USA, scattano i tagli alla spesa pubblica. Tra i due litiganti, l’economia americana non gode

In principio fu il debt ceiling. Poi la volta del fiscal cliff. Infine del sequester. Sta di fatto che in questi giorni l’attenzione degli analisti economici di tutto il mondo è di nuovo concentrata sul debito pubblico americano. Per la terza volta in 18 mesi.
Sabato 2 marzo, fallita l’ultima possibilità di un accordo con i repubblicani, il presidente Barack Obama ha firmato il decreto che ha fatto scattare la dieta da 85 miliardi di dollari (0,5% del PIL) fino a settembre e 1.200 miliardi in 10 anni, prevista dall’accordo per l’aumento del tetto del debito del 2011. Ora i tagli automatici alla spesa sono entrati ufficialmente in vigore.

Fabrizio Goria su Linkiesta spiega cosa è il sequester:

Ma cosa è il sequester? In breve, è un taglio generalizzato della spesa pubblica. Secco e lineare, del valore di 85 miliardi l’anno fino al 2012, il sequester colpisce qualsiasi programma, progetto o attività federale, come spiega la legge che lo regolamenta, il Budget control act dell’agosto 2011. Si tratta dell’atto che ha permesso di innalzare il debt ceiling, il tetto del debito federale, sforato più volte negli ultimi due anni. In assenza di un deal fra democratici e repubblicani per tagli alla spesa pubblica (non lineari, ma mirati) da 1.200 miliardi di dollari, ecco che arriva il sequester a fare il suo dovere.
La banca d’affari J.P. Morgan lo ha definito «un immenso mostro, un blob che viaggia per gli Stati Uniti e taglia linearmente tutto quello che incontra, dalla difesa alla sanità». Non è la prima volta che gli Stati Uniti vanno nel panico per qualcosa di cui sarebbe facile trovare la soluzione. Così è stato per il debt ceiling. Nell’agosto 2011, proprio a seguito del mancato accordo fra democratici e repubblicani, è arrivato il primo downgrade del debito sovrano statunitense della storia. Standard & Poor’s tagliò il rating americano privandolo della tripla A, nonostante la confermata sicurezza dell’investimento nel debito Usa. Accordo trovato in extremis e poi via con il nuovo pericolo, il Fiscal cliff.
Il baratro fiscale da 600 miliardi di euro è stato per ora solo rimandato, ma a breve tornerà a farsi sentire nel dibattito politico americano.

In altre parole, per il 2013 i tagli sono stati firmati da Obama e saranno effettivi dai prossimi giorni, prosciugando 85 miliardi di dollari di spesa pubblica per gli Usa. La sensazione è che però sia il frutto di una prova di forza di Obama. Nonostante questo sia il suo ultimo mandato, e forse anche proprio per questo motivo, il presidente sta conducendo una battaglia serrata contro Boehner e i repubblicani, considerati troppo dogmatici da Washington. «È chiaro che vincerà Obama, ha il coltello dalla parte del manico e adesso scaricherà la firma dei primi tagli sui repubblicani, aizzando l’opinione pubblica contro di loro», spiega una nota mattutina di Goldman Sachs.
Chi invece non sembra risentire degli effetti del sequester è Wall Street.

Lettera43 cerca di analizzare le riduzioni nel dettaglio:

La cura dimagrante da 1.200 miliardi di dollari in 10 anni significa una riduzione di 109 miliardi di dollari all’anno. Valida per l’intero comparto dell’amministrazione federale, perché il congegno pensato nel 2011 decurta in maniera cieca su tutti i settori della spesa.
PENTAGONO: 492 MLD IN MENO. La contrazione più significativa, però, è destinata a subirla la Difesa: 47 miliardi per il 2013 e 492 miliardi nel prossimo decennio, una dieta pari a oltre il 10% del budget attuale.
I programmi d’acquisto di tank e sommergibili sono destinati a essere rivisti. Compreso il costosissimo programma degli F35, il cui costo dal primo contratto del 2001 è lievitato del 75%, per una spesa complessiva che secondo l’agenzia finanziaria Bloomberg è pari a 395,7 miliardi, di cui 9,4 solo nel 2013.
La sequestration non prevede la possibilità di ridurre il personale, voce che pesa per l’85% della spesa delle agenzie federali. Ma il Pentagono ha già pensato di ovviare all’ostacolo, mandando in congedo non pagato circa 800 mila dipendenti civili.
OBAMACARE, TAGLIO DI 7 MLD. Oltre alla Difesa, scatta la tagliola sulla Sanità. Il programma di assistenza medica per gli anziani, noto come Medicare, è destinato a perdere 10 miliardi nel 2013 e 123 fino al 2023: un calo pari a circa il 2% del budget. Le forbici colpiranno ospedali e medici, compagnie farmaceutiche e fornitori di servizi sanitari. Mentre altri 7 miliardi saranno decurtati dall’Obamacare, il nuovo sistema di assicurazione sanitaria, cavallo di battaglia del presidente Usa
Il bilancio degli altri comparti verrà ridotto complessivamente dell’8,2% circa: 322 miliardi in un decennio persi dall’educazione, dalle agenzie di sicurezza e di tutela del territorio.
La sequestration prevede anche una sforbiciata di 41 miliardi ai sussidi di disoccupazione percepiti per più di sei mesi (riguardano 3,8 milioni di persone), e risparmi sul sostegno all’agricoltura e ai servizi sociali, compreso un taglio di 1,3 miliardi al fondo per lo studio dell’infanzia in difficoltà.

Repubblicani e democratici non sono mai stati nemmeno vicini a trovare un’intesa. I primi si sono opposti a qualunque aumento di tasse, mentre per i secondi l’alternativa ai tagli doveva essere composto in parti uguali da riduzioni di spesa e aumento delle tasse ai ricchi – attraverso la “chiusura” delle cosiddette tax loopholes, le scorciatoie ed esenzioni fiscali che permettono sopratutto ai contribuenti più facoltosi di pagare aliquote molto basse.

La prossima giornata di passione sarà il 27 marzo. Entro tale data il Congresso dovrà votare il provvedimento che destinerà circa mille miliardi di dollari per mantenere l’amministrazione funzionante fino al 30 settembre. Se lo stanziamento sarà superiore a tale soglia, il budget federale sarà abbastanza grande da annullare i tagli del sequester, ma i repubblicani hanno già fatto sapere che approveranno la legge soltanto per una cifra inferiore. A questo punto, è probabile che i democratici cercheranno non di aggirare il sequester, bensì di rimodulare i tagli previsti in modo da e renderli più flessibili.
In ogni caso il prezzo più pesante di questo sterile braccio di ferro, come prevedibile, lo pagheranno le persone comuni: secondo Obama, i tagli alla spesa sono destinati ad avere un “effetto domino” sull’economia e porteranno alla perdita di 750.000 posti di lavoro.

E dire che non pochi ben pensanti (italiani) invitano a prendere l’America come esempio proprio perché lì “la politica pensa prima agli interessi del Paese e poi a quelli del partito”, come si è sentito ripetere anche in questa prima settimana post elettorale. 

Obama ha vinto, ma le sfide iniziano adesso

Sono le prime ore di mercoledì 7 novembre. Al McCormick Center di Chicago, Barack Obama ha appena finito di pronunciare il discorso della vittoria. Nel backstage, il presidente riceve l’abbraccio di Family and Friends, il gruppo di parenti e amici di una vita che è sempre intorno a lui nelle grandi occasioni della sua carriera. Tra i presenti, si staglia l’enorme figura di Allison Davis, l’avvocato dei diritti civili che molti anni fa accolse nella sua Law Firm il giovane Obama, fresco di laurea a Harvard. Il presidente lo indica agli altri: «Questo è l’uomo che mi ha assunto». Poi si abbracciano. «You made it», ce l’hai fatta, dice Davis. Obama lo guarda negli occhi, gli prende la mano stringendola forte e ribatte: «Allison, I don’t lose», io non perdo. Fa una pausa, poi ripete: «I don’t lose». Barack Obama è molto competitivo.
Paolo Valentino, «Io non perdo» Così Barack ai suoi amici, Corriere della Sera, 09/11/2012

Obama ce l’ha fatta. Sondaggisti e statistici (quelli seri, almeno), lo avevano previsto, ma lo psicodramma della rielezione (ce la farà? Non ce la farà?), su cui gli analisti di tutto il mondo si sono scervellati per due anni – dalla débacle delle elezioni di midterm del 2010 -, ha avuto il lieto fine solo nella notte di martedì 6 novembre. E’ il verdetto che esce da una tra le più drammatiche e combattute elezioni della storia recente degli Stati Uniti, in cui non sono mancate le accuse di frode e le minacce di strascichi giudiziari.
Il voto popolare mostra però un’America divisa esattamente in due: donne, giovani, afroamericani, ispanici sono tornati a votare il presidente democratico come quattro anni fa, ma rispetto ad allora la coalizione di gruppi che ne avevano decretato il trionfo ha perso molti pezzi. Tradotto in termini di voti, se il Senato resta sotto il controllo dei democratici, la Camera vede un rafforzamento della maggioranza dei repubblicani. Il che lascia a molti il dubbio se queste elezioni le abbia davvero vinte Obama o piuttosto le abbia perse Romney. E’ dunque probabile che i prossimi mesi presenteranno lo stesso panorama di divisioni e lotte che ha segnato questa campagna.
Una somma delle opinioni a caldo sulla conferma di Obama si trova su Internazionale Presseurop. Facciamo però un passo indietro e proviamo ad indagare sulle radici di questo risultato.

Di fatto, Obama resta alla guida di due nazioni ben distinte: l’America rurale bianca, profondamente conservatrice se non reazionaria, e quella urbana e cosmopolita che si è schierata con il presidente uscente. Che non è più lo stesso di quattro anni fa: nel 2008 Obama seppe comunque conquistare il cuore e la mente di tanti americani con il suo messaggio di cambiamento e di speranza, la bravura della sua squadra elettorale, le sue capacità oratorie, la sua immagine bella e vincente. Quattro anni dopo ha vinto un altro Obama: un presidente prudente e centrista, che ha dovuto gestire la peggiore crisi dal ’29 e che anche per questo, con la sola eccezione importante della riforma sanitaria, a dispetto delle attese non è stato artefice di nessuna rivoluzione.

Limes traccia un’anatomia della vittoria di Obama: il presidente ha vinto con un margine di voti minore rispetto a quattro anni fa, ma ha prevalso in tutti i battleground States: Colorado, Iowa, New Hampshire, Virginia, Wisconsin, Ohio e Massachussets – di cui Romney era stato governatore. Tuttavia il risultato non giustifica trionfalismi: al di là delle divisioni nel Congresso – preludio di un nuovo muro contro muro coi repubblicani a due mesi dalfiscal cliff -, la spaccatura è anche socioeconomica: avendo votato per Obama soprattutto i poveri e le minoranze, mentre Romney è stato preferito dalle fasce di reddito più alte e l’elettorato bianco. In generale, la chiave del successo di Obama sta nell’aver rimodulato il suo messaggio politico rispetto al trionfo del 2008: se la prima campagna faceva appello soprattutto alle emozioni, questa ha puntato in primo luogo sulle ragioni. E ha fatto centro.

Il risultato di queste elezioni era probabilmente inscritto nella mappa demografica del Paese: i repubblicani hanno ancora una volta fatto presa sugli uomo bianchi eterosessuali (il gruppo demografico che ha governato il paese dall’inizio); ma dall’altra parte, la maggiore partecipazione di nuovi gruppi etnici (ispanici) e sociali (gay, donne), insieme a giovani e afroamericani, prefigura la potenzialità di una maggioranza democratica stabile, una volta che essa sia sollecitata da opportune politiche e messaggi che vertono sui temi sociali. Non è infatti un mistero che Obama abbia riconquistato la Casa Bianca in virtù dell’attenzione mostrata per i diritti civili. Nello stesso tempo, con l’affermarsi di un movimento “da sinistra”  al suo interno, il Partito Democratico non è più il partito della mediazione, come era stato fin dai tempi di Lyndon Johnson.
Si segnalano comunque episodi di razzismo dopo la rielezione, a testimonianza del pericolo di polarizzazione nel mutato tessuto sociale americano.

Conclusa la sbornia elettorale, è già tempo di rimettersi al lavoro. E Obama ne ha molto. Foreign Policy individua i 14 temi principali che il rieletto presidente dovrà affrontare nel suo secondo mandato: dai cambiamenti climatici alla Cina, dal nucleare all’Africa, il settimanale ha sentito l’opinione di alcuni esperti.
In primo luogo ci sono i conti pubblici: il fiscal cliff vale 600 miliardi di dollari, fatti di aumenti fiscali e taglio di agevolazioni che scatteraanno automaticamente il 1 gennaio 2013 senza un accordo bipartisan; un termine che potrebbe far naufragare i suoi sforzi per risollevare l’economia e contenere un debito pubblico da 16.235 miliardi di dollari. Sempre spinoso il nodo del lavoro: Obama è il primo presidente Usa rieletto con un tasso di disoccupazione quasi all’8%.
In politica estera, il primo banco di prova è il Medio Oriente. Dove la crisi siriana, le trattative (segrete?) sul nucleare iraniano e i rapporti sempre più tesi con Israele (Netanyahu tifava per Romney) dipingono un quadro sempre più ingarbugliato per il presidente. Neppure la Cina non è contenta: la conferma di Obama significa stabilità, ma come ha sintetizzato il China daily «ha avanzato più critiche contro la Cina Obama in quattro anni che George W. Bush in due mandati».
C’è poi il tema dell’ambiente, trascurato da entrambi i candidati in campagna elettorale (nonostante i disastri del 2011 e la siccità dei mesi scorsi) ma tornato prepotentemente di scena dopo il devastante passaggio dell’uragano Sandy, che qualcuno considera la prova tangibile dei cambiamenti climatici in atto.
Sullo sfondo c’è sempre lo scenario di una guerra permanente contro il terrorismo, che nel Nord del Mali potrebbe vedere il suo prossimo palcoscenico.

Se dunque il meglio per l’America deve ancora venire, dall’altra parte le sfide che attendono il presidente sono tante e complicate. Buona fortuna, Barack. Ne avrai davvero bisogno.

Obama vince sulla cricca del petrolio: la Keystone XL non si farà (per il momento)

 

Alla fine il controverso oleodotto Keystone XL non si farà. Scaduto il termine ultimo imposto dal Congresso, il presidente Obama ha scelto di respingere il progetto in quanto non di interesse nazionale. Nella legge che prorogava gli sgravi fiscali sui prelievi in busta paga approvato lo scorso 30 novembre, la maggioranza repubblicana aveva inserito una clausola che imponeva al presidente di assumere una decisione entro 60 giorni. Ma Obama ha detto no. Una mossa probabilmente dettata dalla voglia di procrastinare la decisione a dopo le presidenziali di novembre. Sindacati e ambientalisti sono soddisfatti; repubblicani e TransCanada (colosso petrolifero canadese), manco a dirlo, infuriati.
In breve, il progetto Keystone è un sistema di oleodotti ideato per trasportare petrolio e bitume diluito (ditbit) dall’Alberta (Canada) verso gli Stati Uniti. Operativamente, il progetto si sviluppa in quattro fasi: due realizzate (verso le raffinerie di Illinois e Oklahoma) e due proposte (verso il Texas). Il pomo della discordia è proprio questo prolungamento: 2.700 km che tagliano in due gli Stati Uniti, e che dovrebbe trasportare il petrolio prodotto dalle sabbie bituminose (fonte di petrolio non convenzionale), di cui il Canada è particolarmente ricco. Capacità totale: 500.000 b/g. Investimento previsto: 7 miliardi di dollari. Profitti per le companies, smisurati

Continua a leggere

Più che finanziario, il declassamento degli Usa è geopolitico

di Luca Troiano

No, non credo alla profezia dei Maya sul 2012. Tuttavia, più ci avviciniamo alla fatidica data e più il mondo sembra andare a rotoli.
Venerdì 5 agosto l’agenzia Standard & Poor’s ha annunciato quello che tutti ci aspettavamo: il downgrade degli Stati Uniti da AAA ad AA+. Neppure l’accordo sul tetto del debito è bastato a salvare l’immacolata tripla A dello Zio Sam. E da giorni le borse mondiali sembrano ripiombate nella Fossa delle Marianne del ’29. Continua a leggere

Chi detiene il debito pubblico americano

di Luca Troiano

1. Gli otto anni di presidenza Bush e due guerre dissennate tuttora in corso hanno dissanguato le casse degli Stati Uniti. L’ultimo bilancio in pareggio si è avuto nel 2000 durante l’era Clinton. Da allora il Tesoro americano ha sempre chiuso i conti in deficit (-10% nel 2010), stratificando il passivo nello stock del debito pubblico. Se nel 2000 tale debito ammontava ad un gestibile 60% del PIL, oggi si approssima al 100%, pareggiando di fatto il conto con la ricchezza nazionale.
Attualmente il Paese non può ricorrere con i Buoni del Tesoro perché la facoltà di emettere titoli di debito per garantirsi liquidità non è infinita. La cifra massima, fin dal 1917, è calmierata da un tetto massimo (debt ceiling) fissato dal Congresso, oltre il quale il governo federale non ha la potestà di finanziarsi tramite obbligazioni.
L’attuale limite, fissato nel febbraio 2010, ammonta a 14.294.000 miliardi ed è stato raggiunto il 16 maggio. Il segretario al Tesoro, Timothy Geithner è riuscito a metterci una pezza sospendendo i versamenti ai fondi pensione dei dipendenti federali, procrastinando il problema al 2 agosto, fatidica data in cui i liquidi per oliare la pesante macchina burocratica Usa saranno veramente finiti.
L’unica soluzione è l’innalzamento del tetto del debito, altrimenti gli Stati Uniti si troveranno in default tecnico.

Continua a leggere

Il Minnesota è fallito. A quando il resto degli Usa?

Minnesota budget forecast 2001-2010

di Luca Troiano

La bandiera americana conta cinquanta stelle ma una si è appena spenta per bancarotta. Fuor di metafora, il Minnesota ha dichiarato default, mandando a casa 23.000 dipendenti pubblici su 32.000 totali. Semplicemente perché non ha i soldi per pagarli, come non li ha per le dotazioni degli uffici né per le infrastrutture in corso d’opera.
Continua a leggere

Usa: il prezzo delle guerre è la disoccupazione

Di Luca Troiano

1. Ogni guerra ha un costo. Di conseguenza, prima di decidere se combatterne una, è necessario ponderare tale costo con i successivi benefici. Nel 1781, George Washington disse che il costo della guerra d’indipendenza americana doveva essere rimborsato immediatamente, affinché la generazione presente non scaricasse tale onere su quelle future. La guerra contro gli inglesi, se non altro, consegnò alla nascente America un dono di inestimabile valore: la libertà. In Iraq, Afghanistan e Libia, al contrario, cosa ne ha ricavato lo zio Sam?
Per adesso si sa che il costo delle campagne mediorientali in corso è di almeno 1200 miliardi di dollari. Ufficialmente. Il costo reale, invece, stimato anni fa dal Premio Nobel Joseph Stiglitz, ammonterà ad oltre 3000 miliardi. Tutte risorse sottratte ad un circuito economico sempre più in affanno.
Continua a leggere

L’eventualità di un default degli Stati Uniti non è più fantascienza

Lunedì il debito pubblico americano ha toccato quota 14.300 miliardi di dollari, innescando una serie di “misure straordinarie” per evitare un eventuale default da parte del governo Usa. I politici litigano per elevare il limite di indebitamento.

Continua a leggere

L’America non sa più pensare il mondo

Carta di Laura Canali, in Limes 3/09 "Eurussia: il nostro futuro?"

Per anni la strategia globale degli Stati Uniti ha trascurato l’analisi del territoro, legittimando i proprii interventi nel mondo attraverso lo strumento della legalità formale. Ma l’ingoranza della complessità globale ha impedito a Washington di realizzare i risultati sperati. Dopo le sconfortanti esperienze dell’ultimo ventennio, la transizione in Maghreb finirà per esserne l’ennesima conferma.