmare il vuoto geopolitico lasciato dalla dissoluzione – sotto l’egida di Mosca, ovviamente.

Fondamentale, a questo punto, è capire chi di questo spazio farà parte, e a quali condizioni. Nell’Unione Eurasiatica è recentemente confluita l’ArmeniaProspettata già da diverso tempo, l’adesione di Yerevan è ora ufficiale. L’accordo con Russia, Bielorussia e Kazakhstan vanifica la prevista conclusione di un accordo di associazione con l’UE. Gas meno caro ed appoggio militare nel Nagorno-Karabakh sono due argomentazioni in favore di Mosca a cui Bruxelles non ha potuto replicare con offerte più allettanti.

Ma la vera partita tra Europa e Russia si gioca in Ucraina, tuttora sospesa tra l’Accordo di associazione con la UE e l’adesione all’Unione Eurasiatica. Con il Paese ormai ad un passo dalla firma dell’Accordo – che consentirebbe l’integrazione economica di Kiev nell’Unione – la Russia ha avviato nei confronti degli ucraini una serie di ritorsioni commerciale per costringere il governo a cambiare idea, In agosto, la Russia ha sospeso le importazioni di macchinari dall’Ucraina, mentre il Kazakhstan ha respinto le importazioni a base di uova da Kiev sulla base di supposte mancanze fitosanitarie. Già in luglio, Mosca aveva deciso il blocco delle importazioni dei prodotti della dolciaria Roshen, società posseduta da Petro Poroshenko, ministro del governo ucraino che, più di tutti, sostiene l’avvicinamento del Paese all’Unione Europea. Non dimentichiamo le cosiddette guerre del gas, che l’Europa pare aver scoperto dopo la Rivoluzione arancione ma che in realtà fanno litigare Mosca e Kiev da sempre.
L’Ucraina è un Paese per dimensioni e popolazione pari più o meno alla Francia, che versa in una crisi economica e politica tanto profonda da rendere impossibile al momento prevederne l’esito. E’ qui che nel 2005 ebbe avvio la cosiddetta Rivoluzione arancione, esplosa per impedire la falsificazione delle elezioni a favore del candidato filorusso. Fu allora che il mondo prese coscienza che a Kiev coesistono due anime: quella di un’Ucraina storicamente e/o potenzialmente europea e un’Ucraina russofona, vicina a Mosca. Una realtà moderna e pluralista, l’una; più arretrata e monoculturale, l’altra. Solo grazie al pronto intervento della UE si impedì che la situazione precipitasse in una guerra civile.
Dopo la disgregazione dell’Urss, l’Ucraina è diventata oggetto di un gioco a somma zero tra la Russia e gli Stati Uniti. A Kiev fu imposto di scegliere tra Europa (e di riflesso gli USA) e Russia. Per un paese così eterogeneo, addirittura polarizzato, come l’Ucraina, in cui qualunque scelta politica equivale ad un cammino in un campo minato, una scelta tra “Oriente” e “Occidente” è impossibile. Dalla parte americana si è subito schierata la Polonia. La prospettiva di un riavvicinamento alla Russia suscitava in molti il timore di essere nuovamente inghiottiti dall’impero rinascente; d’altra parte l’idea di entrare a far parte nella UE, avvertita come bacchetta magica per favorire il benessere economico della popolazione, ha sollevato le preoccupazioni di quanti considerano l’integrazione in Europa come l’anticamera dell’ingresso nella Nato. opzione improponibile ai filorussi.
Sui rapporti tra la Russia e l’Ucraina la vicenda Nato ha avuto pesanti conseguenze. Con l’intensificarsi nel 2007-2008 degli sforzi americani – ed europei – per spingere l’adesione di Georgia e Ucraina alla Nato, diversi politici ucraini di etnia russa, che non rappresentano direttamente il Cremlino ma occupano posizioni di rilievo nelle gerarchie istituzionali ucraine, hanno cominciato ad avanzare decise richieste di “restituzione” alla Russia della Crimea, assegnata all’Ucraina da Kruscev nel 1954, in occasione della celebrazione dei trecento anni dell’unificazione dell’Ucraina alla Russia. Non è che un primo assaggio del focolaio di tensione, al momento controllato, che potrebbe divampare nel caso in cui l’Ucraina dovesse davvero intraprendere la strada verso l’Alleanza Atlantica.
Nel summit della Nato a Bucarest dell’aprile 2008, Putin ha avuto modo di esporre senza mezzi termini la sua visione geopolitica riguardo all’Ucraina, nella quale questa risultava una mera creazione dell’Urss in virtù di “territori regalati” sia dalla Russia (come la Crimea, appunto) che dall’Europa orientale. Era una provocazione calcolata, ma sintomatica di come Putin non intenda permettere a Kiev di allontanarsi dall’orbita moscovita. Lo storico Samuel Huntington, nel suo discusso Lo scontro delle civiltà aveva indicato, come confine tra il mondo democratico e quello autocratico, l’arteria del fiume Dnepr-Dnipro che taglia l’Ucraina in due parti. A conferma della sua tesi, quello che sta succedendo nel Paese negli ultimi anni costituisce un’innegabile riprova dell’antagonismo tra l’attuale Russia e l’Occidente.

Un luogo dove questo dualismo ha portato ad una vera e propria guerra è la Georgia, attaccata e smembrata in tre parti al termine di una guerra-lampo con Mosca nel 2008.
Martedì 27 Agosto, il Presidente russo Vladimir Putin si è recato in visita ufficiale regione separatista dell’Abcasia, Inutile dire che il gesto di Putin ha sollevato la protesta ufficiale del governo di Tblisi. La Georgia ha almeno due motivi per considerare questa visita come un’autentica provocazione. In primo luogo tempistica: esattamente cinque anni e venti giorni prima, i carri armati di Mosca attraversavano il Tunnel di Roki dalla repubblica russa dell’Ossezia del Nord per entrare in Ossezia del Sud, dando così avvio al conflitto. In secondo luogo, non più tardi di due mesi prima, in giugno, la Russia aveva rafforzato i confini dell’Ossezia del Sud attraverso una barriera il filo spinato, spostando peraltro la frontiera di alcune centinaia di metri in territorio georgiano. Inizialmente la Georgia ha sminuito, preferendo non reagire alla provocazione. In realtà, il presidente georgiano Saakashvili era solo in attesa del momento opportuno, e questo è arrivato il 25 settembre, quando egli ha tenuto un acceso discorso all’Assemblea delle Nazioni Unite con il quale ha duramente attaccato la Russia e la sua politica imperialistica. Per Saakashvili l’Unione euroasiatica è un pericolo per tutti gli Stati ex sovietici perché li obbligherebbe ad abbandonare le loro aspirazioni di democrazia e libertà - rappresentate da un’eventuale adesione in Europa – e tornare sotto la dittatura della grande madre Russia.
Saakashvili è convinto che Abcasia ed Ossezia torneranno sotto la sovranità di Tblisi, sebbene neanche lui, al momento, abbia probabilmente idea di come questo ritorno potrà avvenire. Per ora il presidente si limita di perdere tempo per guadagnare tempo: a parole il suo governo alterna aperture in merito a possibili relazioni di interesse comune con Mosca; di fatto resta in attesa del 2014, quando la Georgia riceverà dalla Nato il sospirato Membership Action Plan, anticamera dell’ingresso nell’Alleanza Atlantica.
Tali episodi testimoniano la reciproca diffidenza tra le parti e di certo non agevolano una distensione che procede già a passo di lumaca. Il ripristino delle relazioni diplomatiche tra Russia e Georgia si accompagna ad alcune condizioni (nello specifico: il ritiro dell’esercito russo da Abcasia e Ossezia per i georgiani; il riconoscimento delle due repubbliche da parte di Tbilisi per i russi) reciprocamente inaccettabili, e pertanto ad oggi i due Paesi rimangono su posizioni inalterate rispetto a cinque anni fa.

La Georgia è un caso da manuale di come il Cremlino sfrutti la disattenzione dell’opinione pubblica internazionale, tutta concentrata su quanto avviene a Damasco, per compiere delle ennesime provocazioni nello spazio ex sovietico, con pesanti conseguenze per tutto lo spazio stesso.
Tuttavia, nel corso degli anni anche l’Occidente ha compiuto una serie di atti che Mosca ha percepito come ostili. L’idea che la Nato possa spingere i suoi confini sino a quelli di Mosca è avvertita dai russi come una minaccia. . Ad esempio, quando nel citato summit Nato di Bucarest furono intensificati gli sforzi per accogliere Georgia e Ucraina, alla Russia fu risposto che, in quanto non membro dell’Alleanza, non aveva voce in capitolo nella questione. Dichiarazioni che a Mosca sono state recepite come un affronto. Inoltre, sempre nel 2008 la guerra russo-georgiana fu preceduta dal riconoscimento dell’indipendenza del Kosovo – unilateralmente dichiarata nei confronti della Serbia – da parte dell’Unione Europea, nonostante la ferma opposizione di Mosca. E’ probabile che questo secondo episodio abbia contribuito in modo determinante a far precipitare la situazione nel Caucaso: con la guerra Mosca ha voluto avvertire tutti che, se davvero Kiev e Tbilisi aderissero al Patto atlantico, lo farebbero da staterelli dimidiati. All’indomani della guerra russo-georgiana, rappresentante della Federazione Russa presso la Nato, Dmitrij Rogozin, ha affermato: “Adesso semplicemente non si capisce quale Georgia possa essere accolta nella Nato. Risulta che tutti i paesi della Nato dovrebbero forse riconoscere l’Ossezia del Sud e l’Abkhazia, e allora, staccandole dalla Georgia, accogliere la parte restante del paese”. In pratica, l’ingresso di Tblisi nel Patto Atlantico comporterebbe il necessario riconoscimento delle due repubbliche separatiste da parte dei Europa e America, aspetto al momento fuori discussione.

Quando si parla del desiderio della Russia di recuperare lo status di grande potenza, troppo spesso ci si dimentica di chiarire cosa ciò significhi. Le ingerenze di Mosca in quel di Kiev  e di Tblisi, e la costituzione dell’Unione Eurasiasica, non rappresentano dei tentativi di ricreare l’Urss. Questa idea non gode oggi di grande favore e non corrisponde agli interessi delle élite al potere. Persino la rinascita dell’unità slava di Russia, Ucraina e Bielorussia non ispira granché la popolazione.
L’interesse di Mosca per ciò che avviene nel suo cortile di casa è dettato da una ragione esistenziale. Il rapporto con lo spazio è sempre stato un elemento vitale per l’esistenza stessa della Russia e costituisce il punto di partenza della sua visione geopolitica. Lo spazio postsovietico è l’ex spazio sovietico, e questo, a sua volta, è l’ex spazio dell’impero russo. Il fatto che la Russia sia sorta sul territorio che fu dell’Urss e prima ancora dello stato russo è l’unico contrassegno oggettivo che accomuna popoli e regioni tra loro diversissimi (che cosa ha in comune la Lettonia con il Tagikistan?) ma che hanno vissuto per decenni sotto le stesse insegne, e che tutt’oggi subiscono l’influenza, per non dire il peso, della tradizione sociale e politica del gigante che un tempo li riuniva.
In un certo senso, Mosca si sente impero. Ma ci si stupirà di apprendere che nella storia russa la visione imperiale ha sempre avuto poco a che vedere con la volontà di potenza, Scriveva l’analista Pavel Byrkov nel 2008: “La storia dell’impero russo non si differenzia così marcatamente da quella degli altri imperi europei. Per molti aspetti è stata anche più umana. In ogni caso la Russia non ha avuto la possibilità di scegliere se essere un impero o un normale Stato democratico europeo. La scelta che si è presentata è stata se essere impero o colonia”. Lo stesso presidente Putin non è molto lontano da questo pensiero. Nel 2009 dichiarò: “O la Russia fa parte del gruppo deiPaesi leader del mondo, oppure essa scompare“.

Alla fine degli anni Novanta il rischio di una frammentazione della Russia in tante entità minori era diventato reale. La disgregazione dell’Urss nel 1991 era avvenuta in modo repentino e in maniera inaspettata per la maggior parte della popolazione. Ancora oggi l’ideologia che rappresenta un potenziale pericolo sia per la Russia che per i suoi vicini è l’irredentismo, vale a dire quella forma di nazionalismo che pone l’accento sulla “riunificazione” in un unico Stato delle terre e dei popoli che questo nazionalismo ritiene propri. Con il crollo dell’Urss sono effettivamente rimasti fuori dalla Federazione Russa ampi territori e numerosi gruppi di popolazione russofona che l’opinione pubblica considera come propri, non nel senso che un tempo erano appartenuti all’impero, ma in quanto russi. Questo è un effetto collaterale della genesi stessa dell’Unione Sovietica, nella quale i confini delle repubbliche furono tracciati con proditorio sfregio di quelli etnici, in base al principio “unisci per indebolire”. Popoli eterogenei furono inclusi in territori omogenei, alimentando così l’instabilità politica: nel 2010 il Kirghizistan fu sull’orlo di una guerra civile tra la maggioranza kirghiza e la minoranza usbeca. Ancora oggi sia in Russia che in quasi tutte le repubbliche limitrofe esistono movimenti separatistici, e in alcuni casi (in Georgia, appunto) si hanno Stati illegali autoproclamatisi tali.
Così, se l’Europa è riuscita a realizzare un progetto di diritti civili, di modernizzazione, di pace e benessere per la maggior parte dei propri cittadini, la Russia invece, dalla fine degli anni Novanta si è messa a ricostruire la sua dimensione politica in termini sostanzialmente imperialistici, incompatibili dunque con la modernità. Detto in altri termini, dopo aver inglobato e tentato di omologare realtà eterogenee, popoli ed etnie diversissimi, la Russia si è ritrovata ostaggio della sua strategia colonialista. Diventando impero, è diventata Eurasia, e quindi né Europa né Asia. Mentre la maggior parte dei popoli europei usciti dall’orbita di Mosca, recuperando le rispettive identità culturali distrutte dal comunismo, si stanno integrando, seppur tra mille difficoltà, nello spazio comune della democrazia, la Russia si trova ancora a fare a pugni davanti allo specchio. Oggi Mosca, cercando di recuperare spazi perduti, spera di dar ordine alla sua situazione interna.

Per questa ragione ogni rischio di un indebolimento dell’esercizio del potere da parte dello Stato sullo spazio russo viene visto dai russi come una minaccia potenzialmente fatale. Instabilità politica del proprio spazio e timore nella percezione della propria sicurezza sono due facce della stessa medaglia. Per Mosca l’episodio del confine osseto-georgiano rafforzato con il filo spinato, ad esempio, è di fatto un messaggio del suo malcontento per l’estensione del MAP a Tblisi. Ancora, passando all’Ucraina, durante la Rivoluzione arancione Sergio Romano scriveva che l’Europa dovrà “garantire a Putin che l’Ucraina non sarà mai più una spina polacca nel fianco dello Stato russo”, cosa che in effetti non è stata.
Si capisce perché il rapporto tra Russia e Occidente è sempre stato contraddittorio e improntato più sulla diffidenza che sulla collaborazione. Le due realtà parlano due lingue diverse: l’Occidente, seppur con incerta coerenza, pone comunque l’accento su valori quali la libertà e la democrazia, mentre la Russia avverte questi stessi valori come minaccia per la propria identità. La cattiva esperienza vissuta negli anni di Eltsin ha parecchio screditato il modello democratico agli occhi dell’opinione pubblica, tanto che oggi democrazia e logoramento dello Stato sono quasi diventati sinonimi.
Oggi, per la Federazione russa, la spazio per una nuova architettura di sicurezza trova le sue fondamenta su una solida rete di partenariati con le repubbliche sue ex sottoposte e nella bonifica dello spazio stesso dalle situazioni conflittuali, in particolare con la Georgia. Per la quale la porta della Nato sarà sempre aperta, assicura l’organizzazione. Ma intanto resta chiusa, e anche negli USA c’è chi comincia a chiedersi se sia ancora il caso di accogliere Tblisi, all’idea della (ulteriore) instabilità che verrebbe a crearsi in una regione, quella caucasica già in ebollizione.

Quando nel 2009 il presidente americano Obama parlò di un “reset” nella relazioni con Mosca, molti osservatori, anche di parte russa, apprezzarono la buona volontà manifestata dalla Casa Bianca, anche se non era ben chiaro cosa questo “reset” volesse dire. Da allora si è fatto ben poco. Affinché una nuova cornice di rapporti tra USA, UE e Russia sia possibile, bisogna mandare in soffitta quella vecchia. Qualunque cambio di strategia richiede innanzitutto un mutamento radicale delle concezioni reciproche dei partecipanti: l’Europa dovrà sì diversificare le proprie fonti di energia, in modo da liberarsi dai ricatti di Mosca, ma dovrà anche togliere a questa l’etichetta di “barbaro eternamente alle porte” che le ha imposto nei secoli passati. Allora si parlerà di un sistema di sicurezza paneuropeo e di relazioni radicalmente nuove tra Russia e UE, tra Russia e Nato. Sarebbe vantaggioso per tutti, visto che la categoria dei pesi massimi geopolitici ha da poco visto visto l’ingresso di un nuovo contendente, la Cina, la cui proiezione esterna in Asia centrale e in Siberia sembra minacciare la sfera di integrità russa molto più di quanto non farebbe la temuta Nato.

* Articolo comparso originariamente su The Fielder

Siria, la propaganda delle armi chimiche

1.‭ ‬A due anni e centomila morti dall’inizio delle ostilità,‭ ‬la Siria è un campo minato.‭ ‬Vi sono coinvolte le maggiori potenze regionali e globali,‭ ‬ciascuna secondo una precisa scelta di campo.‭ ‬Troppi gli interessi in gioco,‭ ‬sufficienti a tenere acceso il focolaio di guerra per un tempo indeterminato.‭ ‬Un terreno di trappole incrociate,‭ ‬la più temuta delle quali è rappresentata dalle armi chimiche.‭ ‬Quelle che secondo il presidente americano Obama rappresentavano la cosiddetta‭ “‬linea rossa‭”‬,‭ ‬superata la quale gli Stati Uniti avrebbero rivisto‭ “‬tutta la gamma delle risposte strategiche‭” ‬a loro disposizione.‭ ‬Limite che secondo voci ufficiali‭ (‬nell’ordine:‭ ‬Coalizione Nazionale Siriana,‭ ‬Stati Uniti d’America,‭ ‬Europa,‭ ‬Francia,‭ ‬Regno Unito‭) ‬il regime di Damasco avrebbe già oltrepassato‭; ‬ma nessuno può provarlo con certezza.‭ ‬Ogni conferma viene annunciata tra gli squilli di tromba per poi affievolirsi quando si tratta di esibire le prove.
Da qui una serie di domande:‭ ‬le armi chimiche sono state usate davvero‭? ‬Se sì,‭ ‬da chi‭? ‬In caso contrario,‭ ‬perché se ne parla con sempre maggiore insistenza‭? ‬E perché le versioni sono così contrastanti‭?
Agli ultimi due interrogativi possiamo rispondere fin da ora.‭ ‬In Siria,‭ ‬accanto alla guerra sul campo infiamma la guerra parallela dei media.‭ ‬In un conflitto dove a procedere è solo il numero delle vittime,‭ ‬le parole diventano armi,‭ ‬e la propaganda,‭ ‬strategia.‭ ‬Le informazioni sul campo,‭ ‬veicolate attraverso il web per aggirare la censura del regime,‭ ‬assurgono a verità assolute o a bufale a seconda di chi le afferma.‭ ‬Buona parte dell’informazione sul campo giunge infatti dai filmati pubblicati su YouTube da ribelli e attivisti e poi acriticamente ripresi dalla stampa occidentale.‭ ‬Ma se all’inizio le cronache fai-da-te erano l’unico mezzo per estrarre notizie dal territorio,‭ ‬in seguito il fenomeno mediatico si è ingigantito al punto da sostituire l’informazione improvvisata con la disinformazione strategica.‭ ‬Come sosteneva l’analista Lorenzo Trombetta già nel‭ ‬2011,‭ ‬in Siria scompare il fatto e domina l’opinione.‭ ‬Da guerra sul campo si passa alla guerra di percezioni.‭ ‬Ed è a questo livello che si colloca il possibile utilizzo delle armi chimiche in Siria.‭
La minaccia del loro possibile utilizzo è parte integrante del registro narrativo di tutti i soggetti coinvolti nella mischia siriana:‭ ‬dell’Occidente,‭ ‬per tenersi fuori dal conflitto‭; ‬del regime,‭ ‬per giustificare la sua brutale repressione‭; ‬dei ribelli‭ – ‬o meglio,‭ ‬dell’opposizione all’estero‭ – ‬per invocare l’intervento di una comunità internazionale che sembra udire solo da questo orecchio. Continua a leggere

Nemici finti e problemi veri: perché la Russia ha dichiarato guerra a gay e Ong

Non è facile la vita delle Ong nell’ex URSS, specialmente in Paesi tuttora sorretti da un regime autocratico come in Bielorussia e Azerbaijan. E dalla scorsa primavera anche la Russia ha deciso di puntare il dito contro questi soggetti.
Dal mese di marzo, in linea con il generale inasprimento del regime seguito al ritorno di Putin alla presidenza, Mosca obbliga le organizzazioni no profit che ricevono finanziamenti esteri a sottoporsi a controlli speciali. Nel dettaglio, secondo una legge approvata lo scorso anno, tutte le associazioni attive in campo “politico” (basta influenzare l’opinione pubblica per esser definite tali) si dovevano iscrivere su un’apposita lista, il registro degli “agenti stranieri”, per esser sottoposte a sorveglianza speciale. A novembre, quando la legge è entrata in vigore, tutte le Ong hanno rifiutato di ottemperare al provvedimento. Così, a marzo di quest’anno, è partita un’ondata di “controlli”, di chiaro carattere intimidatorio, da parte della polizia. E come nella migliore tradizione sovietica, i controlli sono stati accompagnati da una violenta campagna diffamatoria: ogni ente è stato presentato come un potenziale covo di spie.

Oltre alle associazioni no profit, da qualche tempo Putin ha preso di mira un altro soggetto debole della società russa: i gay. Nei giorni scorsi, l’uomo forte del cremlino ha fatto votare una legge che vieta di parlare bene dell’omosessualità ai minori e proibisce i gay pride. Questo proprio mentre in Europa (tranne in Italia, ovviamente…) le coppie dello stesso sesso stanno combattendo (e vincendo) per ottenere il diritto di sposarsi e adottare bambini. In proposito, Putin ha anche minacciato di interrompere la collaborazione con gli Stati europei che consentono ai gay di metter su famiglia.
Del resto, la Russia del 2013 è questa: secondo un sondaggio Levada Center di quest’anno, la metà della popolazione russa ha un’opinione molto dispregiativa dei gay; alla domanda “pensa che vada soppressa ogni forma di propaganda o di difesa dell’omosessualità?”, il 73% ha risposto sì. Nemmeno un deputato della Duma ha votato contro la legge antigay. E quando il 9 giugno, nel corso di una manifestazione di protesta organizzata dalle organizzazioni lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transgender), i gay che hanno provato a baciarsi in pubblico sono stati aggrediti e malmenati, ma a finire in galera però sono stati gli attivisti per i diritti degli omosessuali.

Perché tanto accanimento contro gay e Ong? Per provare a rispondere dobbiamo tornare indietro di alcuni mesi.

Nella sua campagna elettorale, Putin si è sbilanciato in una serie promesse realizzabili a prezzo di un gravoso salasso sulle finanze pubbliche. Innanzitutto perché il presidente sta cercando di tenere il passo con gli USA per quanto riguarda le spese militari, nonostante la recente offerta del suo omologo Obama a negoziare un piano di riduzione congiunta degli armamenti nucleari. Se Invece Putin vuole una Russia sempre più militarizzata: se nel 2012 il bilancio della Difesa è stato di 61 miliardi di dollari, entro il 2015 toccherà i 97 miliardi.
Tuttavia la coperta è corta e, non riuscendo a trovare i denari necessari, Putin aveva bisogno di un capro espiatorio sul quale scaricare la colpa.

Così, nello scorso autunno, in piena bagarre per la formulazione del bilancio triennale 2013-15, l’uomo forte del Cremlino ha fortemente criticato alcuni dei suoi ministri (licenziandone uno: quello per lo Sviluppo Regionale) perché recalcitranti a destinare finanziamenti ad alcune misure sociali, come l’aumento delle pensioni. In verità, mancano i soldi per poterle mettere in pratica. Nella redazione del documento non solo il governo non è stato in grado di tagliare la spesa, ma è inoltre stato costretto a trovare fonti aggiuntive per sostenere i suoi piani. In particolare i proventi della statale Rosneftegaz, di cui il numero uno è l’ex ministro dell’Energia e architetto della politica energetica putiniana, Igor Sechin; fondi fino a quel momento ritenuti intoccabili. C’era poi sul tavolo un sontuoso piano di privatizzazioni voluto proprio da Putin, che tuttavia secondo Linkiesta nasconde un modo per garantire comunque gli interessi di gruppi ristretti, privando comunque lo Stato di un introito sicuro garantito dai dividendi. Il risultato è che i negoziati per il bilancio sono diventati un aspro terreno di scontro tra la presidenza e il governo russo.

Sistemata la questione nelle alte sfere, Putin ha poi cercato di intervenire in basso, arginando sul nascere una nuova – e inevitabile – ondata di malcontento popolare con una sana iniezione di populismo. Si sa che nei momenti di maggiore incertezza, nulla compatta una popolazione delusa dal presente e intimorita dal futuro come l’esistenza di un nemico comune.
La legge antigay si spiega in questo senso. Il leader del Cremlino si è inventato un provvedimento che raccoglie il consenso della stragrande maggioranza degli elettori e che mette in risalto la distanza tra il popolo russo e l’opposizione liberale che ha manifestato in piazza contro di lui negli ultimi due anni. Due piccioni con una fava.
Dall’altro lato, la stretta sulle Ong consente di bendare e imbavagliare il principale testimone oculare – la cooperazione internazionale – del progressivo scadimento della qualità della vita dei russi. D’altra parte, è anche vero che i media occidentali non si lasciano mai sfuggire occasione per ritrarre Putin a tinte fosche in segno di rappresaglia per l’ostinazione con cui la Russia continua a sostenere il regime di Assad in Siria. La campagna di massa in favore delle Pussy Riot ne è stato l’esempio più lampante, a cui si sommano alcune inchieste - dall’evidente contenuto denigratorio – trasmesse da al-Jazeera.
Ma a Putin sembra non importare: sa di avere il popolo dalla sua. O meglio, il populismo. Perché non c’è modo migliore di distogliere l’opinione pubblica dai problemi veri che quello di canalizzarne il malcontento verso nemici finti.

Gli attacchi di Boston spingono Obama ad allearsi con Putin

Riprendo un passaggio del mio post sulla strage di Boston:

un’analisi dell’ISPI – che in coda riporta la cronologia dei principali attentati terroristici in territorio americano degli ultimi anni – prende in esame i possibili risvolti politici dell’attentato:

Identificare la matrice dell’attentato riveste notevole importanza anche in termini politici. Infatti, come afferma il professor Mario Del Pero, università di Bologna, nel suo blog se la matrice risultasse islamica, ciò indebolirebbe Obama, che ha costruito la sua credibilità in materia di sicurezza grazie a una ferma azione nei confronti del terrorismo internazionale. Se la matrice fosse invece quella interna il presidente ne risulterebbe probabilmente avvantaggiato, impegnato com’è nella campagna per introdurre norme più stringenti sulla vendita e il possesso di armi da fuoco.

Dalla risposta a questa domanda dipenderà la reazione della Casa Bianca.

Ora, benché legami tra i fratelli Tsarnaev (presunti attentatori) e il jihadismo caucasico siano ancora da dimostrare, come era nelle previsioni l’attentato della scorsa settimana sta già producendo delle importanti conseguenze politiche, sia interne che esterne agli Stati Uniti. E tutte sfavorevoli al presidente Obama.

Per cominciare, mercoledì 17 aprile il Senato ha bocciato gli emendamenti proposti alla legislazione sulle armi. Una sconfitta per la Casa Bianca e una vittoria per la National Rifle Association.
Inoltre, negli Stati Uniti gli armamenti registrano vendite record, come spesso avviene nei giorni che seguono simili tragici eventi.
Gli attacchi a Boston, in altre parole, stanno vanificando gli sforzi del presidente per porre un freno alla proliferazione delle armi da fuoco.

Sul piano della politica estera, dopo le bombe alla maratona Obama ha parlato al telefono con il suo omologo russo, Vladimir Putin, convenendo sulla necessità di “proseguire sulla via della cooperazione nella lotta al terrorismo e sui temi della sicurezza”. Washington potrebbe dunque schierarsi con Mosca in nome dell’antiterrorismo. Secondo Limes:

Nell’attesa che le indagini chiariscano questo e altri aspetti, si vanno delineando alcuni possibili risvolti della vicenda sui rapporti Usa-Russia. Alle soglie del nuovo millennio, una serie di attentati (tra cui quelli ad alcuni edifici di Mosca del 1999) fornì a Vladimir Putin un valido pretesto per scatenare la seconda guerra cecena e riacquistare il (pressoché) totale controllo del Caucaso settentrionale.
Malgrado le proteste degli attivisti per i diritti umani, in America e altrove, Washington non obiettò a una guerra il cui fine (dichiarato e reale) era la preservazione dell’unità territoriale russa e la lotta al terrorismo jihadista, che nel caso ceceno traeva alimento dalla lotta per l’indipendenza. Specialmente dopo l’11 settembre e l’inizio dell’intervento in Afghanistan, gli sforzi di Putin per sradicare la guerriglia islamica dal Caucaso verranno benedetti apertamente dalla Casa Bianca.
Alla vigilia delle Olimpiadi invernali di Soci, in programma per il 2014, Mosca è ansiosa di sradicare qualsiasi minaccia terroristica e a tal fine la vicenda di Boston sembra offrire una preziosa opportunità. La Russia ha a lungo sostenuto i legami dei jihadisti caucasici con al Qa’ida, trovando però nell’amministrazione Obama un interlocutore tiepido. Ora è possibile che queste tesi suscitino una rinnovata attenzione a Washington, cui Mosca ha già offerto piena assistenza alle indagini in corso.
L’esito finale potrebbe essere un incremento della cooperazione bilaterale in materia di antiterrorismo, peraltro funzionale all’auspicato riavvicinamento tra i due paesi, a lungo perseguito dall’amministrazione – da ultimo con la recente visita a Mosca del consigliere per la sicurezza nazionale Tom Donilon.
Sinora tali sforzi sono stati pregiudicati (tra l’altro) dalle divergenze sulla postura verso il regime siriano, dai propositi russi di riarmo e da episodi puntuali, come la vicenda delle adozioni statunitensi di bambini russi bloccate dal Cremlino, il giro di vite legislativo di Mosca verso le ong straniere e il parallelo processo all’attivista Viktor Navalnij. Ma anche dal Magnitskij Act, la legge con cui il Congresso statunitense ha inteso punire i russi accusati di violare i diritti umani.
Sulla scia dei fatti di Boston, alcune di queste divergenze potrebbero essere accantonate in nome del superiore interesse alla lotta al terrorismo. Purché la pista terroristica risulti effettivamente confermata e il Cremlino non interpreti eventuali aperture di credito americane come un’acquiescenza implicita a un inasprimento della repressione interna, specialmente (ma non solo) nel Caucaso settentrionale.

Per Obama si tratta di un’altra sconfitta: la proposta di cooperazione a Putin giunge proprio nei giorni in cui i rapporti con la Russia (mai del tutto normalizzati, a dispetto del “reset” annunciato nel 2009) registrano una nuova altalena di alti e bassi.

In queste settimane, schiaffi e carezze si sono susseguiti senza sosta. Dapprima la mini-guerra fredda sulle adozioni di bimbi russi da parte di famiglie americane. Poi la pubblicazione dell’americana lista Magnitskij per la messa al bando di 18 alti funzionari russi, seguita da quella russa contro altrettanti funzionari americani. Infine la visita a Mosca del consigliere della Casa Bianca per la sicurezza nazionale, Tom Donilon, il quale ha consegnato ai suoi omologhi russi una lettera a firma del presidente Obama.
Adesso, la cooperazione tra i due Paesi in tema di sicurezza potrebbe scattare anche nelle indagini sugli attentati di Boston, sebbene i servizi segreti russi abbiano lasciato filtrare di non aver fornito alcuna informazione sui fratelli Tsarnaev.

Al di là di quelli che saranno i risultati finali, per Obama è l’implicita ammissione di non poter affrontare il problema della lotta al terrorismo prescindendo dall’aiuto di Mosca. E per Putin, l’occasione di incassare un tacito consenso alla repressione - di quel che resta – della guerriglia cecena, sullo sfondo delle crescenti preoccupazioni per la sicurezza delle Olimpiadi invernali di Soci 2014, a breve distanza dal nord del Caucaso.

In ricordo di Anna Politkovskaya

Nel sesto anniversario della morte di Anna Politkovskaya, Matteo Cazzulani dedica un ricordo alla coraggiosa giornalista (la ventesima assassinata in Russia da quando Putin è al potere), illustrando  il legame tra la sua uccisione e la politica energetica di Mosca:

Ricordare la coraggiosa giornalista significa non solo mantenere vivo il ricordo di una personalità esemplare, ma anche rendersi conto di come il gas sia utilizzato dalla Russia per scopi politici, sopratutto nei confronti di un’Europa che Mosca ha tutto l’interesse a mantenere debole e divisa.
Se, come progettato dalla Commissione Europea, nel Vecchio Continente sarà creato un mercato unico del gas con forniture diversificate – che non esclude l’oro blu della Russia, ma attinge da più fonti di approvvigionamento – l’UE, e i singoli Paesi che oggi pongono gli affari con Mosca su un piano privilegiato rispetto a quello dei diritti civili e dell’interesse generale dell’Europa, si sentiranno meno succubi di un regime autoritario.
Forse, anche i Governi degli Stati dell’Unione Europea avranno il coraggio di nominare piazze, vie ed edifici alla Politkovskaya, come già fatto dal Parlamento Europeo e, in Italia, da alcune Amministrazioni Locali come quelle di Milano, Brescia, Genova e Ferrara.
Per chi invece si occupa di informazione, è bene arrestare per un giorno la routine della continua informazione per dedicare il sesto anniversario dall’assassinio di Anna Politkovskaya al ricordo di questa Donna dallo straordinario coraggio: per non dimenticare chi ancor oggi soffre la mancanza di libera espressione sotto regimi “gasati”.

Tante storie per le Pussy Riot e tantissimo silenzio per gli altri artisti minacciati nel mondo

La condanna delle Pussy Riot ha provocato una mobilitazione globale, e non poteva essere diversamente. Per molti è un’ingiustizia, per qualcuno se la sono cercata. In ogni caso è evidente la natura compromissoria del verdetto: si al carcere, no ad una pena esemplare. Due anni sono pochi, a fronte dei sette paventati all’inizio.
In ogni caso, il loro soggiorno nelle carceri russe non sarà piacevole.
Nel mondo si grida alla violazione della libertà d’espressione. In realtà, l’analisi della vicenda richiede una riflessione molto più profonda.

Tutti per le Pussy Riot…

La stampa francese ha sferrato duri attacchi contro il regime di Putin.
Questo commento di Francois Sergent su Liberation spiega che il processo alle tre musiciste non è stato altro che una parodia della giustizia e della democrazia. La Russia non può considerarsi uno Stato di diritto e non ha nulla a che fare con le altre democrazie del G8, perché Putin, fin dalla sua elezione (truccata), ha più volte cercato di sopprimere ogni critica nei suoi confronti, in piazza, sulla stampa o sul web.
Dello stesso tenore Le Monde, secondo cui la condanna delle Pussy Riot è “degna dell’Inquisizione“. Consapevole della pressione internazionale, Putin voleva che la condanna non fosse troppo pesante. Ma voleva una condanna.
Per  Le Figaro la vicenda “ha fatto risorgere il passato sovietico della Russia“. Il quotidiano cita il caso di Joseph Brodsky, futuro Premio Nobel per la Letteratura, che nel 1964 fu condannato a cinque anni di lavori forzati per “parassitismo sociale”.

In Spagna, il sostegno alle tre musiciste è sintetizzato da questo titolo di El Pais: Todos somos Pussy Riot.

Interessanti i commenti dalla stampa russa.
Il Moscow Times riporta una dichiarazione di uno degli avvocati delle tre ragazze, Mark Feigin, secondo il quale “Il verdetto è stato … trasmesso dall’alto” ed è “un riflesso della situazione politica che esiste in Russia. L’illegalità è diventata normale“. Dello stesso avviso l’avvocato e leader dell’opposizione Alexei Navalny, “è del tutto evidente che il verdetto è stato firmato personalmente da Putin”. I leader dell’opposizione Sergei Udaltsov e Garry Kasparov sono stati arrestati poco dopo il loro arrivo al palazzo di giustizia, insieme ad altri 50 manifestanti.

Da leggere il commento di Ria Novosti, che con non poco pragmatismo afferma che il verdetto danneggerà l’immagine di Putin all’estero, ma non cambierà sostanzialmente la condotta dei Paesi occidentali nei confronti del Cremlino. Alla fine la realpolitik prevale sempre e la posizione del Cremlino non sarà influenzata dal discredito della sua leadership: “oggi il mondo ride di noi“, ammette Alexei Malashenko del Carnegie Moscow Center, “ma tra una settimana sarà tutto finito“.
Il caso conferma il cambiamento ideologico del Cremlino, il cui sostegno politico sembra fondarsi sulla religione anziché sull’opinione pubblica. Una strategia che potrà garantire stabilità al regime nel breve periodo, ma che alla lunga sarà avversata dalla maggior parte dei russi. Anche la chiesa ortodossa ha subito un danno d’immagine: se dopo l’era sovietica godeva del rispetto di tutto il popolo, oggi molti fedeli ritengono che essa dovrebbe restare fuori dalla politica.
Di conseguenza, anche all’interno del Paese il processo aumenterà il risentimento dell’opposizione verso il presidente, ma non dovrebbe innescare delle grandi manifestazioni. Una volta che le proteste di piazza saranno finite, recita il commento finale, alla gente non resterà che emigrare.

Sulla stessa linea si trova anche la BBC. La vicenda non inciderà troppo sul regime: “la protesta è durata meno di un minuto, il processo appena una quindicina di giorni e il verdetto richiesto tre ore per essere pronunciato”.
In ogni caso, essa è espressione della situazione politica della Russia di oggi: un potere top-down, dove il vertice amministra la base e dove c’è troppa commistione tra Stato e Chiesa. Dove i giudici non sempre sono indipendenti.

…Pochi per Assange…

A centinaia di chilometri di più in qua, mentre tutti indignati per la condanna delle tre ragazze russe, per Julian Assange si fa carta straccia del diritto internazionale:

La ridicola, ridicolissima vicenda delle Pussy Riot è un buon intrattenimento estivo per mezza popolazione del pianeta. Sotto l’ombrellone, ci si indigna per le “cantanti ant-Putin” senza neppure sapere di cosa si sta parlando. In due parole, si tratta di tre tizie autonominatesi“Rivolta della passerina” che mostrano le chiappe canterellando contro il governo.
Esattamente come fa Sara Tommasi.
L’ultima volta è successo in una chiesa, e il prete ha chiamato le guardie, come sarebbe accaduto in ogni Paese del mondo. Immaginatevi la Tommasi che si scopre il didietro nel Duomo di Milano: finirebbe arrestata, ma nessuna delle anime belle si sognerebbe di scrivere che la colpa è di Mario Monti dittatore.
O forse sì, se a qualche governo straniero facesse comodo far passare Sara Tommasi per una povera vittima della perversa e illiberale dittatura italiana. Magari avremmo appelli mondiali per liberare la povera Sara, che ha mostrato il culo in chiesa ma lo ha fatto solo per sensibilizzare l’opinione pubblica contro l’efferata dittatura. Monti crocifisso sul New York Times per Sara Tommasi. Neanche ai tempi del Berlusca, una roba simile.
Intanto, però, Julian Assange è chiuso in un’ambasciata e i Paesi democratici fanno carta straccia del diritto internazionale pur di metterlo in gattabuia. Anche lui protestava contro qualcosa, ma lo faceva in modo assai più raffinato che mostrando il culo e cantando canzoncine da varietà: lo faceva informando il mondo con dati, fatti e documenti.
E’ accusato di stupro dal suo democraticissimo Paese, la Svezia, nonché accusato di spionaggio dagli States che se ne fregano dell’asilo politico concesso dall’Ecuador e lo vogliono processare a ogni costo. Un’ “accusa sproporzionata”, quella verso le Pussy Riot. Invece, quella verso Assange?
Provate ora ad immaginare se Putin si fosse spinto a tanto, con le sue Sara Tommasi locali. E provate ad immaginare che forse vi siete bevuti l’ennesima pagliacciata dell’indignazione-spettacolo, inflittaci dai professionisti ben remunerati dell’indignazione globale.

Ci si lamenta della magistratura non indipendente di Mosca, mentre Londra minaccia di invadere l’ambasciata di uno Stato estero. In altre parole, come nella migliore tradizione della stampa occidentale si sono fatti due pesi e due misure:

Peccato, potrebbe riflettere qualcuno, che lo stesso spirito di “democrazia”, la stessa indignazione e la stessa difesa del diritto alla libertà di espressione non si sia visto anche per il “caso Assange”, abbandonato dalla comunità internazionale nonostante l’Ecuador abbia ritenuto il fondatore di WikiLeaks avente diritto di asilo politico. La Gran Bretagna ha “minacciato” addirittura di invadere l’ambasciata dell’Ecuador a Londra1 , dove Julian Assange si è rifugiato da circa 2 mesi, pur di “mettere le mani addosso” al fondatore di WikiLeaks per andare ad estradarlo in Svezia dove non è incriminato di nessun reato, ma deve solo essere interrogato per difendersi da un’accusa di “sexcrime” stile orwelliana.

Julian Assange non vuole andare in Svezia (ma vuole essere interrogato) perché ha il serio timore (e le prove) che da lì sarebbe a sua volta estradato negli Stati Uniti, dove non rischierebbe una sentenza di due anni ma la pena di morte. Ma evidentemente, Julian Assange non è abbastanza mainstream per essere difeso, e soprattutto ha colpito il nemico sbagliato.

Information Clearing House cerca di comparare le due vicende: Pussy Riot vs, a ciascuno il suo eroe, è il titolo. La conclusione, forse ideologica ma non del tutto campata in aria, è che la mobilitazione mediatica per le ragazze punk non è altro che l’ennesima espressione della rivalità con la Russia. Come dire che se le tre ragazze fossero state condannate in Mongolia o nella Nuova Guinea non ce ne fregherebbe poi così tanto.

…Nessuno per gli altri

Se il confronto tra il fondatore di Wikileaks e le tre ragazzotte russe può sembrare inopportuno, improprio o addirittura populista, state tranquilli, ce ne sono centinaia ben più calzanti.
Consiglio la lettura di questo commento di Mark Levine su al-Jazeera: la storia delle Pussy Riot ha acceso la passione di artisti americani ed europei, da Sting a Madonna, che ne hanno chiesto pubblicamente la loro libertà. Nulla di strano fin qui. Ma quegli stessi cantanti europei e statunitensi restano in silenzio di fronte ai drammi quotidianamente subiti dai loro colleghi musicisti e artisti di quei Paesi in cui la libertà di espressione è minacciata molto di più che nella Russia di Putin. Artisti che rischiano la vita, e non solo due anni di prigione, per la loro attività pubblica di denuncia contro le dittature, il terrorismo, le ingiustizie di ogni genere. E che per questo la vita la perdono.
Come Abdi Jeylani Malaq Marshale, comico somalo ucciso lo scorso 1° agosto ucciso perché faceva la parodia degli islamisti.
Come il blogger etiope Eskinder Nega, condannato a 18 anni di reclusione per aver “osato” denunciare l’oppressione e l’ineguaglianza nel suo Paese.
Come Ghazala Javed, giovane cantante pakistana uccisa dai taliban lo scorso giugno dopo essere stata “scomunicata” dagli stessi.
Come Sergio Vega e gli altri sette musicisti uccisi in Messico negli ultimi tre anni. Lo stesso Paese dove, dal 2000 ad oggi, sono stati assassinati anche 81 giornalisti.
Nessuno è sceso per strada per ricordali. Nessuno ha sventolato cartelli o cantato cori davanti alle ambasciate straniere. Nessuno ha organizzato manifestazioni pittoresche o dibattiti pubblici. Forse perché nessuna telecamera era lì ad inquadrarli in una gabbia di vetro. E’ estate, c’è il sole, fa caldo… il porno di Sara Tommasi e la farfalla di Belen tirano molto di più di qualche litro di sangue versato. Al massimo la gente si indigna per i beagle.

Solo per Anna Politkovskaja l’indignazione globale ha veramente battuto un colpo. Al punto che dopo il suo assassinio fu proposto che ciascuno Stato intitolasse la strada in cui sorge la propria ambasciata russa, affinché la diplomazia del Cremlino fosse obbligata a riportare in ogni luogo il nome della giornalista uccisa sulla propria corrispondenza ufficiale. Ovviamente la realpolitik ebbe la meglio anche in quell’occasione e non se ne fece nulla. Ma per la prima volta il mondo aprì gli occhi sul trattamento che la libertà di pensiero e di espressione riceve in certe parti del mondo. Anna Politkovskaja, russa come le Pussy Riot. Vittima di Putin, come le Pussy Riot. Vittima sul serio, però. Vittima per aver denunciato le malefatte di un regime, così come tanti altri giornalisti, artisti, cantanti, poeti. Tutti colpevoli del più esecrabile dei crimini per un regime: aver cercato di dare un significato alla parola libertà.
Altro che un pò di cagnara durante una messa.

Fallita la diplomazia, la guerra in Siria sarà decisa dalle armi

Se la speranza è l’ultima a morire, possiamo dire che dopo le dimissioni di Kofi Annan tramonta forse l’ultima possibilità di una soluzione diplomatica al conflitto in Siria. Secondo Giuliana Sgrena su Globalist:

La rinuncia non è una sconfitta di Kofi Annan ma della comunità internazionale. Ovviamente chi voleva l’intervento militare non aveva nessun motivo per sostenere il piano Onu in 6 punti, equilibrato e accettabile sia per il presidente sanguinario Bashar Assad che per gli oppositori che hanno militarizzato lo scontro, sostenuti dai paesi del Golfo, dai consiglieri occidentali e ora apertamente anche dalla Cia. Quelli che avrebbero voluto realmente un processo democratico sono rimasti isolati.

E’ una sconfitta per noi pacifisti che ci siamo dichiarati contro l’intervento militare senza essere in grado di qualsiasi azione politica, manifestazione di piazza che denunciasse i responsabili del bagno di sangue siriano e sostenesse una opzione diplomatica, a partire dal piano Onu, rafforzato con un aumento di osservatori protetti da un corpo Onu con compiti di polizia e anche da osservatori civili. Forse non era realizzabile, ma non ci abbiamo nemmeno provato, scontrandoci invece sulle “nostre verità” che non sono quelle sul terreno.

Putin piange lacrime di coccodrillo: si è detto dispiaciuto delle dimissioni, continuando a sostenere la necessità di una soluzione diplomatica, quando in realtà è stata proprio Mosca – in collaborazione con Pechino -, a condannare la missione di Anna al fallimento a suon di veti. Peraltro rifiutando l’unica condizione posta da Annan per cui la transizione avrebbe potuto avere senso, ossia le dimissioni di Bashar al-Assad.
Ma è ormai chiaro che la Russia è decisa a lasciare che il bagno di sangue prosegua pur di salvare il suo avamposto residuo in riva al Mare Nostrum – e in tutto il Medio Oriente.

Fallita la diplomazia, il piano B dell’amministrazione USA è molto meno rassicurante. Obama ha ufficialmente autorizzato la CIA a compiere azioni coperte in Siria a “sostegno” dei ribelli - con tutto il carico di ambiguità che questo termine porta con sé. Il governo americano ha messo a disposizione 25 milioni di dollari per l’assistenza “non-letale” in favore dell’opposizione siriana, da impiegare per lo più per le apparecchiature di comunicazione, e altre strumentazioni. Ha inoltre stanziato ulteriori 64 milioni dollari in aiuti umanitari per il popolo siriano, posto che la guerra civile sta provocando una grave crisi alimentare nel Paese.
Che gli USA stiano “sostenendo” i ribelli è cosa nota già da tempo. Tuttavia, la pubblica ammissione di questa realtà è un esplicito riconoscimento che la questione Siria sarà risolta dalle armi, più che dai tavoli nei piani alti.
Difficile esprimere un giudizio su questa scelta. Secondo il Washington Times, Obama finirà di fatto per armare al-Qa’ida (ammesso che la formazione sia davvero presente in Siria); per Foreign Policy, al contrario, la strategia di Obama sta funzionando.
Lucio Caracciolo, direttore di Limes, all’indomani dell’attentato di Damasco scriveva:

Sul piano militare, nessuno può vincere. Da sole, le opposizioni armate non prevarranno. Nemmeno con i sostanziosi aiuti arabosauditi, qatarini e occidentali. Ma non potranno essere sradicate, a meno che i pretoriani di al-Assad non optino per la guerra di sterminio, mettendo mano financo alle armi chimiche.

In questa come in altre guerre civili le armi servono a manutenere il conflitto, non a risolverlo. Quando gli storici scriveranno la storia della crisi in Siria, scopriremo probabilmente che a deciderne le sorti sarà stato il denaro. Quello che scarseggia nelle casse del regime, mentre sovrabbonda nei conti dei petromonarchi della Penisola arabica. Ed è speso non solo per armare il raffazzonato Esercito siriano libero, ma soprattutto per convertire dirigenti e funzionari di Damasco alla causa dei rivoltosi.

Intanto le acque siriane si fanno sempre più movimentate:

Domenica 29 Luglio una nave da guerra cinese ha attraversato il Canale di Suez per dirigersi verso le coste della Siria.

Con i cinesi le acque intorno alla Siria e, comunque, intorno al medio oriente tutto, iniziano ad essere esageratamente congestionate di navi militari, portaerei, incrociatori di tutte le più grosse marine militari del mondo.

La possibilità di una guerra in Siria si avvicina sempre di più se è vero, come a noi sembra, che non c’è nulla di peggio e di più semplice, per scatenare una guerra, di un incidente causato dalla presenza di tante navi militari, di paesi diversi e storicamente contrapposti, in un piccolo specchio d’acqua.

La questione è approfondita da una blogger egiziana, la quale nota che il quotidiano egiziano Ahram (unico, assieme a Shourouk, a parlarne) parla addirittura di tre navi. Eppure, il lunedì seguente il ministro dell’interno del Cairo ha smentito il passaggio delle navi.
Nei giorni precedenti si era parlato anche dell’arrivo di una piccola flotta russa con 360 militari a bordo per una serie esercitazioni congiunte con la marina di Damasco, ma proprio oggi Mosca ha smentito che le navi fossero dirette in Siria.
Voci che testimoniano come gli USA non sono gli unici a muoversi sulla strada dell’escalation militare. E che adesso la partita geopolitica della Siria si gioca a carte scoperte.