Quello che tutti sapevano: l’Iran contrabbanda armi in Iraq

di Luca Troiano

Negli ultimi mesi l’esercito iraniano avrebbe fornito armi di contrabbando agli insorti in Iraq e Afghanistan per accelerare il ritiro degli Stati Uniti.
La notizia è del Wall Street Journal. Secondo il giornale le armi e i proiettili inviati dal corpo dei pasdaran avrebbero già ucciso soldati americani. Gli iraniani avrebbero anche consegnato razzi a lungo raggio ai taliban in Afghanistan, aumentando la capacità bellica degli insorti in modo da colpire le postazioni Isaf da maggiore distanza.
Accuse definite “ridicole” dal Ministro della Difesa iraniano, Ahmad Vahidi. Secondo Teheran si tratta di chiaro tentativo degli americani di scaricare sugli altri le colpe dei propri errori.

Continua a leggere