Nei disastri naturali c’è sempre più lo zampino dell’uomo

Di catastrofi e di banche

Nei disastri naturali c’è sempre più lo zampino dell’uomo: alla World Bank qualcuno riflette su un diverso modello di sviluppo