Buone notizie dalla Somalia, ma non troppe

Le attese erano alte nei confronti della conferenza per la “Ricostruzione della Somalia e l’Esibizione delle Opportunità di Investimento”, inaugurata a Nairobi il 28 maggio scorso. Ma i risultati, a parte le promesse dei donor, sono stati modesti, nonostante la propaganda del governo di Mogadiscio che, godendo del sostegno internazionale, crede nel riscatto dopo decenni di guerra civile.

Molta strada deve essere ancora percorsa per stabilizzare definitivamente la Somalia, ma i passi compiuti nel 2012 e nel 2013 sono stati per Shirdon assolutamente straordinari. La Somalia mostra dunque alcuni segni di miglioramento, come sottolineato in questa lunga analisi di Nicola Pedde su Limes:

Il problema della Somalia, tuttavia, è strutturale, e necessita di una soluzione di lungo periodo, garantita da ingenti investimenti internazionali e dall’impegno diretto, soprattutto in termini militari, delle nazioni africane che sino a oggi si sono alternate nell’ambito della missione umanitaria promossa dall’Unione Africana. Una combinazione di fattori estremamente complessa e di non facile realizzazione – soprattutto nel mezzo della più grave crisi finanziaria mondiale dell’ultimo secolo, che impedisce di individuare le risorse necessarie per il rilancio del paese.

Scopo principale della conferenza era attrarre investimenti stranieri per realizzare infrastrutture. Missione rimasta incompiuta:

Le ambizioni di una poderosa iniezione di capitali finalizzati al massiccio intervento infrastrutturale in Somalia, quindi, si sono dovute arrestare dinanzi all’evidenza di una fase di pianificazione ben più complessa di quella ingenuamente ignorata nel corso dei lavori preparatori della conferenza di Nairobi. Richiamando alla realtà le giovani autorità somale e imponendo ancora una volta una riflessione complessiva sul paese, come già emerso nell’ambito dei lavori della Conferenza di Londra sulla Somalia, tenutasi ai primi di maggio.

Due sono gli attori che vorrebbero dalla Somalia un ritorno economico, avendo peraltro speso ingenti risorse per le operazioni militari. Sono il Kenya e l’Etiopia, che in Somalia giocano una partita per la supremazia regionale (ne parlavo qui e qui). Proprio nei giorni precedenti alla conferenza i rapporti tra Nairobi e Mogadiscio e Nairobi si sono fatti improvvisamente più tesi:

Mogadiscio ha lamentato una progressiva ingerenza del Kenya sul proprio territorio. Nairobi avrebbe abusato del mandato conferito dalla missione dell’Unione Africana e si sarebbe rifiutata di riconoscere la sovranità del paese e delle sue Forze armate. Il Kenya è anche accusato di non voler trovare una formula equa e reciprocamente vantaggiosa nella definizione degli accordi bilaterali per la gestione delle attività di pesca e di esplorazione e produzione di idrocarburi, agendo – a detta di alcuni politici somali – come vera e propria forza di occupazione militare.

Perché gli aiuti siano viabili occorre garantire una sicurezza che al momento, in molte zone del Paese, è ancora un miraggio. Oggi, però, le milizie al-Shabaab fanno meno paura di un tempo:

Per quanto riguarda le milizie islamiste dell’Al Shabaab, dopo la cacciata da Chisimaio e l’iniziale vantaggio governativo e delle forze dell’Amisom nel costringerle alla fuga verso le aree rurali, alcuni gruppi sono riusciti a riorganizzarsi e a ristabilire nella regione del Basso Shabelle la propria operatività. La loro tattica è mutata nel tempo e oggi è più che altro limitata ad azioni fulminee contro convogli e pattuglie isolate, che mirano più al saccheggio che alla conquista del territorio.

Sebbene ancora presenti sul territorio, le forze dell’Al Shabaab non sono più in alcun modo paragonabili a quelle che sino allo scorso anno terrorizzarono la Somalia centro meridionale. La caduta di Chisimaio e la frammentazione in più gruppi, molto diversi tra loro per ideologia e finalità d’azione, ha determinato un complessivo indebolimento della minaccia da loro rappresentata, pur restando alta l’attenzione stante la mutata natura delle modalità di ingaggio delle forze governative e dell’Amisom.

 Al vertice di ciò che resta dell’Al Shabaab c’è di fatto una conflittuale diarchia: da una parte Ibrahim Haji Jama Mee’ad, detto “l’afghano” e teoricamente vertice ufficiale delle milizie; dall’altra parte l’ancora carismatica figura di Abu Zubeyr, noto anche come Ahmed Cabdi Godane, che ha tuttavia ulteriormente radicalizzato la gestione delle sue milizie dopo la caduta di Chisimaio e la fuga verso le aree periferiche.

In ultimo, una nota dolente riguarda l’Italia, di cui l’articolo di Pedde rimarca il modesto ruolo svolto a Nairobi a causa dell’immobilismo politico e della  più totale mancanza di pianificazione delle prerogative di politica estera:

Il 2 giugno, un team di 23 militari italiani del Sset (Security Support Element) ha raggiunto Mogadiscio installandosi presso il quartier generale del Monitoring Advisoring Training Element (Mate-Hq).

Sebbene numericamente limitato, il team italiano costituisce un elemento di particolare importanza nella gestione dell’impegno verso la Somalia. Intervento per lungo tempo pianificato e annunciato, ma sempre alla fine disatteso in conseguenza di una politica confusa e scarsamente coraggiosa nel perseguimento dei suoi interessi regionali. Basti ricordare la vicenda senza fine relativa all’apertura della missione diplomatica italiana nella capitale somala, rimasta sino a oggi sospesa a danno della capacità di intervento diretto del paese nella gestione dei progetti di ricostruzione e degli accordi bilaterali per lo sviluppo delle attività economiche.

 La Somalia riparte e l’Italia, che potrebbe essere protagonista del rinascimento del Paese,  si lascia invece tagliare fuori. O almeno, l’Italia onesta. Perché la criminalità organizzata, al contrario, nel Corno d’Africa fa affari d’oro. Si veda qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui, qui.

Quanto pesano l’economia sommersa e quella criminale in Italia

Non poche polemiche suscitò un’analisi di Stratfor della scorso anno, secondo cui l’Italia tiene testa alla crisi grazie all’economia sommersa, considerata di fatto “una rete di sicurezza” che “le autorità, soprattutto a livello locale, tollerano e spesso incoraggiano per evitare il malcontento sociale e per guadagnare voti“.

L’economia sommersa è l’insieme di tutte le attività economiche che contribuiscono al prodotto interno lordo ufficialmente osservato, ma che non sono state registrate e quindi regolarmente tassate, con l’esclusione del giro d’affari delle attività criminali. In pratica, in base questa definizione possiamo dire che esistono tre PIL: quello ufficiale, quello sommerso e quello criminale.

Dando per certo il dato inerente al primo, cerchiamo di capire a quanto ammontino gli altri due.

Il PIL sommerso

Partiamo da un fatto: i dati sui consumi delle famiglie italiane sono costantemente superiori a quelli sui redditi dichiarati, sintomo di una ampia diffusione dell’evasione fiscale, soprattutto al Sud.
La distribuzione territoriale fa addirittura presumere che l’economia meridionale riesca a sopravvivere proprio perché non paga le tasse, posto che il divario economico e sociale con il Nord va sempre più allargandosi e che, stando ai più recenti rapporti sul tema, per il Mezzogiorno è difficile anche solo sperare in un futuro migliore.

Passando ai numeri, le valutazioni di Banca d’Italia, Corte dei Conti, Istat  ed Eurispes sul sommerso vanno da un terzo a oltre metà del fatturato in chiaro del settore privato.

Per la Banca d’Italia, che si basa sull’analisi del flusso di denaro contante nel quadriennio tra il 2005-2008, l’economia inosservata (evasione più crimine) rappresenta il 31,1% del PIL. In valore assoluto l’economia che sfugge alle statistiche ufficiali sfiora i 490 miliardi di euro, 290 dei quali dovuti all’evasione fiscale e contributiva e circa 187 all’economia criminale.

Per la Corte dei Conti l’evasione si situa intorno al 18% del PIL, dato che pone l’Italia al secondo posto della graduatoria internazionale, dopo la Grecia. La Corte, a differenza di Bankitalia, piuttosto che valutare in modo sistematico il fenomeno del sommerso in termini di imponibile, valuta il mancato gettito e in particolare gli effetti perversi e pesanti della corruzione sul funzionamento della pubblica amministrazione.

Secondo l’Istat – rapporto del 2010 in riferimento a dati del 2008 -  il sommerso rappresenta tra il 16,3 e 17,5% del PIL, ossia tra 255 e 275 miliardi di euro. Il dettaglio dell’evasione è così ripartito: 32% nel settore agricolo, 12,4% nell’industria e 20,9% nei servizi.

Più pessimiste le stime dell’Eurispes: 540 miliardi di euro (35% del PIL ufficiale): circa 280 miliardi dovuti all’evasione fiscale e contributiva, circa 160 di lavoro nero nelle imprese, circa 100 di economia informale. Nello stesso anno il PILç criminale avrebbe superato i 200 miliardi di euro. Il dato si basa estendendo i risultati su oltre 700mila controlli  da effettuati presso le imprese  da parte della Guardia di Finanza – attraverso i quali sono stati riscontrati 27 miliardi di euro di base imponibile sottratta - ai circa quattro milioni di piccole e medie imprese. Da qui si arriva ai quasi 160 miliardi sopra indicati.
Sommando i tre PIL (ufficale, sommerso e criminale) il prodotto interno italiano complessivo schizzerebbe a oltre 2.200 miliardi. Troppo per considerare le stime Eurispes coerenti con la realtà.

Il PIL criminale

La quantificazione di fatturato e patrimonio delle mafie è molto difficoltosa: secondo  i diversi studi (Sos Impresa: Banca d’Italia e Transcrime), si passa da 26 a 138 miliardi di euro. Di solito le stime si basano su valutazioni soggettive ritenute attendibili dalle fonti investigative istituzionali (denunce, sequestri e confische), ma si tratta di criteri basati su presunzioni assolute e molto approssimative: ad esempio si ritiene che i sequestri di droga siano in rapporto di uno a dieci rispetto al consumo reale.

La fonte che di solito viene presa a riferimento per la quantificazione in termini economici delle attività criminali è il rapporto annuale di Sos Impresa, secondo il quale nel 2010 il fatturato delle mafie era stimato in 138 miliardi di euro, la liquidità disponibile in circa 65 miliardi, l’utile in 105 miliardi.
Tuttavia le fonti utilizzate (rapporti ufficiali sui traffici illeciti che non sono oggetto dell’attività di Sos Impresa) e la metodologia impiegata (elaborazione di dati che provengono dai Rapporti semestrali della Dia, dai Bollettini della Banca d’Italia, da Unioncamere, oltre ai riscontri  dell’associazione sul territorio) non sono precisati con chiarezza, anzi le stime vengono definite “azzardate da un punto di vista prettamente scientifico” dalla stessa associazione.

La Banca d’Italia ha effettuato una stima basandosi sulla domanda di contante integrata da informazioni sulle denunce per droga e prostituzione messe in relazione al PIL delle singole province italiane. Un  rapporto pubblicato nel 2012 attribuisce all’economia criminale  un valore pari al 10,9% del PIL nel periodo 2005-2008, ma in ascesa nell’ultimo anno preso in considerazione al 12,6%.

Più contenuti i dati di Transcrime (centro di ricerca sul crimine transnazionale): il giro d’affari della criminalità organizzata ammonterebbe in media “solo” all’1,7% del PIL, con un fatturato che varia in un intervallo compreso tra i 17,7 e i 33,7 miliardi.
L’ipotesi di fondo dello studio è che solo una fetta delle attività illegali sia controllata da organizzazioni criminali (ad eccezione delle estorsioni, tipiche del crimine organizzato): il fatturato delle mafie varierebbe tra il 32 e 51% del PIL illegale. Tuttavia elle cifre complessive non rientrano i ricavi da attività per cui non esistono dati ufficiali, come il gioco d’azzardo.

Mentre sul fatturato delle mafie i dati risultano contrastanti e poco indicativi, viceversa sul patrimonio accumulato i numeri mancano del tutto, così come sulle infiltrazioni delle organizzazioni criminali nell’economia legale. L’unico dato certo è che il patrimonio sottratto fino a oggi alla criminalità organizzata e a disposizione dello Stato ammonta a circa 20 miliardi.  In altre parole, sugli aspetti più opachi dell’economia illegale non esistono analisi.
Difficile, dunque, contrastare un fenomeno se non si riesce neanche a stimarne approssimativamente le dimensioni quantitative.

N.B: I dati qui riportati sono tratti dalle analisi sul sito Economy 2050. Per approfondire, si veda anche La Voce.info, che raccoglie qui tutti gli articoli degli ultimi anni su lavoro nero, evasione fiscale, affari della criminalità organizzata e gli altri aspetti dell’economia sommersa e illegale che penalizzano pesantemente il nostro Paese.

Giulio Andreotti, il potere che logorò la Prima Repubblica in nome dello status quo

Il senatore Andreotti risponde dinanzi alla Storia, scrivevano i giudici della Corte nell’epilogo del processo per mafia che lo vide coinvolto. Nessuno più di Andreotti è stato sospettato di complotti e macchinazioni. Ed è per questo che tutti, dai giornalisti più autorevoli fino ai dilettanti della rete, si dilettano in questi giorni a cercare una risposta alla più retorica delle domande – quale posto gli riserverà la storia? – senza rendersi conto della vacuità di qualunque analisi che tratti la figura di Andreotti prescindendo dal contesto storico in cui essa ha operato. Quello che in virtù degli accordi di Jalta vedeva l’Italia assegnata alla sfera occidentale del mondo.

Secondo Lucio Caracciolo, Andreotti  ha incarnato perfettamente l’Italia della Guerra fredda: un paese a sovranità limitata, stretto tra i due blocchi. Non è stato un politico visionario, ma un raffinato gestore dello status quo. Immobilismo dettato dalla necessità di allontanare il Paese dalle sirene dell’Est, oltre la Cortina di ferro.

Nella visione andreottiana, l’interesse nazionale consisteva in un difficile gioco d’equilibrio tra l’inevitabilità di mantenere l’Italia saldamente al guinzaglio degli USA – e dell’Europa, motori della nostra rinascita economica -, cercando tuttavia di ampliare i margini d’azione del nostro Paese. Per questo mentì a Washington per vendere un centinaio di carri armati a Gheddafi, allo scopo di favorire l’ENI nelle concessioni petrolifere in Libia, e dopo la strage di Fiumicino (17 dicembre 1973: 32 morti e 15 feriti provocati da un commando di cinque terroristi palestinesi) strinse una serie di taciti accordi con i palestinesi e gli stati mediorientali per tener fuori l’Italia dalle operazioni terroristiche.

E sempre per questo, comprese l’indispensabilità di trattare anche con la mafia (fino al 1980, secondo quanto ricostruito dai giudici), di cui egli rappresentava la parte più debole: lo Stato. Perché se la mafia aveva bisogno dello Stato per continuare i suoi affari, lo Stato aveva bisogno della mafia per tenere l’elettorato meridionale nell’orbita democristiana, o comunque alla larga dalle tentazioni comuniste. Nel 1994 il giudice Luca Pastorelli raccontava sulle pagine di Limes:

Il crollo della Prima Repubblica travolge definitivamente l’equilibrio geopolitico che per quasi mezzo secolo, dall’epoca dello sbarco americano in Sicilia, aveva strutturato la precaria coesistenza fra Stato e Cosa Nostra. I politici siciliani che avevano operato come luogotenenti del Palazzo non sono più in grado di garantire il patto di non belligeranza che, quasi come una legge non scritta ma molto più cogente di qualsiasi codice, aveva legato Roma e Palermo. In sostanza: nel mondo diviso dalla frattura Est-Ovest, comunismo-anticomunismo, alla mafia spettava di orientare il voto e il potere politico siciliano per evitare rischi di slittamento verso il campo comunista. In cambio, il potere centrale evitava con cura di stimolare lo sviluppo economico e sociale dell’isola, e del Sud in genere, che considerava un serbatoio di voti essenziale per bilanciare l’avanzata delle sinistre al Nord. Di questo scambio geopolitico hanno fruito per decenni i potenti di Roma, i loro rappresentanti a Palermo e naturalmente Cosa Nostra.

La storia (ripeto: a prescindere di quale posto gli riserverà) non glielo perdonerà mai. Ma lui era un pragmatico, e del resto la realtà dei tempi lo richiedeva. Lui che è stato simbolo di un potere che ha lentamente logorato il nostro Paese. Il monologo dell’Andreotti – magistralmente interpretato da Toni Servillo – ne Il Divo esprime tutta l’essenza di questo freddo pragmatismo:

“Livia, sono gli occhi tuoi pieni che mi hanno folgorato un pomeriggio andato al cimitero del Verano. Si passeggiava, io scelsi quel luogo singolare per chiederti in sposa – ti ricordi? Sì, lo so, ti ricordi. Gli occhi tuoi pieni e puliti e incantati non sapevano, non sanno e non sapranno, non hanno idea. Non hanno idea delle malefatte che il potere deve commettere per assicurare il benessere e lo sviluppo del Paese. Per troppi anni il potere sono stato io. La mostruosa, inconfessabile contraddizione: perpetuare il male per garantire il bene. La contraddizione mostruosa che fa di me un uomo cinico e indecifrabile anche per te, gli occhi tuoi pieni e puliti e incantati non sanno la responsabilità. La responsabilità diretta o indiretta per tutte le stragi avvenute in Italia dal 1969 al 1984, e che hanno avuto per la precisione 236 morti e 817 feriti. A tutti i familiari delle vittime io dico: sì, confesso. Confesso: è stata anche per mia colpa, per mia colpa, per mia grandissima colpa. Questo dico anche se non serve. Lo stragismo per destabilizzare il Paese, provocare terrore, per isolare le parti politiche estreme e rafforzare i partiti di Centro come la Democrazia Cristiana l’hanno definita “Strategia della Tensione” – sarebbe più corretto dire “Strategia della Sopravvivenza”. Roberto, Michele, Giorgio, Carlo Alberto, Giovanni, Mino, il caro Aldo, per vocazione o per necessità ma tutti irriducibili amanti della verità. Tutte bombe pronte ad esplodere che sono state disinnescate col silenzio finale. Tutti a pensare che la verità sia una cosa giusta, e invece è la fine del mondo, e noi non possiamo consentire la fine del mondo in nome di una cosa giusta. Abbiamo un mandato, noi. Un mandato divino. Bisogna amare così tanto Dio per capire quanto sia necessario il male per avere il bene. Questo Dio lo sa, e lo so anch’io.”

Per riassumere l‘idea che aveva dello Stato e delle sue regole basterebbe comunque una frase sola: l‘infelice battuta con cui commentò l’omicidio Ambrosoli. Se l’è andata a cercare. Come dire che, pur di sopravvivere, tanto vale affidarsi a qualsiasi persona che “non se le va a cercare” e quindi disponibile a scendere a patti con chiunque e con qualsiasi cosa. Tutto in nome del pragmatismo. In nome della Guerra fredda. Dell’interesse (inter)nazionale che lui declinava come lo status quo a tutti i costi. Economici, sociali e umani compresi.

D’altra parte, era lui a dire che è meglio tirare a campare che tirare le cuoia.

La Sicilia del Grillopardo

Termometro Politico offre una puntuale analisi quantitativa del voto in Sicilia. Ma più che dai numeri, il migliore sunto delle recenti elezioni è essere espresso dalle lettere. Non tanto, cioè, dalla percentuale di voto del Movimento 5 Stelle (che rasenta il 15%) o da quella degli astenuti (53%), quanto dal giudizio con cui l’agenzia Fitch ha declassato la Sicilia quando lo spoglio aveva ormai superato il 50% delle elezioni e i risultati si erano consolidati: BBB. Praticamente spazzatura. E per di più con un outlook negativo. Questo perché (e qui torniamo ai numeri) la somma di voti ottenuti dal Pd, dall’Udc e dalle liste civiche che sostengono il neoeletto presidente Rosario Crocetta non va oltre i 40 seggi; ben lontani dai 46 necessari che garantirebbero alla sua coalizione la governabilità dell’isola. O, più prosaicamente, la sopravvivenza politica.

Per giorni si è ripetuto che il voto siculo era importante perché l’isola anticipa le tendenze nazionali, dunque poteva contribuire a chiarire un quadro politico nazionale sconfortante e imprevedibile a sei mesi dalle prossime elezioni politiche. Tutte chiacchiere. I media “tradizionali” (leggi: in mano ai partiti) dicevano la stessa cosa delle amministrative a Milano dello scorso anno, probabilmente solo per spingere la gente al voto nella ragionevole previsione di un astensionismo di massa. Certo, il resto d’Italia ha seguito la campagna elettorale sicula con un mix di attenzione, curiosità e timore, chi (i cittadini) con la speranza che l’isola possa essere il punto di partenza per un nuovo corso, e chi (i politici) con il timore di perdere le proprie rendite di posizione sotto la spinta di Grillo e degli altri movimenti di protesta. E oggi si parla, fantastica e ipotizza sulle ripercussioni che il responso delle urne avrà sullo scenario nazionale e in particolare su un PDL sempre più al tramonto. Ma il quadro che viene fuori dal voto non è confortante.
Secondo Agnese Licata su Altrenotizie:

Della serie: quando un risultato elettorale dice tutto (sul disgusto degli elettori verso la politica) e dice niente (sul futuro governo della Sicilia). L’astensione oltre il 50% e l’esplosione del Movimento 5 Stelle fino al 18% dei voti raccontano di cittadini che in partiti vecchi e nuovi non credono più. Soprattutto, non pensano che uno o l’altro cambi qualcosa. “Su’ tutti ‘na cosa” – ossia “sono tutti uguali” – è una delle frasi più ricorrenti in Sicilia a tempo di elezioni. Stavolta, i grillini hanno ridotto almeno in parte il ricorso a questa massima dell’anti-politica, ma è il pessimismo a prevalere, almeno tra la metà degli isolani.

I risultati di questa elezione potranno cambiare davvero la politica regionale oppure generare una fotocopia dell’ultima, disastrosa, instabile legislatura? Ad oggi, entrambe queste alternative hanno la stessa possibilità di realizzarsi.

Più facile, invece, che il Pd trovi una qualche sponda nell’Mpa e in Miccichè. Ed eccoci qui a una musica già suonata, quella che dal 2010 ha visto alla guida della Sicilia una coalizione  Mpa-Pd come unica soluzione per avere una maggioranza all’Assemblea. Questo è il rischio più forte: ritrovarsi punto e a capo. Crocetta ha dichiarato che lui non intende compromettere se stesso e il partito con inciuci vari, piuttosto si torna tutti a votare. Ma il suo partito la penserà allo stesso modo, soprattutto considerando il fatto che è composto dalle stesse persone che appoggiarono fino all’ultimo l’ex governatore Raffaele Lombardo, rinviato a giudizio per concorso in associazione mafiosa e voto di scambio?
Insomma, da queste elezioni in Sicilia si aspettavano tante risposte, ma arrivano più che altro domande.

Il candidato sconfitto Nello Musumeci già ipotizza un pronto ritorno alle urne, non tanto per lungimiranza politica quanto per provare a strappare una second chance nella corsa al trono dell’isola.
Tra le tante domande senza risposta, ce ne è una che meriterebbe un’attenzione immediata ma che nessun candidato, grillini compresi, ha mai neppure avuto il coraggio di approcciare: come tappare la voragine di denaro pubblico – generato da favoritismi, compravendita di voti, interessi personali e chi più ne ha più ne metta… insomma, tutto tranne il bene comune – che ha portato il debito strutturale della Sicilia a toccare quota 18 miliardi di euro. Per il 2013 saranno disponibili 1,9 miliardi che non basteranno per pagare precari, forestali, trasferire fondi ai comuni, per il trasporto pubblico locale e per i collegamenti con le isole minori, mentre le imprese continuano a vantare crediti per 5 miliardi di euro.
I maligni hanno individuato una chiave di lettura dell’elevato astensionismo proprio nella crisi dei conti della Regione: finiti i soldi è finito il voto di scambio. La gente è rimasta a casa perché i politici non avevano più nulla da offrire. Anche se le accuse di compravendita elettorale non sono mancate, al di là della dubbia presentabilità di chi le ha lanciate.

E a proposito di voto di scambio, merita una menzione un’inchiesta dell’Espresso secondo cui la mafia si sarebbe “astenuta” da queste ultime elezioni:

Non sappiamo cosa possono aver fatto i mafiosi a piede libero, su quali scelte politiche si sono indirizzati. L’Espresso può però affermare con certezza che i boss detenuti hanno preferito non votare. E di solito i mafiosi detenuti fanno ciò che viene indicato da quelli ancora liberi. L’astensione così massiccia in tutta la Sicilia non era mai avvenuta anche fra i detenuti, tanto che i seggi aperti nelle carceri sono andati deserti. Nessuno di loro si è presentato a votare. Anche i mafiosi fanno dunque parte del popolo degli astensionisti che ha toccato quota 53 per cento.
Per far comprendere meglio ciò che è accaduto in Sicilia basta dire che su 7.050 detenuti hanno votato solo in 46: si tratta di carcerati comuni e non di mafia. All’istituto di pena di Pagliarelli a Palermo dove si trovano rinchiusi i mafiosi, su 1.300 detenuti solo uno si è presentato al seggio elettorale, ed è in custodia cautelare per reati che non sono quelli per mafia. Stesso identico atteggiamento a Catania, Agrigento e Caltanissetta. Uno scenario che ribalta, anzi trasforma ciò che in passato è stato fatto proprio dai detenuti che facevano la fila in carcere per votare il proprio candidato che in gran parte dei casi risultava essere quasi sempre lo stesso o dello stesso partito.
Forse adesso i mafiosi sono rimasti a guardare. Si sono allontanati da questa competizione probabilmente per tanti motivi che forse un giorno qualche collaboratore di giustizia potrà spiegare.

Lo scorso maggio i detenuti delle carceri Pagliarelli e Ucciardone a Palermo si sono astenuti dal voto per eleggere consiglieri comunali e sindaco del capoluogo. Era il primo segnale lanciato nell’ultimo decennio dalla mafia a questa “nuova” politica. Adesso qualcosa sembra essere cambiato. E la cosa stupisce, perché Cosa nostra non si arrende così facilmente. Forse questa volta i mafiosi hanno intuito che a vincere poteva essere Rosario Crocetta che fin da subito, anche per la sua storia personale, ha tuonato contro Cosa nostra, e allora forse non era il caso di avvicinarlo. Sta di fatto che a questa tornata elettorale dalle carceri è arrivato un segnale diverso. Stare lontani da questi politici. Forse vogliono stare a guardare alla finestra e imboccare la porta d’ingresso dei politici quando sarà il momento di fare affari. Si spera, in quel caso, che la politica abbia la forza di tenersi lontana dalla mafia.

Chi invece non ha saputo per nulla cogliere il senso delle elezioni siciliane è la stampa estera in generale. Visto da fuori, il voto ha semplicemente decretato la caduta del PDL, quindi la fine di Berlusconi. Un tantino scontata, banale e partigiana come retorica; autorevoli testate come Die Welt, Liberation ed El Mundo potevano sforzarsi un pò di più. Se non altro accorgendosi che alle piazze riempite dal Movimento 5 Stelle facevano da contraltare quelle vuote dei politici di professione, di qualunque schieramento politico. Piazze piene a cui sono seguite urne riempite solo a metà.

Se questo può essere il punto di partenza per una svolta storica, c’è da chiedersi come questa potrà proseguire sorretta dalle gambe di meno della metà della popolazione. Le urla di Grillo non sono evidentemente bastate a restituire speranza a chi è già arrivato al limite della sopportazione.
Finito il tempo dei facili slogan e della demagogia, c’è bisogno di qualcuno che si impegni seriamente a ricostruire una Regione, e poi un Paese, ormai abbandonato a sé stesso. Altrimenti sarà stato l’ennesimo fuoco di paglia. L’ultimo di una lista di occasioni in cui ci si è illusi di poter cambiare tutto, col risultato alla fine di non cambiare nulla.

Che fine fa il tesoro sequestrato alla mafia

L’Espresso riporta una dettagliata inchiesta sulla mole di beni sequestrati alla alla criminalità organizzata. 1.400 aziende e diecimila immobili: a tanto ammonta il potenziale economico recuperato al demanio pubblico attraverso le indagini della magistratura.  Che però lo Stato non sa come riutilizzare a beneficio di tutti.

Solo in Sicilia si contano 525 aziende e 4.470 immobili sequestrati. Sul piano nazionale, il bilancio aggiornato ad aprile è di 1.395 imprese e 9.922 immobili confiscati in via definitiva. Un patrimonio che, se messo sul mercato, basterebbe forse a risanare il nostro enorme debito pubblico. Il problema è che lo Stato non solo non mette i beni all’asta, ma neppure riesce a destinarli ad iniziative di interesse comune a servizio della collettività. Il circolo virtuoso non si avvia. E così, esauriti i proclami trionfalistici, l’incapacità politica finisce per vanificare, almeno in parte il duro lavoro dell’antimafia. Tra beni in rovina, imprese che falliscono e lavoratori licenziati, l’azione pubblica disperde le ricchezze così faticosamente recuperate.
Continua a leggere