Usa e Pakistan, relazioni ai minimi storici

di Luca Troiano

I rapporti tra Stati Uniti e Pakistan sono una perfetta applicazione della Legge di Murphy: quando possono peggiorare, lo fanno.
La rivelazione (peraltro già nota al pubblico più specializzato) del New York Times, forse col placet dalla Casa Bianca o della CIA, secondo cui l’esercito e l’intelligence di Islamabad sarebbero responsabili per la barbara uccisione del giornalista Saleem Shahzad, ha duramente inasprito le già fragili relazioni bilaterali.
Nei giorni a seguire, i due Paesi sono stati impegnati in un valzer di reciproche rappresaglie volte a tagliare o limitare gli aiuti, da parte di Washington, l’accesso e supporto, da parte di Islamabad. Questa crescente ostilità, che in diplomatichese si chiama “deficit di fiducia”, rischia di diventare un abisso per gli Usa tanto grande quanto un altro con cui si trovano ora  a fare (letteralmente) i conti – quello di bilancio.

Continua a leggere