Aggiornamento sulla siccità negli USA

US Siccità Monitor, 21 Agosto, 2012

Secondo la U.S. Drought Monitor, questa settimana si sono registrati alcuni miglioramenti in certe aree e notevoli peggioramenti in altre. Per quanto riguarda l’agricoltura, la siccità ha un pò allentato la presa sui terreni coltivati, rimanendo comunque ben oltre i livelli di guardia. La mancanza d’acqua riguarda l’85% del raccolto di mais, l’83% della soia, il 63% di fieno. Il 71% delle zone riservate agli allevamenti risultano colpite. Quasi la metà dei campi di grano (49%) e di soia (46%) attraversa una fase di siccità “Estrema” (D3) o “Eccezionale” (D4).

E in siccità estrema o eccezionale sono i due terzi dell’Iowa – 67,5%, con una variazione del +5% rispetto alla scorsa settimana -, il più grande produttore di mais dell’Unione. Nebraska, Kansas, Missouri e Illinois sono nella stessa condizione. Drammatico lo scenario in quest’ultimo Stato, dove la percentuale di terreni colpiti è salita al 96,72%: più del 17% rispetto a sette giorni fa. Lievi miglioramenti, invece, nel vicino Indiana, dove la pioggia ha portato un pò di ristoro: l’area dello Stato in siccità D3 o D4 è sceso di 9 punti percentuali, al 37,09%.

Ciò ha portato sia ad una diminuzione della resa agricola, sia ad una vendemmia anticipata. Ulteriori impatti di questa settimana includono la chiusura di un tratto di 11 miglia del fiume Mississippi vicino a Greenville, a causa dei livelli di acqua bassa e degli incendi in espansione dal nord della California a Idaho. Le piogge previste nel Midwest – la regione più colpita – entro le prossime due settimane, secondo i meteorologi, non basteranno a migliorare la situazione.

Russia Today ritiene che la siccità aumenterà il numero di americani che soffrono la fame, ma in realtà il mondo intero rischia una grave crisi alimentare in conseguenza della siccità negli USA.

About these ads

One thought on “Aggiornamento sulla siccità negli USA

  1. Pingback: Obama ha vinto, ma le sfide iniziano adesso « GeoPoliticaMente

I commenti sono chiusi.