La Russia prosegue le manovre nell’Artico

Il rinnovato interesse di Mosca per le gelide acque dell’Artico registra nuovi sviluppi. Dalla precedente analisi sappiamo già che le rivendicazioni di Mosca si intersecano con quelle degli altri Stati che si affacciano all’interno del Circolo Polare, e che lo scioglimento dei ghiacci non crea solo opportunità economiche, ma impone anche dei cambiamenti negli aspetti militari che coinvolgono la regione.

Sabato 15 marzo, l’esercito russo ha posizionato sei aerei militari di categoria Su-27, e tre cargo per il trasporto di soldati, in Bielorussia, presso la base di Baranoviche. Si tratta di un palese riflesso della crisi ucraina, in conseguenza della quale la Nato ha incrementato le proprie forze aeree nelle basi in Polonia e Romania, a ridosso dei confini con Kiev. Lo stesso giorno, però, alcuni bombardieri dell’esercito russo di categoria Tu-95MS hanno compiuto un inusuale pattugliamento nei cieli dell’Artico, al confine dello spazio aereo di Canada, Norvegia, Stati Uniti d’America e Danimarca. Un chiaro avvertimento ai vicini che la presenza russa nella regione si fa sempre maggiore.

Un mese dopo, il 22 aprile, Vladimir Putin ha annunciato che il suo Paese costruirà una rete unificata di strutture navali sui propri territori artici in grado di ospitare navi da guerra e sottomarini avanzati. Secondo il presidente russo, allo stato attuale la forza della Flotta da Guerra del Nord non è sufficiente per garantire la sicurezza nazionale. A tal fine la Russia sta organizzando una rete capillare di rilevazione radar che prevede di completare entro il 2018. Il disegno di Mosca prevede un sistema radar di difesa aerea completamente automatizzato in grado di rilevare ogni tipo di minaccia, compresi missili da crociera e velivoli senza pilota, ad una distanza massima di tremila chilometri.

Secondo Difesa online, quattro stazioni radar classe “Voronezh” sono già attive. Due radar classe “Voronezh” modello “DM”, seimila chilometri di scoperta con capacità di tracciare simultaneamente 500 target, sono pienamente attivi nel territorio di Krasnodar e nella regione di Leningrado. Le stazioni radar nelle regioni di Kaliningrad e di Irkutsk sono in fase di test. I nuovi radar “Voronezh”, possono essere rapidamente ridistribuiti e richiedono un equipaggio ridotto rispetto alla generazione precedente. Altri sette radar della stessa classe saranno messi in servizio nei prossimi cinque anni, sostituendo così gli obsoleti sistemi modello “Dnepr” e “Daryal”. Continua a leggere

Artico, le pretese della Russia aprono ad una nuova guerra “fredda”

La Russia è il più vasto Paese del mondo. I suoi interessi geopolitici si dipanano su uno spazio che va dalle coste del Mar Baltico a quelle del Pacifico; dai ghiacci del Polo Nord alle steppe dell’Asia Centrale. Una tale ampiezza impone a Mosca di pensare e agire su più fronti contemporaneamente. Così, mentre il reso del mondo è concentrato su quanto avviene in Crimea, il gigante eurasiatico , in totale silenzio, muove alcuni significativi passi verso un altro terreno di conquista: l’Artico.

Sul finire dello scorso anno balzava agli onori della cronaca la vicenda della Arctic Sunrise, quell’imbarcazione di Greenpeace che il 19 settembre 2013 ha portato 30 attivisti (tra cui un italiano, Christian D’Alessandro) a protestare di fronte ad una piattaforma di Gazprom  contro i danni all’ambiente provocati dalle trivellazioni petrolifere nelle gelide acque del profondo Nord. Per le modalità dell’azione, quella degli “Artctic 30″ non è stata in nulla e per nulla differente dai tanti blitz che negli anni hanno caratterizzato l’attività di Greenpeace. Di diverso, stavolta, c’era l’obiettivo: quella gigantesca piattaforma, fissata al fondale del Mar di Barents, non era semplicemente una piattaforma energetica qualunque, ma il simbolo di una guerra non dichiarata per la conquista dell’Artico.

La militarizzazione crescente

Da quando nel 2011 Putin ha annunciato che “La Russia espanderà la sua presenza nell’Artico” e difenderà “con forza e con decisione” i suoi interessi, perché “Da un punto di vista geopolitico, i nostri interessi nazionali più vitali sono legati all’ Artico”, le notizie in merito ad un progressivo rafforzamento della presenza militare russa nell’estremo Nord si sono susseguite a cadenza quasi mensile. Continua a leggere

Le mani della Cina sull’Artico

La Cina vuole l’Artico. Se nell’Antartico, infatti, la sua presenza risale al 1984, il Polo Nord è salito agli onori delle cronache cinesi con una spedizione del 1995, costituita con l’obiettivo di condurre ricerche sul clima e sull’ambiente, cui sono seguite altre due missioni nel 2003 e nel 2008 e  la creazione di una stazione di ricerca nel luglio 2004.
Ovviamente, le attività di ricerca sono prodromiche rispetto a ben altri interessi. Un anno fa scrivevo:

Le acque (finora) incontaminate dell’Artico hanno da tempo attirato l’attenzione degli Stati – e delle compagnie petrolifere. Adesso anche la Cina, geograficamente fuori dalla regione, si è messa in corsa per accaparrarsi una fetta del profondo Nord. E la sua immensa capacità di investimento assicura che sarà un giocatore chiave nella partita.

Così, mentre gli Stati Uniti ci concentrano sull’oceano Pacifico, orientandosi verso una inevitabile regionalizzazione della propria politica estera, la Cina – che peraltro nel Pacifico è già ampiamente presente – volge il suo sguardo verso l’Artico alla ricerca di spazi vuoti da colmare.

Eravamo in aprile e l’allora premier di Pechino Wen Jiabao era in visita in Europa. Prima tappa: Islanda, dove concluse un accordo per lo sviluppo in comune di attività di ricerca, esplorazione ed estrazione.
Oggi, con l’apertura della Norvegia all’ingresso della Cina nel Consiglio Artico, l’opera di corteggiamento ai Paesi del profondo Nord sta cominciando a dare i suoi frutti. Secondo Linkiesta:

Oslo si dichiara ben disposta ad accettare la Cina, in qualità di osservatore, nel Consiglio Artico: l’organizzazione che riunisce gli otto Paesi che si affacciano sulla regione polare (Canada, Russia, Norvegia, Danimarca, Islanda, Usa, Svezia e Finlandia).
È un’istituzione nata nel 1996 per regolare il rapporto tra gli Stati e le popolazioni indigene dell’area, in direzione dello sviluppo sostenibile e della conservazione ambientale. Oggi gli abitanti passano decisamente in secondo piano di fronte all’opportunità di spartirsi le risorse della regione polare, in prospettiva sempre più accessibili a causa dello scioglimento dei ghiacci.

Il Consiglio Artico è diventato così un’istituzione improvvisamente importante, politica, sotto la cui egida si succedono i trattati: Risoluzione della controversia sul Mare di Barents tra Russia e Norvegia (2010), Accordo di ricerca e di soccorso (2011), istituzione di un Segretariato Permanente del Consiglio Artico (gennaio 2013), tentativi di trovare un accordo vincolante su eventuali fuoriuscite di petrolio (atteso nel 2013), Codice IMO (International Maritime Organization) per la navigazione polare (atteso pr il 2014).
Di fronte a tutto questo attivismo, non c’è da stupirsi che anche Cina, Giappone, Corea del Sud e Unione Europea stiano facendo di tutto per mettere un piede nel Consiglio, che si riunirà per deliberare il 15 maggio a Kiruna, nella Lapponia svedese.

Pechino ha continuato a corteggiare gli altri Paesi e, giusto la settimana scorsa, anche la restia Norvegia si è finalmente accodata.
Oltre alle materie prime, l’Artico fa tuttavia gola anche per il “passaggio a nord-est” (Northern Sea Route): la nuova rotta, resa possibile dal progressivo arretramento dei ghiacci, che mette in comunicazione Atlantico settentrionale e Pacifico attraverso il mare Glaciale Artico. Attualmente, l’80 per cento dell’energia che la Cina importa attraversa lo stretto di Malacca, un passaggio stretto e affollato per una rotta decisamente lunga. Percorrere il passaggio a nord-est farebbe risparmiare circa 4mila miglia marine, per una media di due settimane di viaggio e 300mila euro su ogni nave che naviga dal nord Europa a Shanghai. Pechino vorrebbe iniziare un servizio commerciale su questa rotta entro la prossima estate.

A proposito del passaggio a nord-est, Libertaria Nation aggiunge:

Nel 2012 la rompighiaccio Xue Long (Dragone dei Ghiacci) è diventata la prima nave cinese a navigare lungo la Northern Sea Route(rotta di navigazione dal Pacifico all’Atlantico dal Mare di Bering allo stretto di Barents, al largo delle coste russe), e dopo è tornata indietro attraverso una stretta rotta tra l’Islanda e il Mare di Barents attraverso il Polo Nord. Questo viaggio ha “enormemente incoraggiato” le compagnie di spedizione cinesi, per usare le parole di Huigen Yang, direttore del Polar Research Institute of China (sì, la Cina sta guardando con estremo interesse l’Artico, tanto da aver organizzato un osservatorio permanente).
Per la Cina, numero due dell’economia mondiale dopo gli USA, l’autostrada del Nord sarebbe un consistevole risparmio di tempo e denaro. Attraverso l’Artico la distanza Shangai-Amburgo è più breve di ben 5.200 chilometri che attraverso il Canale di Suez, ha spiegato Yang.

Nel frattempo, Pechino ha ottenuto anche un altro risultato. In occasione della visita di Xi Jinping in Russia, la prima da presidente della Repubblica Popolare Cinese, i due Paesi hanno stretto un importante accordo di cooperazione enrgetica. Tre i punti principali:

  • il raddoppio delle importazioni cinesi di petrolio dalla Rosneft a 620 mila barili al giorno;
  • la costruzione di un nuovo gasdotto, che consentirà a Mosca di diversificare la propria offerta di idrocarburi, finora rivolta quasi esclusivamente all’Europa;
  • la concessione alla China National Petroleum Corp della possibilità di procedere ad esplorazioni offshore nell’Artico, eventualmente con l’aiuto finanziario di altre compagnie come Exxon, Statoil e la nostra Eni.

In un mondo sempre più affamato di energia, l’Artico è il nuovo traguardo. E la Cina, benché in partenza da lontano, sta correndo per tagliarlo per prima

Artide e Antartide. Poli opposti, stesso destino

Uno studio della NASA, che prende in esame i dati satellitari e dalla Terra degli ultimi 20 anni, mostra l’evolversi un fenomeno apparentemente contraddittorio in capo al mondo: nell’Artico il ghiaccio si ritrae, mentre in Antartide si espande sempre di più.  In altre parole, i ghiacci che che ricoprono il Mar Glaciale Artico hanno toccato un minimo di estensione, fenomeno che dura da oltre 30 anni ed è ora arrivato a un punto giudicato preoccupante per l’equilibrio del Polo Nord così come lo conosciamo. In Antartide, al contrario, dal 1978 al 2010 l’estensione totale del ghiaccio marino è incrementata di circa 18.000 kmq l’anno: una superficie paragonabile a quella del Veneto.
Il processo in corso è lo stesso, sebbene comporti due risultati differenti. Al nord, infatti, l’aumento della temperatura media scioglie i ghiacci esponendo le acque dell’oceano alla luce del sole, che di conseguenza si riscaldano accelerando il processo di scioglimento del ghiaccio. Al Sud, l’aumento del ghiaccio ha reso l’ambiente più “freddo”, e dunque più ghiacciato. In entrambi i casi, in sostanza, si tratta di un fenomeno che da un certo punto in poi ha finito per autoalimentarsi.
I due estremi del mondo, dunque, condividono lo stesso destino. Non soltanto dal punto di vista climatico. Entrambi sono oggetto delle stesse dinamiche politiche, nonché obiettivo degli stessi Stati.

Polo Nord

A fine ottobre la Russia, per bocca di Aleksandr Popov, direttore dell’agenzia federale per lo sfruttamento del sottosuolo Rosnedra, ha sollecitato (nuovamente) le Nazioni Unite a riconoscerei nuovi confini della piattaforma artica che accrescerebbero la parte russa di oltre di 1,2 milioni di kmq. Le ricerche geologiche condotte dai geologi di Mosca nell’ultimo biennio potrebbero consentirle di sostenere la richiesta davanti alla commissione ONU sui limiti della piattaforma continentale; l’unico organismo internazionale adibito a consacrare tale riconoscimento. In caso di risposta affermativa, la Russia potrebbe sfruttare maggiormente i ricchi giacimenti di idrocarburi, terre rare e metalli preziosi celati sotto i fondali.
Un’insistenza che ci ricorda, se mai ce ne fosse bisogno, che la guerra – “fredda”, di nome e di fatto – per l’Artico è già in corso. Lo ha capito la Danimarca, che pochi giorni fa ha fondato il Comando della Difesa per il Polo Nord a Nuuk, capitale della Groenlandia. Nel discorso inaugurale, la Regina Margherita II ha affermato che “Compito primario dell’Arctic Command sarà quello di dirigere e coordinare il dispiegamento di unità militari nel Nord Atlantico e nell’Artico. Il progetto è parte dell’attuazione dell’accordo Difesa 2010-2014“. Si tratta dell’ultimo e più tangibile esempio del crescente fenomeno di militarizzazione dell’area. Sull’altra faccia della medaglia, la strategia delle grandi potenze nella regione Artica si impernia su una logica spartitoria.
Interessante questa analisi su Rinascita, che racconta come nel corso del 2012 le esercitazioni militari nell’Artico si siano alternate agli incontri ad alto livello dei rappresentanti delle Forze armate di Stati Uniti, Russia, Canada, Norvegia, Danimarca, Svezia, Islanda e Finlandia per discutere la spartizione dell’area. Avvenimenti questi che avranno un peso enorme sul futuro del Polo Nord. Futuro che in ogni caso, come ho più volte ricordato, sarà comunque appannaggio non degli Stati, bensì delle Oil companies (qui, qui e qui).

Polo Sud

Qui la situazione non è molto diversa. In attesa di saccheggiare i giacimenti energetici (50 miliardi di barili di petrolio), oggetto delle mire predatorie dei grandi Stati sono le riserve di pesca. Pochi giorni fa, a Didney, è fallito il tentativo di creare un “santuario marino” nell’Oceano Antartico con l’intento di proteggere la biodiversità dell’area. La Commissione per la conservazione delle risorse viventi marine dell’Antartico ha infatti chiuso i lavori senza adottare alcuna decisione a riguardo, rinviando la questione al vertice annunciato per il prossimo luglio in Germania.
Composta da 24 Paesi e dall’Unione Europea, la Commissione ha valutato due proposte riguardanti altrettante zone nelle acque dell’Antartico meridionale: una da 1,6 milione di kmq per la tutela del mare di Ross (l’ecosistema marino meglio conservato al mondo), e un’altra da 1,9 milione di kmq lungo la zona costiera nell’Antartico orientale, sostenuta da Australia e Unione europea. Ma i timori di Cina e Russia per le restrizioni che ne sarebbero derivate alla pesca ha bloccato tutto.
Gli ambientalisti riuniti nell’Alleanza per l’Oceano Antartico hanno espresso forte delusione. “La Commissione si è comportata come un’organizzazione ittica piuttosto che un’organizzazione di tutela delle acque dell’Antartico“, ha commentato Farah Obaidullah, portavoce di Greenpeace. Ma come già accaduto in altri vertici su temi ambientali (come il Rio+20), non ci si poteva aspettare un esito differente. Troppo forti gli interessi commerciali perché le questioni ambientali potessero avere il loro peso.

Russia, monopolio energetico in Europa a rischio

Ricordate quando nel 2007 una bandiera russa venne piantata sui fondali del Polo Nord? Ora Mosca, per riaffermare la propria influenza nella regione artica, si affida addirittura ad una benedizione ortodossa. Secondo il Barents Observer, la Russia vuole che il “Polo sia ortodosso” e, pertanto, lo ha fatto “battezzare” martedì 18 settembre, nel corso di una spedizione organizzata da Russian Arctic e dell’Antarctic Research Institute.
Misura simbolica a cui ne è seguita una più concreta: la progettazione di una nuova nave rompighiaccio a propulsione nucleare per assicurarsi la massima mobilità nella regione.

Per comprendere le ragioni di un gesto a prima vista strampalato dobbiamo fare un salto indietro di alcune settimane.
Per i russi l’Artico presenta grandi potenzialità sul piano energetico. Questo in teoria, perché in pratica lo sfruttamento delle risorse del profondo Nord presenta non difficoltà forse insormontabili. A fine agosto Gazprom ha interrotto i lavori per l’estrazione di gas dallo Shtokman, il giacimento più capiente d’Europa, dopo l’abbandono del progetto da parte del colosso norvegese Statoil e della compagnia francese Total, entrambe partecipanti con una quota del 25%. l’impennata dei costi, il calo della domanda europea e il conveniente shale gas americano hanno indotto la compagnia russa ad accantonare il progettoMosca nega, ma lo stop rappresenta un duro colpo ai suoi piani energetici.
OroNero illustra le ragioni che hanno condotto alla rinuncia:

I costi altissimi, legati al fatto che da scoperta a produzione nell’Artico passano anche 25 anni, l’impossibilità di lavorarci per più di tre mesi l’anno senza mettere a rischio la vita di chi ci lavora e l’integrità delle strutture, e i problemi connessi all’assenza di infrastrutture nell’artico, ha costretto Gazprom a togliere il tappo al progetto Shtokman.
Shtokman era stata scoperta negli anni ’80 quandi l’esplorazione della zona iniziò seriamente. Si tratta di uno dei più grandi giacimenti al mondo in termini di risorse con 3,9 mila miliardi di metri cubi. Il campo è grando più di 1400 km2 a 550 km di distanza dalla peninsula Kola. La prima fase di produzione doveva estrarre 23,7 mld di metri cubi all’anno, un terzo del consumo annuale italiano (BP, 2011). La seconda fase prevedeva 48 mld mc e la terza 71 mld di metri cubi.
La mancata partenza delle operazioni significa che Gazprom ha speso miliardi, non si sa quanti per la sopra citata intrasparenza, nel progetto che però non comincerà a produrre guadagni entro i tempi previsti. Se si tratta di un decennio o due di ritardi non importa, infrastrutture saranno da rimpiazzare, staff da formare, progetti da adattare a nuove condizioni climatiche e a nuove legislazioni.
Gazprom ha continuato a sottovalutare la rivoluzione shale gas negli Stati Uniti, che fa pressione sui prezzi e che potrebbe ridurre la domanda per gas russo. Inevitabile a questo punto che la Russia faccia di tutto per evitare uno sviluppo dello shale in Europa.

Eccoci ad un punto che ci riguarda da vicino. In Europa, quando si parla di shale gas, si parla della Polonia. Paese retto da un governo fortemente europeista e da sempre ostile a Mosca. Invitato all’incontro degli Ambasciatori tedeschi nella giornata di sabato 26 agosto il Ministro degli Esteri polacco, Radoslaw Sikorski, ha illustrato un piano per aiutare l’Europa ad uscire dalla crisi e rilanciarla a livello globale: riforme politiche riguardanti la Commissione Europea ed il sistema elettorale del Vecchio Comtinente, unione bancaria e finanziaria. E in più un concreto piano di sfruttamento dello shale gas polacco.
La Polonia calcola che le riserve di shale, agli attuali ritmi produttivi, potrebbero fornire gas per i prossimi 360-440 anni e creare 155.000 nuovi posti di lavoro. Già nel 2010 Sikorski dichiarò che nel giro di 10-15 la Polonia sarebbe diventata la nuova Norvegia. Per Varsavia il gas di scisto potrebbe rappresentare una fortuna e per l’europa un’alternativa al monopolio russo. In altre parole, il gas di scisto potrebbe ridefinire l’equilibrio di potere nell’Europa centro-orientale.

Secondo La Voce Arancione:

Oltre che per il sostegno del processo di integrazione europea, la Polonia ricopre un ruolo di primo piano per altri due motivi. Il primo e legato al sostegno fornito al processo di allargamento dell’Unione Europea ad Ucraina, Moldova, Georgia e Bielorussia: Paesi dell’Unione Europea che per motivi geopolitici non appartengono all’UE nonostante culturalmente e storicamente appartengano di diritto all’Europa.
In secondo luogo, Varsavia possiede nel suo territorio un ampio giacimento di gas Shale, il cui sfruttamento consentirebbe all’Unione Europea di soddisfare il suo fabbisogno energetico senza più dipendere dalle forniture della Russia.
Tuttavia, lo sfruttamento dei giacimenti shale e contrastato da due fattori. Il primo e legato alle tecnologie necessarie per l’estrazione di questo tipo di oro blu, ubicato a profonda profondità: necessari sono infatti macchinari provenienti dagli USA – dove lo shale e sfruttato normalmente – molto costosi, e, prima ancora, studi sul campo parecchio approfonditi.
Il secondo fattore contrastante lo sfruttamento del gas shale e legato alla protesta ambientalista, che si oppone ai lavori di ricerca per presunti danni all’equilibrio geologico del Paese in cui e ubicato il giacimento.
Secondo indiscrezioni provenienti da fonti molto accreditate, i movimenti che si schierano contro lo sfruttamento dello shale sono appoggiati politicamente dalla Russia, che mal sopporta la possibilità di perdere il proprio monopolio sulla compravendita di gas in Europa.

Persa la carta artica, con lo sviluppo dell’industria del gas di scisto in Polonia la Russia rischia di veder scemare la sua posizione di forza all’interno del Vecchio Continente. Almeno fino alle prossime contromosse.

Ma i ghiacci della Groenlandia stanno davvero scomparendo?

In questi giorni i media hanno lanciato l’allarme sullo scioglimento dei ghiacci della Groenlandia:

La NASA ha pubblicato una nuova immagine che mostra le rilevazioni satellitari sullo scioglimento dei ghiacci in Groenlandia nella prima metà di luglio, e il risultato delle osservazioni è preoccupante. Per alcuni giorni lo strato di ghiaccio che ricopre la grande isola si è sciolto a ritmi mai osservati prima negli ultimi trent’anni di dati raccolti con i satelliti.

Solitamente, nel periodo estivo, circa la metà della superficie di ghiaccio della Groenlandia si scioglie. 

Quest’anno le cose sono andate diversamente, con un aumento senza precedenti dello scioglimento dei ghiacci: i ricercatori stimano che il 97 per cento della superficie ghiacciata della Groenlandia sia stata interessata dal disgelo a metà luglio.

L’immagine mostra l’estensione del fenomeno tra l’8 e il 12 luglio scorsi. Le zone rosse indicano le aree in cui si è sicuramente verificato lo scioglimento dei ghiacci, mentre quelle rosso chiaro le aree dove è probabile che il ghiaccio si sia sciolto. Il fenomeno è stato repentino: l’8 luglio solamente il 40 per cento della superficie risultava interessata dal disgelo, quattro giorni dopo era il 97 per cento.

Anche la zona attorno alla Summit Station in Groenlandia, a circa tre km sopra il livello del mare e che si trova vicino al punto più alto e più freddo della calotta di ghiaccio, mostrava segni di fusione. I ricercatori non hanno ancora stabilito se questo evento contribuirà all’innalzamento del livello del mare nel periodo.
La notizia segue di una settimana quella del distacco di un enorme iceberg (circa 120 kmq: due volte Manhattan) dal ghiacciaio Petermann, da cui già nel 2010 si era staccato un altro blocco di ghiaccio da 250 kmq.

Alcuni studi sulle calotte di ghiaccio sembrano far pensare che la causa sia, effettivamente, il surriscaldamento delle temperature del nostro pianeta:

«Non siamo in questo momento grado di stabilire se si tratta di un evento naturale o causato da azioni dell’uomo – aggiunge Wagner – ma sappiamo con certezza che l’assottigliarsi dello spessore dei ghiacciai della Groenlandia dipende dai cambiamenti climatici». Sul fatto che questa estate sia insolitamente calda per la Groenlandia ci sono pochi dubbi. «Dipende dal fatto che sistemi di frequente alta pressione hanno parcheggiato sopra l’isola – spiega Thomas Mote, climatologo dell’Università della Georgia – portando calore, nevicate e conseguente scioglimento dei ghiacciai». È interessante notare che simili sistemi di alta pressione sono stati rilevati sopra il Midwest degli Stati Uniti in coincidenza con la siccità.

Siamo sul punto di perdere la Groenlandia? Forse no, almeno per il momento:

La calotta di aria calda che ha generato questo insolito e allargato scioglimento di ghiacci superficiali e più profondi sembra essersi dissipata lo scorso 16 luglio. Secondo i glaciologi che hanno studiato attraverso i carotaggi i ghiacci più vecchi della Groenlandia questi fenomeni sono accaduti già in passato e sembrano ciclici ogni 150 anni. Un veneto simile si è avuto nel 1889 e dunque siamo nel periodo dei successivi 150 anni. Ma per i glaciologi le fusioni ora si devono fermare qui perché diversamente sarebbero da leggere come eventi preoccupanti.

I media si sono lasciati prendere dal facile allarmismo. Innanzitutto, la stessa NASA ha diramato un comunicato stampa il cui titolo parla di “scioglimento senza precedenti“, per poi confinare la spiegazione di cui sopra alle ultime righe in fondo. Tanto che la climatologa Pat Michaels ironizza dicendo che la NASA farebbe bene a distribuire dei dizionari agli autori dei suoi comunicati stampa.
I giornali nostrani non sono stati più attenti. Il Corriere titola “scioglimento record dei ghiacci“, salvo poi correggere il tiro menzionando il ciclo dei 150 anni alla fine; Repubblica, invece, del ciclo non fa alcun cenno.
L’autorevole blog WUWT, attraverso grafici e tabelle, spiega che non tutti i ghiacci si stanno sciogliendo e che sebbene il fenomeno sia stato abbastanza rapido, potrebbe essersi già esaurito. A confermarlo ci sono anche le immagini via webcam della Summit Station.
E’ vero che, come osserva la glaciologa Lora Koenig del centro Goddard della NASA,se qualcosa di simile dovesse verificarsi anche la prossima estate, ci sarebbe da preoccuparsi“, ma al momento l’allarme è ingiustificato.

I cicli di ampliamento e riduzione dei ghiacci della Groenlandia testimoniano come i climi possano cambiare anche in modo repentino – e senza il contributo dell’uomo. Anzi, si tratta del caso meglio documentato da fonti storiche, in particolare dalla saga che narra le vicende di Erik il Rosso e di suo figlio Leif il Fortunato, pionieri della colonizzazione vichinga dell’isola nel 982 d.c..
Secondo la tradizione, fu Erik a battezzarla “Groenlandia”. Alcuni sostengono fosse un trucco per attirare coloni in una terra inospitale – benché nei mesi estivi il Sud dell’isola sia di fatto “colorato” dalla vegetazione. Altri vedono nel termine attuale una storpiatura di Gruntland (terra bassa, definizione presente nelle prime mappe), che farebbe riferimento alle baie poco profonde della Groenlandia meridionale. In ogni caso, allora il clima era più temperato di quanto non lo sia oggi, e nel 985 25 navi di coloni salparono dall’Islanda in direzione della “Terra verde”.
Gli scavi effettuati di recente confermano che la regione godeva di una certa prosperità. La popolazione disponeva di poderi, granai e spazio per l’allevamento del bestiame. Caccia, pesca, e scambi commerciali con la Norvegia – a cui la Groenlandia fu annessa nel 1261 – costituivano la altre attività. Sono stati riportati alla luce anche i resti di una cattedrale in pietra lunga 30 metri. I rapporti con gli inuit, migrati verso nord alla fine della precedente era glaciale, erano pacifici. Una lapide di pietra del XIV secolo, scoperta a circa 73° di latitudine Nord, conferma che i coloni esplorarono anche le regioni artiche.
Ma proprio nel XIV secolo il clima iniziò a cambiare, subendo un rapido quanto drammatico deterioramento. Certo, l’eccessivo sfruttamento agricolo e la crescente deforestazione avranno senz’altro contribuito all’inesorabile depauperamento del suolo, ma è accertato che le temperature della regione subirono un drastico calo. Gli inuit furono costretti a migrare verso Sud, scontrandosi ripetutamente con i vichinghi per il controllo delle poche risorse alimentari rimaste. Alla metà del secolo la navigazione oltre il 60° parallelo divenne impossibile, isolando la Groenlandia dalla madrepatria Norvegia, nonché dal resto del mondo civilizzato. Le ultime notizie della colonia groenlandese si trovano negli Annali d’Islanda del 1410, quando un islandese rientrato in patria riportò uno spaventoso resoconto delle condizioni della colonia. La quale, probabilmente, non sopravvisse all’inverno successivo.
Gli europei non avrebbero più rimesso piede sull’isola fino agli inizi del XVIII secolo, quando il regno di Norvegia e Danimarca intraprese una nuova campagna di colonizzazione.

Dunque la Groenlandia ha già conosciuto questi cicli naturali di progressivo riscaldamento/raffreddamento. Qualcuno noterà che se gli scioglimenti segnalati dalla NASA si ripetono ogni 150 anni, il prossimo sarebbe dovuto avvenire nel 2039, ma 27 anni di anticipo non sono di per sè molti per gli scienziati.
Certo l’episodio deve farci riflettere sull’accelerazione della fusione dei ghiacci e sull’urgenza di intervenire per ridurre significativamente le emissioni di gas serra, ma gettare la notizia in pasto all’uomo di strada, notoriamente digiuno delle  nozioni di cui sopra, è allarmismo puro.
Per il momento la “vera” notizia è la sopravvalutazione di questo evento atmosferico da parte dei media – e di alcuni scienziati della NASA.

Mentre a Rio discutono, l’Artico viene espugnato

Oil impacts on Arctic food webs

Grafica di Greenpeace

Parlando della conferenza Rio+20, ho fatto un cenno a Greenpeace e alla sua campagna Save the Arcticvolta alla salvaguardia del profondo Nord affinché i governi lo dichiarino una sorta di “santuario” mondiale, dove le trivellazioni petrolifere e la pesca insostenibile siano consentite.

Ironia della sorte, mentre i grandi del mondo erano riuniti in Brasile, il gigante petrolifero Shell era in procinto di concludere i preparativi per le prime trivellazioni nel Mar Glaciale Artico. A fine maggio l’amministrazione Obama aveva dato il via libera alle operazioni, nonostante la fragilità della regione e le preoccupazioni espresse sia dalle popolazioni indigene che dalla comunità scientifica.  Dapprima il presidente si era rifiutato di effettuare la Dichiarazione di Impatto Ambientale sui mari di Beaufort e di Chukchi; in seguito ha sospeso uno scienziato federale, colpevole di aver dichiarato i pericoli per flora e la fauna connessi alle esplorazioni; infine, ha accelerato la concessione dei permessi di trivellazione alla Shell e ha fatto vari tentativi – come già avvenuto sotto l’amministrazione Bush – di  (s)vendere l’Arctic National Wildlife Refuge alle Big Oil.

L’Artico fa gola a tutti. In gennaio scrivevo:

Nel 2008, una stima della United States Geological Survey ha stabilito che sotto i ghiacci del Polo Nord si celano circa 90 miliardi di barili di petrolio e altri 44 miliardi di gas naturale liquido, distribuiti in 25 aree geologicamente esplorabili. Dei totali stimati, circa l’84% si trova in mare aperto. Per questo sempre più esperti sono convinti che il futuro del mondo si giocherà a nord, dove il rapido scioglimento dei ghiacci promette di aprire questo immenso forziere di risorse ancora intatte.
In altre parole, l’Artico è una torta e tutti ne vogliono una fetta.

In questo quadro, che ne sarà degli abitanti dell’Artico? Potrebbero essere tentati dal partecipare al business più che ad ostacolarlo, incamerandone ovviamente le briciole. L’unica certezza è che rivestiranno un ruolo sempre più marginale. Un peccato, se pensiamo che il Consiglio Artico è al momento l’unica organizzazione internazionale che permette ai popoli indigeni di sedersi al proprio tavolo, in parità con gli Stati membri.
È prevedibile che i diritti degli abitanti saranno sempre più emarginati. La storia ci insegna che un evento può tradursi in vittoria o sconfitta, ricchezza o povertà a seconda del punto di vista in cui ci poniamo. Quella dell’Artico dice che il passato appartiene ai popoli e il presente agli Stati, ma il futuro, probabilmente, sarà delle multinazionali

Nel primo vertice di Rio, quello del 1992, per la prima volta le Nazioni Unite lanciarono l’allarme sul massiccio sfruttamento degli ecosistemi, aggravato dalle violenze alle popolazioni indigene delle zone sfruttate. A distanza di vent’anni, non si può dire che abbiamo fatto passi avanti, anzi. In un’ipotetica scala di responsabilità riguardo al peggioramento degli standard di vita di una comunità, il primato negativo spetta proprio alla Shell. I disastri causati nel Delta del Niger sono sotto gli occhi di tutti – questo sito ne offre una sintesi. La compagnia, sempre generosa nella distribuzione di dividendi ai propri azionisti, non è mai stata in grado di rispettare gli standard di sicurezza ambientali, ragion per cui è stata ripetutamente trascinata in tribunale. Il totale degli sversamenti in mare ammonta ad oltre 1,51 miliardi di litri di petrolio. Shell ha anche ammesso di aver finanziato i signori della guerra attivi in Nigeria. Non certo il miglior biglietto da visita per un’azienda di livello mondiale.
Le probabilità che gli incidenti nella regione artica abbiano conseguenze peggiori sono ampiamente documentate.  il perché lo avevo spiegato qui, citando un rapporto di Greenpeace dove si approfondivano le ragioni tecniche per cui le trivellazioni nell’Artico sono potenzialmente più dannose rispetto a quelle effettuate in zone tropicali:

Le condizioni estreme della regione determinano un pericoloso mix di maggiori rischi e minori possibilità di quantificarli e contenerli rispetto alle operazioni di esplorazioni in aree più esotiche. Rischi che le compagnie non sono adeguatamente preparate (e disposte) ad affrontare.

Le compagnie non sono in grado di assicurare il contenimento degli incidenti, né saprebbero come rispondere ad una fuoriuscita di petrolio al di sotto dei ghiacci. E non vi è alcuna infrastruttura in grado di gestire le emergenze nel raggio di migliaia di chilometri.
I responsabili riuniti a Rio, sapevano queste cose? Certamente si, ma erano anche consapevoli di quanto pesa l’appoggio delle Big Oil nelle proprie campagne elettorali – più di tutti lo sa Obama, che ha dato carta bianca a Shell a meno di sei mesi dal voto di novembre. In compenso, come spiegavo l’altra volta a Rio si è discusso di come incentivare la green economy, la panacea di tutti i mali.
Considerata la vulnerabilità dell’ecosistema nordico, gli annunci di imminenti trivellazioni nell’Artico sono la cronaca di un disastro annunciato. E forse, irreversibile.

Anche la Cina alla conquista dell’Artico

Le acque (finora) incontaminate dell’Artico hanno da tempo attirato l’attenzione degli Stati – e delle compagnie petrolifere. Adesso anche la Cina, geograficamente fuori dalla regione, si è messa in corsa per accaparrarsi una fetta del profondo Nord. E la sua immensa capacità di investimento assicura che sarà un giocatore chiave nella partita.
Pochi giorni fa il governo cinese  e quello islandese hanno raggiunto un accordo per lo sviluppo in comune di attività di ricerca, esplorazione ed estrazione nell’Artico:

The Arctic’s oil reserves were high on the agenda for energy-hungry China during the high-powered delegation’s visit to Iceland – though Sigurdardottir [il premieri islandese, n.d.r] touted the Arctic deal as a research collaboration.
“These agreements will provide various opportunities for increased cooperation on research between Icelandic and Chinese scientists in this area,” her office said on its website.
Iceland’s strategic location near the Arctic has not gone unnoticed in China, the world’s biggest energy consumer: the shrinking of the polar ice cap is making the region’s mineral resources more accessible.

Attività che vedono altresì il supporto del governo svedese.
Si tratta del secondo tentativo di Pechino di guadagnarsi un posto al sole sulle coste islandesi, dopo che lo scorso ottobre il governo di Reykjavík aveva respinto un’offerta di acquisto di un grosso appezzamento di terra (pari allo 0,£% dell’isola) da parte del milionario cinese Huang Nubo.

La strategia di Pechino per l’Artico è illustrata in questa ottima analisi su Diplomat:

The United States is shifting its focus from the Atlantic across to the Pacific. However, if an Arctic century is on the horizon, then China is at the forefront of it. While Washington enhances its relationships across the Asia-Pacific basin, Beijing is busy engaging Arctic Ocean coastal states en masse. The Middle Kingdom is apparently interested in the commercial viability of new shipping lanes and developing the resources that lie underneath and along the Arctic seabed. Ostensibly to achieve its objectives, China is engaging the region at an unprecedented pace. Beijing’s comprehensive engagement of Arctic states demonstrates that China’s ambition isn’t just to be a Pacific power, but a global one. Questions that remain are: what is Beijing’s intention in the Arctic, and by extension what type of global power will China be?

China has been in the Arctic since the early 1990s, but only recently began seeking to enhance its engagement there as a permanent observer in the Arctic Council.  [...] China’s accession would serve more as a symbolic gesture than one that grants China tangible authority.

Così, mentre gli Stati Uniti ci concentrano sull’oceano Pacifico, orientandosi verso una inevitabile regionalizzazione della propria politica estera, la Cina – che peraltro nel Pacifico è già ampiamente presente – volge il suo sguardo verso l’Artico alla ricerca di spazi vuoti da colmare.
Il più ghiotto di questi è la Groenlandia, in vista di ingenti ricchezze minerarie in procinto di essere rese accessibili dallo scioglimento dei ghiacci:

Copenhagen and Beijing elevated their relationship to that of a “strategic partnership” in 2008 to include cooperation in technology, science, and trade. Denmark made the tactical decision to prioritize its economic relationship with China while turning a blind eye to issues such as human rights. To be sure, this burgeoning bilateral relationship holds enormous economic benefits, not only for Denmark, but also for Greenland, which remains under Denmark’s jurisdiction.
Greenland is endowed with substantial deposits of minerals including rare earths, uranium, iron ore, lead, zinc, petroleum, and gemstones. Currently, 80 percent of Greenland is covered by an ice sheet. However rising temperatures have exposed numerous mineral belts. One such area, the Kvanefjeld deposit, is estimated to produce 20 percent of the global rare earth supply, making it the world’s second-largest deposit of rare earths.
[il primo è proprio la Cina, n.d.r.]
With limited fiscal resources, Greenland depends on outside investment to develop its mineral reserves.

Non passerà molto prima che la Cina arrivi a considerare la Groenlandia come un’area di propria pertinenza, al pari di Angola, Sudan o Mozambico.
Che l’ex Impero di Mezzo voglia sbarcare qui per rimanerci è testimoniato dal programma della Chinese’s Arctic and Antarctic Administration che prevede tre spedizioni nell’Artico e altre cinque in Antartide entro il 2015, oltre alla realizzazione di una nuova nave rompighiaccio che farebbe il paio con la Xue Long, operativa dal 2003.

Nella partita al polo Pechino vuole giocare d’anticipo perché il suo principale competitor, nel frattempo, sta per muoversi verso lo stesso obiettivo. Si tratta non degli Stati Uniti, bensì dell’India, le cui attuali risorse finanziarie e scientifiche non consentono una completa esplorazione dell’Artico, ma che qui sta varando un complesso programma di rafforzamento della propria presenza.
Se quella tra Cina e India sarà la partita del futuro, lo scioglimento dei ghiacci aprirà un nuovo terreno di confronto anche qui.

Artico, trivellazioni e incidenti. I rischi della corsa all’oro nero

A due anni esatti dal disastro della Deepwater Horizon nel Golfo del Messico, l’industria petrolifera registra un nuovo incidente nel corso di attività offshore:

An oil spill in the Russian Arctic affected an area of up to 8,000 square meters after workers tried to open an old well, causing oil to gush uncontrollably for 37 hours, officials said Monday.
The spill at the Trebs field started on Friday and continued through the weekend, spurting out up to 500 tonnes of oil per day, the Nenets autonomous district administration said on its website Monday.
The government of the Nenets autonomous district estimated the area of the oil spill at more than 5,000 square metres (53,000 square feet), while the Russian natural resources ministry said 8,000 square metres (86,000 square feet) of land had been affected.

La fuoriuscita è avvenuta nel giacimento Trebs, situato nel Distretto Autonomo dei Nenet, nordovest della Russia, dove si stima siano contenuti 153 milioni di barili di petrolio. Qui le attività petrolifere, iniziate intorno al 1960, sono condotte da una joint venutre tra le compagnie Lukoil e Bashneft. Non è tanto la quantità di petrolio sversata in mare a doverci preoccupare, quanto l’ubicazione. Siamo in piena regione artica.
Come ho già spiegato in gennaio, l’Artico possiede le maggiori riserve mondiali di idrocarburi non ancora sfruttate, tanto che l’industria petrolifera considera la regione come l’ultima frontiera per la ricerca e l’estrazione di oro nero. Una percentuale significativa di tali ricchezze si trova in mare aperto, in fondali poco profondi e biologicamente produttivi. Ma le operazioni necessarie per lo sviluppo dei giacimenti presentano difficoltà e rischi di cui le compagnie non sembrano tenere conto.
Peraltro, non è la prima volta che gli ambientalisti denunciano la possibilità di disastri ecologici a causa delle attività offshore nella Siberia occidentale. Questa esauriente analisi sul sito di Greenpeace illustra le ragioni per cui gli sversamenti nell’Artico sono più probabili  – e potenzialmente più dannosi – che nelle altre latitudini:

The Arctic’s extreme weather and freezing temperatures, its remote location and the presence of moving sea ice severely increase the risks of oil drillingcomplicate logistics and present unparalleled difficulties for any clean-up operation. Its fragile ecosystem is particularly vulnerable to an oil spill and the consequences of an accident would have a profound effect on the environment and local fisheries.

In the Arctic´s freezing conditions, oil is known to behave very differently than in lower latitudes. It takes much longer to disperse in cold water and experts suggest that there is no way to contain or clean-up oil trapped underneath large bodies of ice. Toxic traces would linger for a longer period, affecting local wildlife for longer, be transported large distances by ice floes and leave a lasting stain on this pristine environment.

The oil industry has demonstrated time and time again that it is simply not prepared to deal with the risks and consequences of drilling in the Arctic

Le condizioni estreme della regione determinano un pericoloso mix di maggiori rischi e minori possibilità di quantificarli e contenerli rispetto alle operazioni di esplorazioni in aree più esotiche. Rischi che le compagnie non sono adeguatamente preparate (e disposte) ad affrontare.
La drammatica conclusione è che:

The oil industry cannot guarantee the safety of Arctic drilling and is recklessly putting profit before the environment. As Cairn’s recent operations prove, the immense technical, economic and environmental risks of drilling in the Arctic just aren’t worth it.

Continua a leggere

Artico: il presente è degli Stati, il futuro delle multinazionali

Nel 2008, una stima della United States Geological Survey ha stabilito che sotto i ghiacci del Polo Nord si celano circa 90 miliardi di barili di petrolio e altri 44 miliardi di gas naturale liquido, distribuiti in 25 aree geologicamente esplorabili. Dei totali stimati, circa l’84% si trova in mare aperto. Per questo sempre più esperti sono convinti che il futuro del mondo si giocherà a nord, dove il rapido scioglimento dei ghiacci promette di aprire questo immenso forziere di risorse ancora intatte.
In altre parole, l’Artico è una torta e tutti ne vogliono una fetta. Un banchetto al quale si potrà partecipare solo sedendosi al tavolo giusto: quello del Consiglio Artico.

Continua a leggere